Aggancio in vetta per l’Atletico Sorrento

domenica 10 dicembre 2017 0 commenti

Atletico Sorrento-F3 Nocera 2-1 

Atletico Sorrento: Miccio; Di Leva, Veropalumbo, Schiazzano, Arcucci; De Simone (84’ Longobardi), Satariano, Verde, Russo; Prestigiovanni F. (81’ Palomba), Mantice (70’ Di Gregorio). A disposizione: Armano, Rega, Esposito, Bisogno. Allenatore: Ferrara.  
F3 Nocera: Gigantino; Morrone (63’ Pierri), Crispo, Fabbricatore, Califano; Zarrella, Spera (79’ Pecoraro), Russo; Attanasio (72’ Bellino), Boffardi (70’ Nigro), Mansi I (77’ Mansi II). A disposizione: Napoletano. Allenatore: Pepe.
Arbirtro: Ciccarelli di Castellamare di Stabia.
Reti: 29’ Russo (S), 37’ Attanasio (N), 52’ Verde (S).
Ammoniti: Miccio, Prestigiovanni (S), Gigantino, Morrone, Califano, Russo (N). Espulso al 62’ Califano (N) per doppia ammonizione.

L’Atletico Sorrento grazie al successo per due reti ad una sul F3 Nocera e alla contemporanea pesante sconfitta del Levorate a Rovigliano (4-1), perfeziona l’aggancio in vetta al girone G della Seconda Campania e guarda fiducioso alle prossime giornate dove approfittando di un calendario che si presenta più che mai favorevole potrebbe addirittura concretizzarsi una fuga solitaria. 
Tutto è bene quel che finisce bene ma la partita odierna è stata pesantemente condizionata da un arbitraggio ai limiti del surreale. Con un arbitro ragazzino che ha fischiato a casaccio per tutta la durata dell’incontro facendo indispettire entrambe le squadre. Una vera perla la convalida della rete del momentaneo pareggio nocerino viziata da un evidente fallo di mano. Numerosissimi falli (da una parte e dall’altra) non fischiati. In compenso ha fischiato diversi fuorigioco inesistenti. Un elemento totalmente inadatto ad arbitrare un incontro di calcio che per sua fortuna si è trovato a dirigere due squadre dotate di abbondantissimo self control. Non oso immaginare cosa sarebbe potuto accadergli in altri contesti.
Una partita tra due squadre ben messe in campo che davano molto importanza alla fase difensiva con pochissime occasioni da rete. L’Atletico Sorrento riusciva a sbloccare il risultato al 29’ con una bella azione manovrata finalizzata da Gianmaria Russo con un tiro rasoterra a fil di palo susseguente ad una tentativo in rovesciata di Mantice ribattuto dal corpo di un difensore. I nocerini riuscivano ad ottenere il momentaneo pareggio al 37’ con Attanasio che batteva Miccio da distanza ravvicinata dopo aver stoppato il pallone con il braccio destro. Un fallo evidentissimo visto di tutti i presenti tranne che dall’arbitro. Il gol che ha deciso l’incontro è arrivato al 52’: al termine di un prolungato batti e ribatti in area nocerina la palla finiva sul piede destro di Lucio Verde che dal limite dell’area la spediva in fondo alla rete con un forte diagonale. Pochi minuti dopo i nocerini rimanevano in dieci per l’espulsione di Califano cosa che facilitava il controllo del risultato da parte dei sorrentini. Questi avrebbero anche potuto più volte incrementare il bottino sfruttando le larghe maglie della difesa ospite ma venivano sistematicamente fermati dall’arbitro con fuorigioco inesistenti.
La prossima giornata l’Atletico Sorrento sarà in trasferta a Lettere mentre il Levorate ospiterà l’Olimpia Capri che potenzialmente occupa la terza posizione in classifica sebbene risulti quinta dovendo recuperare l’incontro con il Lettere in programma ieri rinviato causa le avverse condizioni meteomarine che hanno impedito al Lettere di raggiungere l’isola. 

Share/Bookmark

La Folgore Massa si inchina al Leverano

La capolista BCC Leverano si è aggiudicata meritatamente il big match dell’Atigliana superando la SNAV Folgore Massa per 3 set ad 1 (19-25, 25-20, 16-25, 19-25). Squadra esperta e concreta il Leverano è sceso in campo con un preciso piano tattico da attuare per prevalere sulla Folgore e fin dall’inizio ha indirizzato tutte le proprie battute su Alessio Ferrini minandone ben presto l’efficienza in ricezione costringendolo spesso all’errore e ricavandone diversi breakpoint. Per contro le battute eseguite dai ragazzi della Folgore erano assai meno efficaci consentendo abbastanza spesso al palleggiatore ospite Andrea Laterza di fornire ottimi palloni alle proprie bocche da fuoco. La Folgore è riuscita a limitare i danni grazie soprattutto ad un superlativo Scialò in evidente crescita rispetto alle ultime apparizioni. Sul finale di primo set la Folgore si faceva cogliere per ben due volte in fallo di formazione permettendo ai pugliesi di incrementare ulteriormente il proprio vantaggio e di chiudere il parziale sul 25-19.
Ad inizio secondo set la situazione non cambiava e il Leverano allungava nuovamente nel punteggio costringendo Nicola Esposito a togliere dal campo Alessio Ferrini sostituendolo con Gianluca Amitrano. Il cambio si rivelava più che mai azzeccato: Le battute di Amitrano riuscivano a mettere in evidente difficoltà la ricezione del Leverano impedendogli di contrattaccare in modo efficace e propiziavano il sorpasso della Folgore che si portava a condurre 19-17. Orefice riusciva a mettere a terra due palloni consecutivi riportando nuovamente in avanti il Leverano ma la Folgore riconquistava il servizio con un attacco di Scialò. A questo punto Nicola Esposito giocava il jolly mandando in battuta Marcello Miccio al posto di Fabio Cuccaro e ne veniva ricambiato con due ace consecutivi e una difesa in tuffo dello stesso Miccio su attacco del centrale ospite che consentiva alla Folgore di incamerare un altro punto sul successivo contrattacco del solito Scialò. Azioni che esaltavo il tifo bianco verde che trasformava il Palatigliana in una bolgia infernale sospingendo la Folgore verso la meritata aggiudicazione del set.
Al cambio campo Nicola Esposito decideva di rimetter in campo la formazione iniziale. Quelli del Leverano ne approfittavano per riprendere a battere su Alessio Ferrini portandosi in vantaggio 6-2. A questo punto Esposito tornava sui propri passi e rimandava in campo Amitrano. Quelli del Leverano avendo ancora ben presente come si era concluso il set precedente iniziavano a battere con continuità su Ferenciac riuscendo in breve tempo a mandare in tilt pure lui, facendogli perdere sicurezza pure in attacco. Servirebbe un cambio per farlo rifiatare ma in panchina non c’è nessuno che possa sostituirlo. Sul 15-8 per Leverano entra Della Mura al posto di Deserio ma la mossa non è sufficiente per consentire alla Folgore di recuperare l’enorme svantaggio. Anzi, il Leverano approfitta di tre ace consecutivi di Pippo Scrimieri sul solito Ferenciac per incrementare ulteriormente il vantaggio chiudendo il parziale sul punteggio di 25-16.
Nel quarto set Nicola Esposito riconferma la formazione con cui aveva chiuso il terzo. Quelli del Leverano invece approfittano della falla aperta su Ferenciac in ricezione per accumulare subito un discreto vantaggio. Sul 9-4 a sfavore Nicola Esposito rimanda in campo Deserio al posto di Della Mura e Miccio per Aprea. La Folgore riesce a recuperare qualche punto ma purtroppo Ferenciac in ricezione continua a fare acqua. Al suo posto entra Ferrini, ma la pezza è peggio del buco ed allora ci si affida nuovamente a Ferenciac. Sul 20-14 a sfavore la Folgore ha un ultimo sussulto e riesce a rosicchiare tre punti al Leverano portandosi a -3 (20-17) salvo perderli nuovamente negli scambi successivi. Il set si chiude 25-19 per Leverano che questa sera si è dimostrata più forte della Folgore ricevendo l’applauso finale dello sportivissimo pubblico presente insieme ai ragazzi di casa che, onestamente, hanno fatto quanto era in loro potere.     

Share/Bookmark

Stasera Folgore Massa-BCC Leverano grande pallavolo al Palatigliana

sabato 9 dicembre 2017 0 commenti

Questa sera alle ore 18.00 al Palatigliana di Sorrento va in scena il big match della nona giornata del girone G della serie B maschile di pallavolo tra la SNAV Folgore Massa e la capolista BCC Leverano che fin qui ha sempre vinto lasciando per strada solo due punti ad Aversa e Cerignola.
Una partita che mette uno di fronte all’altro due tra i bomber del girone, Giuseppe Scialò dalla parte della Folgore Massa e Alessandro orefice da parte del BCC Leverano, supportati dai due palleggiatori Gianpio Aprea e Andrea Laterza, tutti elementi capaci di ben comportarsi anche in A2. Da non sottovalutare i due martelli dei pugliesi Stefano Sergio e Andrea Galasso cui la Folgore risponde con i giovani Alessio Ferrini e Paul Ferenciac che fin qui hanno alternato ottime prestazioni ad altre meno buone, anche nel corso della stessa partita ma che con l’apporto del pubblico del Palatigliana sapranno senz’altro tirar fuori il meglio del loro repertorio. Completano la formazione pugliese i due centrali Filippo Scrimieri e Marco Serra e il libero Matteo Franco a cui la Folgore risponde con i centrali Fabio Cuccaro e Michele Deserio e il ibero Luigi Denza.
La Folgore che dopo il passo falso di domenica scorsa a Tricase da dove poteva tranquillamente tornare a casa con tre punti ma invece ne ha colto solo uno è scivolata a sei punti dal vertice per cui stasera deve far di tutto per conquistare la vittoria in modo da accorciare la classifica.
Un incontro del genere merita due arbitri di eguale spessore e questa volta la FIPAV non ha badato a spese inviando Giovanna La Rocca di Latina (primo arbitro sul seggiolone) e Cosmo Costa di Isernia (secondo arbitro tra le due panchine).
Come al solito spettacolare la cornice di pubblico che sarà offerta dal Palatigliana per cui si consiglia vivamente di giungere al palazzetto con almeno mezzora di anticipo sull’orario di inizio.

Share/Bookmark

Atletico Sorrento eliminato in coppa pronto a ricattarsi in campionato con l’F3 Nocera

venerdì 8 dicembre 2017 0 commenti

Montecalvario-Atletico Sorrento 1-0 

Montecalvario: D’Isanto, Rizzo, Tramontano, Farina (53’ Di Donna), Imperatrice, Vessella (55’ Cioffi), Panfili, Pisani (26’ Trito), Aiello, De Chiava (71’ De Chiava), Mastroianni (55’ Bagnoli). A disposizione: Egizio, Troise. Allenatore: Paolucci.
Atletico Sorrento: Armano, Veropalumbo, Schiazzano, Ruocco (56’ Di Leva), Esposito, Mantice (65’ Di Gregorio), Palomba, Russo, Rega, Verde, Vanacore (80’ Ferrara). A disposizione: Miccio, Bisogno, De Simone, De Rosa. Allenatore: Ferrara. 
Arbitro: Furiello di Napoli.
Rete: 70’ Bagnoli (M) rigore.
Ammoniti: Farina (M); Verde, Vanacore (S).

Dopo la vittoria casalinga per 3-2 di due settimane fa nella gara di andata giocata al Campo Italia, i ragazzi di mister Marcello Ferrara sono stati sconfitti per 1-0 nella gara di ritorno disputata mercoledì sera al Denza di Posillipo e causa la doppia valenza dei gol segnati in trasferta lasciano a testa alta la Coppa Italia. 
Il tecnico rossonero concede un turno di riposo ad alcuni titolari e approfitta dell’occasione per concedere un poco di spazio a chi finora si è impegnato tantissimo negli allenamenti ma non ha avuto altrettante occasioni per scendere in campo. Partita maschia ma cavalleresca, veloce, ben studiata tatticamente da entrambe le squadre ma avara di occasioni da rete. L’Atletico Sorrento va vicino alla segnatura con un incrocio dei pali colpito da Gianmaria Russo su calcio di punizione dal limite. Qualche azione personale da parte di entrambe le squadre ma nulla di veramente concreto. A decidere l’incontro e la qualificazione agli ottavi di finale della Coppa Italia regionale di Seconda Categoria è un calcio di rigore trasformato da Bagnoli al 70’. 
Archiviata la Coppa Italia non senza un pizzico di delusione i ragazzi dell'Atletico sono già concentrati sull’importante incontro di domenica pomeriggio al Campo Italia contro l'F3 Nocera incontro che sarà diretto dal signor Mario Ciccarelli della sezione AIA di Castellammare di Stabia.

Share/Bookmark

Sliding doors fatali al Sant'Agnello: in pochi minuti dal possibile pari al tris dell'Eclanese

martedì 5 dicembre 2017 0 commenti

ECLANESE – SANT’AGNELLO 3-0 

ECLANESE (4-4-1-1) Napolitano; Della Valle (40’ pt Grasso C.), Capossela, Guardabascio, Grasso A. (3’ st Volzone); Coppola, Garzone, Caruso (37’ st Minicozzi), Orefice; Tammaro (32’ st Guerriero); Pugliese (21’ st Borrillo). A disp: Ruggiero, Nitti. All: Martino.
SANT’AGNELLO (4-3-3) Stinga; De Stefano, Buonomo, Palladino, Breglia (10’ st Veniero); Gargiulo V. (30’ st Ferro), Serrapica, Nocerino (28’ st Vanacore); Ferrara (40’ pt Di Giulio Cesare), Zarrella, Minicone (10’ st Marino). A disp: Zurino, Cascone. All: Russo.
Arbitro: Sig. Cristopher Russo della Sezione AIA di Ariano Irpino. Assistenti: Benevento e Leonetti. 
Reti: 4’ Tammaro (E), 52’ Pugliese (E), 62’ Volzone (E).
Note: Ammoniti: Pugliese (E), Della Valle (E), Serrapica (S), Napolitano (E), Palladino (S), Di Giulio Cesare (S). Espulso: Guardabascio (E) al 45’+1 st per comportamento irriguardoso. Corner: 2-2. Recupero: 3’ pt, 6’ st.

Si ferma a 2 la striscia di risultati utili consecutivi del Sant’Agnello, che sul campo sterrato di Mirabella Eclano reso ancora più pesante del solito dalla pioggia copiosa abbattutasi nella giornata di ieri sulla Campania, non riesce a sfruttare gli episodi all’inizio delle ripresa che avrebbero potuto far girare la gara a favore della compagine guidata dal mister Giulio Russo. Breglia ha infatti sui piedi due grosse chance all’uscita dagli spogliatoi, quando il risultato era ancora sull’1-0 a favore di un’Eclanese molto più cinica. Il servizio al bacio di Zarrella libera l’attaccante costiero in campo aperto: il tempo di aspettare il rimbalzo giusto per aprire il piattone sul piede preferito e mancino a giro che fa la barba al palo uscendo di millimetri alla destra di Napolitano. Poco dopo l’estremo difensore irpino compie un autentico miracolo opponendosi ad una sassata dello stesso Breglia a botta sicura da distanza ravvicinata, e sliding doors irrimediabilmente chiuse con la rete di Pugliese 5 giri di lancette più tardi che taglia definitivamente le gambe ai biancazzurri costretti ad uscire a testa bassa da un impianto molto ostico dal quale non è uscita indenne neanche la capolista Agropoli.
Torna Breglia dal primo minuto, il jolly De Stefano trasloca sulla corsia destra mentre Giulio Russo conferma la coppia centrale formata da Buonomo e Palladino. Nessun cambio nella zona nevralgica del campo rispetto al match convincente contro la Battipagliese, mentre in attacco l’unico superstite è il bomber Minicone. Esordio dal primo minuto per il ’99 Zarrella dopo 54 minuti raccolti in 2 spezzoni a gara in corso contro Virtus Avellino e Audax Cervinara, mentre il classe 2000 Ciro Ferrara va ad occupare la corsia destra alta abbandonata dal primo minuto dal derby contro il San Vito Positano.
L’Eclanese passa subito al primo affondo grazie ad un filtrante di Pugliese che taglia con troppa facilità la difesa costiera da sinistra a destra, diventando un comodo assist per Tammaro pronto per il tap-in vincente sul palo lungo. La squadra di Giulio Russo risponde con ordine dopo lo svantaggio: Nocerino sfiora subito il pari dalla distanza, e poi con un’inzuccata al termine di una carambola all’interno dell’area di rigore irpina. Al 10’ Minicone mette i brividi con un destro a giro dal vertice dell’area di rigore che scheggia il palo alla sinistra di Napolitano, poi Zarrella si avventa su una seconda palla senza riuscire a calibrare bene la potenza. Al 25’ il Sant’Agnello dispone di una ghiottissima occasione su calcio piazzato: Palladino inventa, sponda di Breglia per l’efficace inserimento di Gargiulo V. che in spaccata va vicinissimo al pareggio. 2 giri di lancette più tardi l’Eclanese risponde con Della Valle lanciato a rete in posizione defilata sulla destra: Stinga va incontro chiudendo ogni spazio, con la conclusione del difensore irpino che si stampa sul palo esterno. Poco dopo Stinga è ancora provvidenziale su Della Valle, mentre Orefice approfitta di un’indecisione della difesa per battere di prima intenzione, ma chiude troppo la traiettoria e la sfera finisce sul fondo. Al 34’ Orefice mette i brividi al Sant’Agnello, mentre la sponda di Breglia per Zarrella risulta un pizzico lunga e l’azione sfuma.
All’uscita dagli spogliatoi le due ghiotte chance non concretizzate da Breglia, e dopo il secondo legno irpino centrato da Tammaro, l’Eclanese raddoppia con Pugliese che ruba il tempo a tutti su cross dalla destra di Grasso C. Gara in ghiaccio al minuto 62, quando Volzone va a segno di tacco beffando la retroguardia santanellese. Il tris è un duro colpo per il morale dei costieri, che provano a realizzare almeno il gol della bandiera con una potente punizione dalla lunga distanza di Palladino deviata in corner, ed infine con un tiro di Vanacore da posizione defilata sulla sinistra che trova soltanto i guantoni di Napolitano. In pieno recupero sciocchezza di Guardabascio, costretto ad abbandonare anzitempo la gara per aver apostrofato in maniera irriguardosa un calciatore costiero in occasione di un normale contrasto di gioco.

Giovanni Minieri (Area Comunicazione FC Sant'Agnello) 

Share/Bookmark

A Tricase Folgore sconfitta al tiebreak

domenica 3 dicembre 2017 0 commenti

La SNAV Folgore Massa torna dalla trasferta più lunga del campionato, quella di Tricase, comune a pochi chilometri da Santa Maria di Leuca - in pratica sulla punta del tacco d'Italia - con un solo punto in saccoccia. Un incontro rocambolesco che la Folgore ha iniziato malissimo il primo set ritrovandosi ad un certo punto a -10 punti dai padroni di casa (20-10) salvo poi dar luogo ad una strepitosa rimonta che si è interrotta a -1 dall'aggancio (22-21). Perso il primo set 25-21 ha dominato i due successivi, distanziando nettamente il Tricase 19-25 e 15-25 mentre il tecnico di casa, Michele De Giorgi, fratello del più famoso Fefè, operava numerose sostituzioni nel vano tentativo di arginare gli attacchi di Scialò e compagni. Quando sembrava che i biancoverdi avessero la vittoria in pugno, inaspettatamente, ad inizio quarto set la squadra di casa riusciva a ribaltare la situazione sfavorevole con una partenza sprint guadagnando in poco tempo un vantaggio di 7 punti (12-5) su una Folgore che appariva nuovamente frastornata. Il vantaggio del Tricase rimaneva sostanzialmente immutato fino al 17-11 quando si arrivava al turno al servizio di Paul Ferenciac che con una serie di battute al salto ben assestate propiziava un altra clamorosa rimonta della Folgore che riusciva addirittura a scavalcare i padroni di casa portandosi a condurre 18-17. Così come nel primo set la Folgore non riusciva a concretizzare la rimonta e doveva inchinarsi alo sprint finale dei padroni di casa, che agevolati da un errore arbitrale e da un cartellino rosso mostrato ad Amitrano per proteste eccessive si aggiudicavano il set con il punteggio di 25-22. Si andava così al quinto set. Il primo break era dei padroni di casa che si portavano avanti 7-5 ma la Folgore reagiva immediatamente e si aggiudicava quattro scambi consecutivi portandosi a sua volta avanti 9-7. Il Tricase spinto dal'incitamento dei propri tifosi riusciva nuovamente a ribaltare la situazione sul 13-11 e poi sul 14-12. Due attacchi punto di Ferrini e un servizio vincente di Amitrano consentivano alla Folgore di annullare due match point e di procurarsene a sua volta due, ma alla fine i padroni di casa riuscivano a prevalere conquistando il set con il punteggio di 18-16.
Purtroppo per la Folgore questo vuol dire terza sconfitta su quattro partite giocate in trasferta, perdita del secondo posto in classifica e distacco dalla testa che è salito a sei punti. A questo punto diventano fondamentali i prossimi due incontri con Leverano (sabato prossimo al Palatigliana) e Aversa Normanna (il sabato successivo in trasferta).

Share/Bookmark

Atletico Sorrento battuto il Piano con una doppietta di Pasquale Mantice

Piano Pizzeria Lucia-Atletico Sorrento 0-2

Piano Pizzeria Lucia: Gargiulo, Beato, D'Alessio (6' Maresca), Palomba, Coppola, Pane, Cicchiello, D'Auria, Del Pizzo, Pollio, Belgenio (70' Castellano). A disposizione: Ferraiuolo, Esposito, Cocurullo, Iaccarino, Arpino. Allenatore: Maresca.
Atletico Sorrento: Miccio, Veropalumbo, Bisogno (70' Di Gregorio), Schiazzano, D'Esposito (46'Arcucci), Di Leva, De Simone, Satariano (85' Rega), Mantice, Ruocco (46' Prestigiovanni F.), Verde. A disposizione: Armano, Palomba, Esposito. Alleantore: Ferrara.
Arbitro: Siano di Nocera Inferiore.
Reti: 79' Mantice (S), 90' Mantice (S).
Ammoniti: Pane, Palomba, Cicchiello, D'Auria (P); D'Esposito (S)

L'Atletico Sorrenti si aggiudica il derby con il Piano Pizzeria Lucia grazie ad una dopietta messa a segno da Pasquale Mantice nei minuti ffinalidi un match condizionato oltre misura dalle cattive condizioni atmosferiche che hanno imperversato in mattinata sul Cerulli di Massa Lubrense. 
Decide la partita due gol di Pasquale Mantice il primo al minuto 79 calciando la palla in rete su un cross perfetto di Francesco Veropalumbo, la seconda al minuto 90 quando si liberava in area di due avversari calciando ancora in fondo al sacco. 
Partita prive di emozioni causa la forte grandinata all'inizio della gara e dalla pioggia caduta per tutto il resto della gara che ha reso scivoloso il tappeto sintetico del Marcellino Cerulli
Il sucesso odierno permette all'Atletico Sorrento di mantenere la seconda posizione in classifica a tre punti dalla capolista Levorare distanziando di due lunghezze l'Olimpia Capri che ha pareggiato 2-2 sul campo dell'F3 Nocera.
Mercoledì l'Atletico Sorrento sarà impegnato nella delicata trasferta di Napoli per la gara di ritorno di Coppa Italia dilettanti.  

Share/Bookmark

Atletico Sorrento: battuto lo Stabia Friends. Testa della classifica più vicina (-3)

domenica 26 novembre 2017 0 commenti

Stabia Friends-Atletico Sorrento 0-1

Stabia Friends: Longobardi, Santoro (82’ Somma), Sicignano M., Mercurio (71’ Assante), Ruggiero, Cuomo, Cascone, De Feo, Santanicola, Leone, Sorrentino (60’ Galasso). A disposizione: Di Martino, Sicignano V., D’Apuzzo, Guida. Allenatore: Coppola.
Atletico Sorrento: Miccio, Russo (72’ Ruocco), Arcucci, Schiazzano, Veropalumbo, Di Leva, De Simone, Satariano, Mantice (83’ Palomba), Solimene (41’ Bisogno), Verde. A disposizione: Armano, D’Esposito, Vanacore. Allenatore: Ferrara.
Arbitro: Cardenia di Castellamare di Stabia.
Rete: 47’ Bisogno (Sorrento)
Ammoniti: Santoro, De Feo, Cuomo (Stabia); Veropalumbo (Sorrento). Espulso: 87’ Somma (Stabia).

L’Atletico Sorrento vince col minimo scarto (1-0, gol di Nello Bisogno all’inizio del secondo tempo) sul difficile campo dello Stabia Friends, consolida la seconda posizione in classifica e si avvicina alla vetta portandosi a soli tre punti dalla capoclassifica Levorate fermata sullo 0-0 dall’AFFE Nocera. Mantiene il passo l’Olimpia Capri che travolge 6-0 il Piano Pizzeria Lucia prossima avversaria dell’Atletico Sorrento.
Questa in sintesi il responso della sesta giornata del girone G della Seconda Categoria Campana. Le gare in programma oggi infatti non avranno alcuna influenza sul vertice della classifica.
Tornando ad approfondire il discorso sulla gara di ieri pomeriggio a Casola tra Stabia Friends e Atletico Sorrento c’è da rilevare che dopo la parentesi infrasettimanale in Coppa Italia dove mister Ferrara aveva applicato un robusto turn over la squadra rossonera si è schierata in campo con la migliore formazione attualmente possibile anche se mancano all’appello diversi titolari ancora alle prese con problemi di diversa natura. A questi purtroppo andrà temporaneamente ad aggiungersi anche Michele Solimene vittima di uno stiramento che lo ha costretto a lasciare il campo poco prima della fine del primo tempo. Proprio il suo sostituto Nello Bisogno è stato l’autore dell’unica rete dell’incontro messa a referto in apertura di secondo tempo. Per il resto si è assistito ad un incontro molto tattico con le due squadre che hanno badato soprattutto alla fase difensiva forse perché intimorite da un terreno di gioco in sintetico non al meglio a causa delle avverse condizioni atmosferiche.
Un successo importantissimo che come già detto permette all’Atletico Sorrento di consolidare la seconda posizione in classifica alle spalle della capolista Levorate ora a soli tre punti di distanza dopo il pareggio a reti bianche su campo dell’AFFE Nocera, squadra che aveva riservato lo stesso trattamento anche ai rossoneri alla seconda giornata. Analizzando attentamente la classifica, che potete vedere in sintesi anche nel box qui a destra ci si accorge che i rossoneri finora hanno affrontato tutte le squadre della parte alta della classifica escluso la capolista Lavorate con la quale se la vedranno solo dopo la pausa natalizia ricevendola al Campo Italia il 7 gennaio 2018. Da adesso in poi, senza per questo voler essere irriverenti con le avversarie ancora da affrontare, dobbiamo constatare che il cammino da affrontare fino al termine del girone di andata si presenta prevalentemente in discesa a cominciare dal derby con il Piano Pizzeria Lucia in programma sabato pomeriggio al Cerulli di Massa Lubrense.

Share/Bookmark

Sant'Agnello: fermata la Battipagliese

SANT’AGNELLO – BATTIPAGLIESE 0-0  

SANT’AGNELLO (4-3-3) Stinga; Di Giulio Cesare (31’ st Cascone), Buonomo, Palladino, De Stefano; Gargiulo V. (44’ st Veniero), Serrapica, Nocerino; Lazzazzara (18’ st Ferrara), Marino (13’ st Breglia), Minicone. A disp: Zurino, Esposito R., Aiello. All: Russo.
BATTIPAGLIESE (4-3-3) Gravagnone; De Giorgi, Criscuolo, Casale (10’ pt Consiglio), Mogavero (45’+4 st Impesi); Di Lascio (23’ st Tarcinale), Iuliano, Rago; Manzo (35’ st Longo), Saurino, Adiletta. A disp: Antico, Mangiapia, Cascone A. All: Santosuosso.
Arbitro: Sig. Michele Palomba della Sezione AIA di Torre del Greco.
Note: Ammoniti: Serrapica (S), Saurino (B), Breglia (S), Criscuolo (B). Corner: 4-2. Recupero: 1’ pt, 5’ st.
La  posta in palio tra Sant’Agnello e Battipagliese è altissima, e non è un caso se la partita diventa ben presto maschia, con la compagine costiera guidata da Giulio Russo che dimostra di esserci sempre con la testa attraverso un prova di grande sacrificio e abnegazione. 2° risultato utile consecutivo per il Sant’Agnello, che muove la classifica lasciando a secco le pericolose bocche da fuoco battipagliesi a segno per ben 5 volte nelle precedenti 2 gare in cui avevano raccolto 6 punti sui 6 disponibili. 
Le zebrette sfruttano l’impetuosa fisicità di cui dispongono, mentre i costieri chiudono tutti gli spazi mantenendo sempre i reparti corti e compatti, provando a sfruttare i guizzi dei propri pesi leggeri, mentre l’intelligenza tattica di Gargiulo fa sì che si trovi sempre al posto giusto nel momento giusto per creare situazioni di pericolo.
Debutto dal primo minuto per il classe 2000 Di Giulio Cesare che rimpiazza Cascone sulla corsia bassa destra, il jolly tascabile De Stefano si sistema sulla corsia opposta mentre a difesa di Stinga è confermatissima la coppia centrale Buonomo-Palladino. Serrapica detta i tempi del gioco coadiuvato dai fidi scudieri Gargiulo V. e Nocerino, mentre in attacco lo squalificato Lauro viene sostituito da Marino in versione “falso nueve” con Lazzazzara nuovamente dal primo minuto dopo Palma Campania e l’estro fuori categoria di Minicone a creare grossi problemi alla retroguardia bianconera.
Dopo 10 minuti Manzo scalda i guantoni di Stinga con un destro insidioso dalla lunga distanza, mentre il Sant’Agnello replica quasi immediatamente con una perentoria incornata di Buonomo su corner di Palladino che si perde larga. Le zebrette si fanno nuovamente pericolose con un tiro di Saurino da fuori area, quindi De Stefano legge in anticipo il perfetto lancio di Palladino alle spalle delle difesa, ma Gravagnone sceglie bene il tempo in uscita e salva tutto. Al 42’ Stinga si supera su una gran botta a incrociare di Saurino, poi Palladino è strepitoso in estirada ad intercettare il filtrante di Adiletta diretto verso Saurino che già pregustava la ghiotta chance per sbloccare la gara. Al 45’ Minicone vede il movimento di Marino a liberarsi della marcatura, stop e tiro fulmineo respinto da Gravagnone, Lazzazzara si avventa per il tap-in vincente ma non inquadra la porta.
In avvio di ripresa Palladino fa venire i brividi a tutta la panchina ospite grazie ad una meravigliosa punizione a foglia morta che testa i riflessi di Gravagnone, abile a distendersi alla propria sinistra per deviare in corner un traiettoria destinata all’angolino. Dal corner seguente Gargiulo V. svetta più in alto di tutti, perfetto impatto con il pallone che esce di un nulla oltre la traversa.   De Stefano dai 20 metri impegna nuovamente il portiere bianconero, con la replica della squadra di Santosuosso affidata ad una conclusione velleitaria di Manzo che non impensierisce più di tanto Stinga. Al 76’ gran giocata di Minicone che con un dolce tocco di esterno manda Tarcinale a gambe all’aria, poi conclude con un destro a giro che scheggia il montante. Poco dopo resta qualche dubbio su un contatto tra Ferrara  ed un difensore bianconero al termine di un ubriacante slalom tra le difesa ospite. All’80’ Gargiulo V. si libera per lo stacco di testa su punizione mancina di Palladino ma la sfera si perde sul fondo. Allo scadere De Stefano trova la sponda di Breglia a lanciare Nocerino verso la porta, ma lo stop a seguire del talentuoso centrocampista biancazzurro risulta di un pizzico lungo e l’azione sfuma. L’ultima azione degna di nota è ancora di marca costiera: Nocerino allarga per Minicone che vince ancora il duello personale con Tarcinale, cross teso verso l’area piccola dove non c’è nessuno ad attaccare lo spazio per la deviazione vincente. 
Questa l’analisi del mister santanellese Giulio Russo a fine gara: “Oggi abbiamo dovuto battagliare contro una Battipagliese al completo, che ha cercato di fare la propria gara per portare a casa l’intera posta in palio. I miei ragazzi hanno fatto una prova sontuosa sotto il piano di grinta, attenzione e cattiveria, mancando soltanto di quel pizzico di cinismo in più per spingere la sfera in fondo al sacco. In molte situazioni è venuta fuori l’esperienza degli attaccanti bianconeri, che cercavano il duello fisico con la nostra retroguardia per innescare una reazione che poteva tramutarsi in un cartellino pesante. In una partita come questa vanno tanti elogi alla coppia centrale che ha saputo tenere a bada un attaccante importante per questa categoria come Saurino. Da rimarcare la prova del 2000 Di Giulio Cesare, all’esordio dal primo minuto dopo essere subentrato a fine gara ad Agropoli, così come lo spirito dei calciatori che sono entrati a gara in corso, sempre pronti al sacrificio per mettere in cascina punti importanti. Le occasioni migliori sono state proposte dalla nostra squadra, con Marino e Lazzazzara nel primo tempo ed un paio di inzuccate di Gargiulo V. che avrebbero meritato maggiore fortuna. La classifica purtroppo non è cambiata tantissimo, ma sono soddisfatto della prestazione dei ragazzi e dobbiamo ripartire da questa gara per fare bottino pieno già a partire dal prossimo match contro l’Eclanese”.

Questa l’analisi del mister Giulio Russo a fine gara: “Oggi abbiamo dovuto battagliare contro una Battipagliese al completo, che ha cercato di fare la propria gara per portare a casa l’intera posta in palio. I miei ragazzi hanno fatto una prova sontuosa sotto il piano di grinta, attenzione e cattiveria, mancando soltanto di quel pizzico di cinismo in più per spingere la sfera in fondo al sacco. In molte situazioni è venuta fuori l’esperienza degli attaccanti bianconeri, che cercavano il duello fisico con la nostra retroguardia per innescare una reazione che poteva tramutarsi in un cartellino pesante. In una partita come questa vanno tanti elogi alla coppia centrale che ha saputo tenere a bada un attaccante importante per questa categoria come Saurino. Da rimarcare la prova del 2000 Di Giulio Cesare, all’esordio dal primo minuto dopo essere subentrato a fine gara ad Agropoli, così come lo spirito dei calciatori che sono entrati a gara in corso, sempre pronti al sacrificio per mettere in cascina punti importanti. Le occasioni migliori sono state proposte dalla nostra squadra, con Marino e Lazzazzara nel primo tempo ed un paio di inzuccate di Gargiulo V. che avrebbero meritato maggiore fortuna. La classifica purtroppo non è cambiata tantissimo, ma sono soddisfatto della prestazione dei ragazzi e dobbiamo ripartire da questa gara per fare bottino pieno già a partire dal prossimo match contro l’Eclanese”

Giovanni Minieri (Area Comunicazione FC Sant'Agnello)

Share/Bookmark

Folgore Massa netto 3-0 al Matervolley

sabato 25 novembre 2017 0 commenti

La Folgore Massa riscatta la sconfitta di sabato scorso ad Ottaviano battendo, abbastanza agevolmente, per 3 set a 0 (25-19, 25-12, 25-17) la giovane formazione del Matervolley Castellana.
Mister Nicola Esposito ne approfitta per concedere un turno di riposo al capitano Gianpio Aprea reduce dal doppio infortunio alla caviglia in modo da averlo in piena forma nei prossimi incontri. Al suo posto, in regia, si accomoda Marcello Micco, con Peppe Scialò opposto, Alessio Ferrini e Paul Ferenciac in banda, Fabio Cuccaro e Michele Deserio centrali, Luigi Denza libero.
I giovani del Matervolley hanno molti margini di miglioramento davanti a loro ma per il momento sono ancora troppo acerbi e possono opporre una scarsissima resistenza ad una squadra come la Folgore. Partita senza storia fin dai primi scambi. Padroni di casa subito nettamente avanti (8-4) che poi si limitano ad amministrare chiudendo il primo parziale sul 25-19. A partire dal secondo set mister Esposito decide di dare spazio anche ad Elio Cormio e Marco Della Mura inserendoli al posto di Ferenciac e Cuccaro ma la musica non cambia, anzi, la Folgore si impone ancora più nettamente conquistando il secondo parziale con il punteggio di 25-12. Ad inizio terzo set i ragazzi della Folgore hanno un calo di attenzione permettendo al Matervolley di portasi a condurre 6-1 ma basta un time out per ritrovare la concentrazione, annullare lo svantaggio in men che non si dica (10-10) e proseguire di slancio chiudendo il terzo set sul 25-17 in meno di 90 minuti di gioco complessivo.
La prossima settimana Folgore Massa impegnata a Tricase (Lecce) domenica sera alle 18.00 

Share/Bookmark

Atletico Sorrento successo in Coppa con il Montecalvario

giovedì 23 novembre 2017 0 commenti

Atletico Sorrento-Montecalvario 3-2

Atletico Sorrento: Armano, Arcucci, Lettieri, Ruocco, Bisogno, Solimene (56’ Veropalumbo), Russo, Satariano (47’ Mantice), De Simone (81’ Di Leva), D’Esposito (56’ Palomba), Vanacore (60’ Schiazzano). A disposizione: Miccio, Longobardi. Allenatore: Ferrara.
Montecalvario: D’Isanto, Rizzo, Tramontano, Trinchella, Di Donna, Cioffi, Mastroianni, Panfili, Bagnoli, Romano (61’ Troise), Pisani. A disposizione: Farina, Grillo, De Chiara F., Vessella, De Chiara P., Tecchio. Allenatore: Condemi.
Arbitro: Cesarano di Torre Annunziata. 
Reti: 8’ Bisogno (S), 32’ Bagnoli (M) rigore, 34’ Solimene (S), 55’ Mantice (S), 61’ Troise (M).
Ammoniti: Mastroianni (M); Veropalumbo, Ruocco, Mantice (S).

Terza vittoria consecutiva per l’Atletico Sorrento che dopo aver battuto Real Rovigliano e Olimpia Capri in campionato ottiene il tris superando per 3-2 il Montecalvario nell’andata dei sedicesimi di finale della Coppa Italia Campana riservata alle formazioni di Seconda Categoria.
Mister Ferrara fa ampio ricorso al turnover riconfermando solo tre degli undici titolari utilizzati domenica scorsa con l’Olimpia Capri ma la qualità del gioco non sembra risentirne eccessivamente e i rossoneri passano in vantaggio dopo appena 8 minuti dal’inizio con Nello Bisogno bravo a rubar palla al limite dell'area e successivamente a battere D'Isanto con un tiro piazzato. Il Montecalvario, già affrontato e battuto a maggio nella finale di Supercoppa di Terza Categoria, non demorde e riesce ad ottenere il pareggio al 32’ con un calcio di rigore concesso in seguito ad un fallo in area di Vanacore ai danni di Panfili, trasformato da Bagnoli. A smuovere nuovamente il risultato di parità ci pensa dopo solo due minuti Michele Solimene ribadendo in rete di testa un cross dalla fascia sinistra di Nello Bisogno. Al decimo della ripresa Pasquale Mantice, entrato ad inizio ripresa al posto di Roberto Satariano porta a tre le segnature dei rossoneri. Sei muniti più tardi, al 61’ Troise approfitta di una distrazione della difesa rossonera e realizza la seconda reti per gli ospiti fissando il risultato sul 3-2 finale rimandando l’esito della qualificazione agli ottavi alla gara di ritorno in programma il 6 dicembre prossimo

Share/Bookmark

Sant'Agnello pari meritato a Castel San Giorgio

lunedì 20 novembre 2017 0 commenti

CASTEL SAN GIORGIO – SANT’AGNELLO 1-1

CASTEL SAN GIORGIO (3-5-2) Cesarano; Somma (5’ st Ferrentino), Romano M., Terlino; Matrone (5’ st Vitiello), Ferrara, Maio, Siano, Di Sanza; Napoletano (36’ st Pontone), Albano (32’ st Romano U.). A disp: De Luca, Nocerino A., Olimpo. All: Cerminara.
SANT’AGNELLO (4-3-3) Stinga; Cascone, Buonomo, Palladino, Breglia; Nocerino C. (4’ st Gargiulo V.), Serrapica, De Stefano; Marino (30’ st Lazzazzara), Lauro, Minicone (34’ st Vanacore). A disp: Zurino, Veniero, Ferrara C., Carrano. All: Russo.
Arbitro: Sig. Carlo Esposito della Sezione AIA di Napoli (Romano/Bovino).
Reti: 23’ pt Lauro (S), 25’ pt Di Sanza (C).
Note: Al 44’ st Stinga (S) respinge un calcio di rigore battuto da Romano U. (C). Espulso: Lauro (S) al 21’ st per gioco violento. Ammoniti: Maio (C), Romano M. (C), Albano (C), Ferrentino (C). Corner: 3-6. Recupero: 1’ pt, 4’ st.

Terzo risultato utile consecutivo lontano da Viale dei Pini per il Sant’Agnello di Giulio Russo, che sblocca meritatamente la gara con una giocata sull’asse Nocerino-Lauro ma si fa riprendere appena 120 secondi più tardi a causa di un’indecisione fatale. Nella ripresa Marino su calcio piazzato fa gridare al gol, ma la respinta di Cesarano è tanto goffa quanto efficace, con l’estremo difensore rossoblù che abbranca la sfera dopo un legno salvifico a mantenere il pallone lungo la linea di porta. L’inferiorità numerica cambia l’inerzia della gara, i padroni di casa spingono, Ferrentino trova soltanto la traversa mentre Alessandro Stinga para il secondo rigore stagionale permettendo al Sant’Agnello di mantenere la scia del Costa d’Amalfi in zona play-out.
L’infortunio di Esposito costringe il mister a ridisegnare la difesa con Buonomo nuovamente dal primo minuto dopo Nola a far coppia con Palladino al centro della difesa. De Stefano fa rifiatare Gargiulo V. nella zona nevralgica del campo, mentre il confermatissimo trio d’attacco è quello composto da Marino, Lauro e Minicone.
Cascone prova subito la bordata dal limite senza inquadrare la porta, mentre un Lauro in grande spolvero sovrasta tutti ed incorna di un soffio alto su cross di Minicone dall’out mancino. Al 18’ Marino vince un rimpallo e va via in progressione sulla destra, palla tesa al centro dove Minicone trova la respinta della difesa ospite, quindi Lauro si avventa sulla seconda palla senza riuscire a trovare il varco giusto per calciare verso la porta. Il vantaggio è il legittimo epilogo di una prima parte di gara dove il Sant’Agnello mantiene stabilmente il pallino del gioco: Nocerino inventa per Lauro, dribbling su Cesarano in uscita e palla infilata dolcemente sul secondo palo da posizione defilata. L’euforia è tanta, la squadra stacca un attimo la spina e Di Sanza non perdona trovando subito il gol che ristabilisce l’equilibrio. Alla mezz’ora Siano ha il tempo di girarsi e scaricare una staffilata che si stampa sulla traversa, quindi in ripartenza Minicone manda al bar Somma e serve un cioccolatino che attraversa tutta l’area piccola senza trovare nessuno a scartarlo sul secondo palo. Al 39’ Lauro gira di testa su corner di Palladino, poi Stinga salva tutto su Albano allo scadere della prima frazione di gioco.
I padroni di casa provano a spingere ed Albano da distanza ravvicinata spara fuori misura. Subito dopo è Marino-show: l’attaccante classe ’98 prima impegna Cesarano con un diagonale insidioso, poi si incarica della battuta di un calcio di punizione che si infrange sul palo dopo aver danzato lentamente lungo la linea di porta. Al 58’ il Sant’Agnello protesta per un intervento su Gargiulo V. all’altezza del vertice destro dell’area di rigore, per il direttore di gara il contatto è fuori area e Palladino spedisce il pallone oltre la trasversale. Stinga si oppone a Di Sanza e Ferrara, poi come un fulmine a ciel sereno giunge il rosso diretto a Lauro per gioco violento, ed il finale diventa palpitante e ricco di capovolgimenti di fronte. La parabola mancina scagliata da Ferrentino termina la propria corsa sul legno alla destra di Stinga, poi Lazzazzara si libera del proprio marcatore e dall’interno dell’area piccola impegna l’estremo difensore rossoblù. Non è finita. Minuto 89: Palladino sfiora con il braccio, l’arbitro non ha dubbi e concede il calcio di rigore. Dagli 11 metri si presenta il capocannoniere Romano U., ma Stinga conferma la fama di pararigori e dopo aver già ipnotizzato Vitale a Casalbuono contro il Valdiano, si distende alla propria sinistra e neutralizza la massima punizione salvando il risultato. L’estremo difensore santanellese ci mette ancora i guantoni per dire di no a Ferrentino dalla distanza, mentre in pieno recupero De Stefano vede Cesarano fuori dai pali e cerca il jolly con un pallonetto dai 50 metri che l’estremo difensore riesce non senza fatica ad allontanare dallo specchio della porta.
Giovanni Minieri (Area Comunicazione FC Sant'Agnello

Share/Bookmark

L’Atletico Sorrento fa suo lo scontro diretto con l’Olimpia Capri

domenica 19 novembre 2017 0 commenti

Atletico Sorrento-Olimpia Capri 3-0 

Atletico Sorrento: Niccio, Di Leva, Schiazzano, Veropalumbo, Arcucci; Satariano (87’ Bisogno), Cerciello, Russo (55’ Ruocco); De Rosa, Palomba (64’ Solimene), Mantice. A disposizione: Armano, D’Esposito, ettieri, Verde. Allenatore: Ferrara.
Olimpia Capri: De Rosa, Vallone, Viva, Galasso, Cipolletta (51’ Pierleoni), Notari (33’ Gargiulo), Somma (63’ Usai), Parlato, Mellino (73’ Federico), Biancardi (87’ Caso), De Falco. A disposizione: Aversa, Santarpia. Allenatore: Staiano.
Arbitro: Enzo Vasily Vitale di Castellammare di Stabia
Reti: 1’ Russo (S), 84’ Satariano (S), 88’ Solimene (S)
Ammoniti: Veropalumbo, Arcucci e Satariano (S); De Falco e Biancardi (C). 

L’Atletico Sorrento batte 3-0 l’Olimpia Capri, la affianca al secondo posto in classifica e mette nel mirino la capolista Levorate. A dire il vero il risultato finale punisce oltre misura un Olimpia Capri che è rimasta in partita fino al minuto 84 anche se non ha mai impensierito seriemente la porta difesa da Eduardo Miccio. I padroni di casa dell’Atletico Sorrento sono passati al primo minuto di gioco sfruttando nel migliore dei modi una ripartenza conclusa da un tiro rasoterra di Gianmaria Russo scoccato dal versante sinistro dell’area di rigore che si è infilato in rete vicino al palo opposto. Una segnatura talmente precoce lasciava ipotizzare un incontro ricco di reti ed invece per più di un ora non è successo quasi più niente. Un incontro giocato più con l’agonismo che con la tecnica avaro di occasioni da rete, sempre che non si vogliano considerare tali alcune conclusioni da lontano che non riuscivano mai ad andare a bersaglio lasciando disoccupati i due portieri. Per assistere a qualche azione da rete bisognava spettare l’ultima mezzora, quando, con entrambe le squadre col fiato corto, gli spazi si dilatavano e venivano alla ribalta gli elementi tecnicamente dotati quali Francesco De Rosa e il neo entrato Michele Solimene, vecchia conoscenza dei tifosi locali (128 presenze ed 11 reti con la maglia del Sorrento tra il 2001 e il 2007). I rossoneri si rendevano più volte pericolosi con rapide azioni di contropiede. Al 75’ cross di Solimene da sinistra, sponda di testa di De Rosa per Mantice che pressato da un difensore ospite mandava il pallone a sorvolare la traversa di pochi centimetri. Cinque minuti dopo Cerciello da ottima posizione calciava sulla barriera un calcio di punizione. Passavano altri cinque minuti ed i rossoneri conquistavano un calcio di punizione a trenta metri dalla porta. Inspiegabilmente il Capri decideva di non mettere la barriera consentendo a Satariano di calciare in porta senza nessun ostacolo e realizzare il gol del 2-0 infilando il pallone sotto la traversa. Quattro minuti dopo all’88’ l’Atletico passa ancora: lancio in profondità di Francesco Di Leva per Solimene che difende il possesso palla con astuzia e giunto al limite dell’area effettua un pallonetto beffardo che supera il portiere uscito a vuoto depositando il pallone in fondo alla rete. 3-0 e tutti a casa. Da stasera l’Atletico è tornato nuovamente in corsa per la promozione alla serie superiore.

Share/Bookmark

Una brutta Folgore sconfitta nettamente ad Ottaviano

sabato 18 novembre 2017 0 commenti

Continua la serie negativa della Folgore Massa sul campo di Ottaviano. Le aspettative della vigilia di poter finalmente tornare a casa con i tre punti sono puntualmente naufragate una volta in campo. La Gis Ottaviano si è dimostrata nettamente superiore alla Folgore assumendo il comando delle operazioni fin dai primi scambi di gioco e lo ha mantenuto per tutta la durata dell’incontro fatta eccezione per due periodi - fine primo set e metà terzo set – gli unici in cui si è vista all’opera la vera Folgore. Una Folgore a tratti troppo brutta per essere vera, handicappata anche dall’infortunio occorso ad inizio del terzo set al palleggiatore Gianpio Aprea che ha preso un pestone sulla caviglia infortunata sabato scorso ed è stato costretto ad abbandonare definitivamente il campo. Escludendo i due periodi suddetti in cui la Folgore ha prevalso sull’Ottaviano per 14-7 e 12-6 nel resto del match l’Ottaviano ha prevalso abbastanza nettamente: 20-15, 25-13, 14-5, 25-14 denotando una superiorità talmente schiacciante quasi si trattasse di un match tra una squadra che lotta per la promozione ed una che invece lotta per non retrocedere. 
Il primo dei due periodi in cui la Folgore ha giocato da Folgore le è valso addirittura la conquista del primo set che si è aggiudicato con il punteggio di 27 a 29 dopo aver recuperato dal 20-15 e aver annullato tre palle set ai padroni di casa. Una rimonta concretizzatasi quasi tutta nel turno di servizio di Fabio Cuccaro che con le sue battute flottanti è riuscito a mettere in grossa difficoltà la ricezione dell’Ottaviano impedendole di fornire palloni puliti al palleggiatore Libraro. 
A quel punto si è creduto di aver trovato l’arma efficace per sconfiggere l’Ottaviano ed invece all’inizio del set successivo i padroni di casa hanno piazzato un 5-0 che ha definitivamente tagliato le gambe alla Folgore che non è stata più in grado di reagire perdendo il set col punteggio di 25 a 13. Un tentativo di reazione si è avuto solo a metà del terzo set sul punteggio di 14-5 per l’Ottaviano, quando la Folgore ha ottenuto un parziale di 12 a 6 a proprio favore portandosi a tre punti dai padroni di casa. Nel momento di difficoltà l’Ottaviano faceva ricorso a diversi trucchi del mestiere riuscendo infine ad anestetizzare la possibile rimonta di Scialò e compagni e conquistando il set col punteggio di 25-20.
Quarto set molto simile al secondo sia come andamento, che come punteggio finale, 25-14 e tutti a casa. Con la speranza che la sconfitta odierna possa servire come insegnamento per il futuro.
Sabato prossimo la Folgore sarà impegnata al Palatigliana (ore 18) con il Matervolley Castellana Grotte.

Share/Bookmark

Sorrento: ritorna il derby col Capri

Domani pomeriggio, domenica 19 novembre, al Campo Italia di Sorrento, con inizio alle ore 16, andrà in scena l’incontro della quinta giornata del campionato regionale campani di Seconda Categoria Girone G tra Atletico Sorrento e Olimpia Capri.
Le due squadre si sono già affrontate in Coppa Italia, il 14 ottobre, ad Anacapri, con vittoria dei rossoneri per 3-2 con gol decisivo di Gianmaria Russo al 93’. Domani pomeriggio ci sarà la rivincita al Campo Italia. Un incontro che l’Atletico Sorrento vuole assolutamente vincere per non fa aumentare ulteriormente il distacco dall’attuale capolista Lavorate Calcio che ha già giocato oggi pomeriggio incamerando la quinta vittoria su cinque incontri disputati.
In settimana i rossoneri hanno lavorato alacremente agli ordini del mister Marcello Ferrara per mettere a punto condizione fisica e schemi in vista di quest’incontro che viene considerato fondamentale per il prosieguo del torneo. Possibile l’esordio già dal primo minuto degli ultimi arrivati Francesco Lettieri, Luca Circiello e Michele Solimene.
L’incontro sarà diretto dal signor Enzo Vasily Vitale della sezione AIA di Castellamare di Stabia.
Per ultimo vogliamo ricordare a chi già non lo sapesse che gli incontri di calcio tra formazioni sorrentine e capresi erano molto frequenti nella prima metà del secolo scorso già molto prima del 1935 quando nacque la Fascio Giovanile Sorrento la prima vera squadra calcistica sorrentina. L’incontro più vecchio di cui si ha notizia è datato 19 aprile 1925: Capri-Sorrento 1-0. Pochi giorni fa ci è stata recapitata una foto della squadra caprese che giocò contro quella sorrentina datata 1927 che vedete qui sotto.

Share/Bookmark

Stasera (18.30) big match tra Gis Ottaviano e Folgore Massa

Si gioca stasera al PalaGis di Ottaviano, con inizio alle ore 18.30, l’incontro valido per la sesta giornata del campionato di pallavolo maschile, serie B girone G, tra l’Emrafoods Gis Ottaviano e la SNAV Folgore Massa.
Un derby regionale divenuto abituale nelle ultime stagioni che finora ha visto sempre primeggiare l’Ottaviano anche se nell’ultima occasione, il 4 marzo scorso, i ragazzi della Folgore andarono molto vicini al colpo grosso e in vantaggio di 2 set ad 1 smisero improvvisamente di giocare e furono battuti 15-11 al tiebreak. 
Negli anni passati la Folgore si è sempre presentata ad Ottaviano indietro in classifica, quest’anno invece ci va con tre punti di vantaggio (12 a 9) sui rivali che hanno iniziato il campionato con due sconfitte per 3-0 con Udas Cerignola (fuori) e BCC Leverano (in casa) per poi riprendersi vincendo le tre successive con Ostuni (1-3 fuori), Potenza (3-1 in casa) e Taranto (3-0 fuori). Folgore che invece, come sappiamo, ha vinto 4 delle 5 partite disputate perdendo solo a Taranto (di misura seppure per 3 set a 1) quando dovette fare a meno dell’opposto Giuseppe Scialò per buona parte dell’incontro causa infortunio.
Folgore che va ad Ottaviano decisa a mettere finalmente una pietra sopra alla serie negativa potendo contare su tutti i titolari. In settimana avevano destato qualche preoccupazione le condizioni di salute del capitano Gianpio Aprea costretto ad abbandonare il campo sul 18-14 del quarto set con il Bari per una distorsione alla caviglia. Le ultime notizie che ci giungono dalla società lo danno per pienamente recuperato e pronto a scendere in campo per dar corpo all’ennesimo duello col palleggiatore della GIS Antonio Libraro. Una sfida che mette uno di fronte all’altro due tra i migliori palleggiatori del girone. Due atleti che non sfigurerebbero nemmeno in A2.
Folgore che va ad Ottaviano con un discreto numero di sostenitori al seguito, mentre chi non è riuscito ad andare potrà seguire l’incontro attraverso la diretta video irradiata attraverso la pagina facebook della Folgore Massa.
L’incontro sarà diretto dal signor Dario De Martino (primo arbitro) e dalla signora Assunta De Curtis (secondo arbitro) entrambi del CP Fipav di Napoli.

Share/Bookmark

L’Atletico Sorrento......torna a sorridere. Col Rovigliano vittoria di carattere

lunedì 13 novembre 2017 0 commenti

Real Rovigliano-Atletico Sorrento 0-1

Real Rovigliano: Del gaudio, Longobardi (76’ Donadio), Matarese, Di Capua, Bisogni, Cono (72’ Martorano), Guidi (47’ Di Maio), Gencarelli, Carlucci, Formisano, Saidy. A disposizione: Tufano, Immobile, Carotenuto, Grassano. Allenatore: Iannaco.
Atletico Sorrento: Miccio, Russo, Arcucci (93’ D’Esposito), Schiazzano, Veropalumbo, Di Leva (95’ Ferrara), De Simone (67’ Bisogno), Satariano, Mantice, Palomba (83’ Longobardi), De Rosa. A disposizione: Armano, Vanacore, Fausto. Allenatore: Ferrara.
Arbitro: Amato di Battipaglia.
Rete: 7’ De Rosa (S).
Ammoniti: Formisano, Saidy, Immobile, Di Maio, Di Capua (R); Arcucci, Veropalumbo, Miccio, Satariano (S). Espulso: 97’ Longobardi (S).

Per i ragazzi dell'Atletico Sorrento , ritorna il sorriso. Dopo la sconfitta casalinga di domenica scorsa con il Victoria Marra Scafati la squadra ha lavorato tutta la settimana a testa bassa e nonostante sia scesa in campo accusando ancora le assenze di parecchi titolari per infortuni, ha disputato un match di grande personalità. Presentandosi a Torre del Greco concentrati e uniti, il solito coro di incitamento iniziale dallo spogliato prima di scendere in campo faceva ben capire che volevano portare a casa i tre punti.
Il risultato dell’incontro si sbloccava al 7’ di gioco quando su una bella azione manovrata di Roberto Satariano (ottima la sua prestazione) Francesco De Rosa su respinta di Donadio infilava l’incolpevole Del Gaudio.Nel prosieguo dell’incontro i ragazzi dell’Atletico sono rimasti ben concentrati sfiorando diverse volte il gol del raddoppio sia con Di Leva che con Russo che colpiva per ben due volte la traversa a portiere battuto.
Queste le dichiarazioni del presidente Schisano a commento dell’incotro rese note attraverso un post sulla pagina facebook ufficiale della squadra: “Un'ottima dimostrazione di carattere, frutto soprattutto dall'esperienza dettata dal mister Ferrara in settimana per riportare equilibrio e la giusta mentalità nello spogliatoio. Una vittoria che porta in casa Atletico la giusta serenità e quell’armonia che da alcune settimane sembrava svanita, nonostante tutti i ragazzi non abbiano mai mollato durante questo periodo”. "Non si creano possibilità, si devono regalare solo realtà"
Domenica prossima 19 Novembre allo Stadio Italia si disputerà l’incontro con l'Olimpia Capri. Un derby tra due squadre gemellate e pronte ad offrire una grande una giornata di sport.

Share/Bookmark

Folgore Massa col Bari vittoria sofferta

sabato 11 novembre 2017 0 commenti

Per la SNAV Folgore Massa l’incontro odierno che la opponeva alla Pallavolo Bari si è rivelato molto più difficile del previsto. La compagine pugliese giunta al Palatigliana con solo 5 punti in classifica contro i 9 della Folgore ha dato parecchio filo da torcere a Gianpio Aprea e compagni che sono riusciti ad avere la meglio solo al quarto set vinto 28 a 26. 
Che i baresi avessero una buona ricezione e una buona difesa era cosa risaputa, ma questa sera, in alcune circostanze, hanno fatto cose rare a vedersi, salvando due o tre attacchi di fila per poi piazzare il contrattacco vincente, preferibilmente con l’opposto  Vincenzo Petruzzelli miglior marcatore dei suoi con 20 punti. Aggiungiamoci pure qualche errore di troppo al servizio della Folgore (ben 16 le battute sbagliate contro le 3 dei pugliesi) e l’ostacolo da superare da che era una staccionata è diventato ben presto una muraglia disseminata di cocci di vetro. 
Nei primi due set la Folgore Massa è riuscita comunque a far prevalere il maggior tasso tecnico del proprio sestetto anche se si era già avuta l’avvisaglia che i pugliesi erano pronti ad approfittare di ogni piccolo calo di tensione per rifarsi sotto. 
Folgore Massa in campo col sestetto abituale: Aprea in regia con Scialò sulla diagonale, Ferenciac e Ferrini schiacciatori, Cuccaro e Deserio al centro con Denza libero. Pallavolo Bari con Latorre in regia, Petruzzelli opposto, Meringolo e Incampo schiacciatori, De Tellis e Giorgio centrali, Rinaldi libero e il mister Cavalera squalificato a seguire la partita dalla tribuna , con lo scoutman Guarini in panchina.
Primo set Folgore avanti 17-13 Bari recupera e impatta sul 18 pari. Mister Esposito fa ricorso al time out e al ritorno in campo la Folgore si riporta avanti chiudendo 25-20 con un murone di Cuccaro.
Secondo set Folgore avanti 18-12 mantiene inalterato il vantaggio fino al 22-16 poi accusa una flessione e Bari trascinata da Incampo e Petruzzelli impatta sul 23 pari. Questa volta è Ferenciac a togliere le castagne dal fuoco mettendo a terra i due punti decisivi. 25-23 per la Folgore.
Terzo set sostanzialmente in equilibrio fino al 10 pari Poi la Folgore ha un passaggio a vuoto permettendo agli ospiti di allungare sul 10-13 e poi sul 14-18. A questo punto la Folgore ha un sussulto di orgoglio, innescato da un time out infuocato di mister Esposito, e mette a terra cinque punti di fila portandosi a sua volta in vantaggio 19-18. Poi improvvisamente un altro passaggio a vuoto e Bari allunga nuovamente chiudendo il set 21-25.
Nel quarto set la Folgore ritrova la giusta concentrazione e piazza tre doppiette di punti consecutive portandosi in vantaggio 11-7. Bari piazza a sua volta tre punti di seguito e si riporta sotto 14-13. Subito dopo la Folgore allunga nuovamente sul 18-14 ma perde capitan Aprea che è costretto ad abbandonare il campo per un infortunio e viene sostituito da Marcello Miccio. Negli scambi seguenti la Folgore mantiene agevolmente il cambio palla e va al match ball sul 24-20. Incredibilmente Bari riesce ad annullare 4 palle match consecutive impattando 24-24. Folgore nuovamente avanti 25-24 ma poi viene scavalcata 25-26. A questo punto due attacchi vincenti di Peppe Scialò e uno sbagliato di Petruzzelli permettono alla Folgore di chiudere il set sul 28-26 e conquistare tre preziosissimi punti in attesa di andarsi a giocare il primo scontro diretto di alta classifica sabato prossimo ad Ottaviano. 

TABELLINO
Snav Folgore Massa 3-1 Pallavolo Bari (25-20, 25-23, 21-25, 28-26)

Folgore Massa: Aprea (0), Scialò (25), Ferenciac (20), Ferrini (11), Cuccaro (8), Deserio (10), Denza (L1)(pos 54%, prf 38%), Miccio (0), Amitrano (0), Cormio (ne), Della Mura (0), Pontecorvo (L2). 
All. Nicola Esposito Scoutman. Luigi Fiorillo
Pallavolo Bari: Latorre (4), Petruzzelli (20), Incampo (7), Meringolo (12), De Tellis (12), Giorgio (4), Rinaldi (L)(pos 73%, prf 47%), Capurso (ne), Carella (ne), Stigliano (0), D’Alessandro (ne), Di Gregorio (0).
All. Tonino Cavalera (squalificato) Scoutman Alberto Guarini
Folgore Massa - Errori al servizio (16), Aces (2), Ricezione positiva (54%), Ricezione perfetta (34%), Attacco (41%), Muri vincenti (15).
Pallavolo Bari - Errori al servizio (3), Aces (4), Ricezione positiva (52%), Ricezione perfetta (26%), Attacco (34%), Muri vincenti (15).
Arbitri: Giuseppina Stellato (Caserta), Giacomo Tartaglione (Caserta)
Durata set: 25’, 30’, 28’, 38’.



Share/Bookmark

Stasera al Palatigliana, Folgore Massa-Pallavolo Bari

Questa sera al Palazzetto dell’Atigliana di Sorrento con inizio alle ore 18 la SNAV Folgore Massa scende in campo per affrontare la Pallavolo Bari in un incontro valido per la quinta giornata del campionato di pallavolo maschile serie B girone G.
Folgore Massa reduce dalla vittoria esterna per 3-1 con la Florigel Andria e che occupa la terza posizione in con 9 punti, due in meno della capolista BCC Leverano (Lecce).
Pallavolo Bari (da non confondere con l’ASEM Bari affrontato due anni fa) reduce dalla sconfitta interna al tiebreak con la UDAS Cerignola e che nonostante i 5 punti in classifica è avversario da non sottovalutare potendo contare di un buon sestetto in cui spicca l’opposto Vincenzo Petrazzuolo (28 punti con il Cerignola).
Come solitamente accade per le partite interne della Folgore Massa è atteso il tutto esaurito per cui si raccomanda ai tifosi di anticiparsi per tempo in modo da garantirsi una comoda sistemazione e non perdersi nemmeno un minuto di partita.
L’incontro sarà diretto dalla signora Giuseppina Stellato (primo arbitro) e dal signor Giacomo Tartaglione entrambi del comitato FIPAV di Caserta.

Share/Bookmark

Verso Sant'Agnello-Audax Cervinara (convocati e conferenza stampa)

Al termine dell’allenamento di rifinitura tenutosi questa mattina sul sintetico di Viale dei Pini, il mister biancazzurro Giulio Russo ha diramato la lista dei convocati per la gara tra Sant’Agnello e Audax Cervinara. Il match,  valevole per la decima giornata del Campionato Regionale di Eccellenza – Girone B, è in programma sabato 11 novembre alle ore 14:30 presso lo Stadio Comunale in Viale dei Pini.

ELENCO CONVOCATI:

PORTIERI:  Stinga, Zurino (99).

DIFENSORI: Aiello (99), Buonomo, Cascone (99), De Stefano, Esposito R., Palladino.

CENTROCAMPISTI: D’Esposito (2000), Ferrara (2000), Gargiulo S. (99), Gargiulo V., Nocerino (98), Serrapica, Vanacore.

ATTACCANTI: Breglia, Lauro (2000), Marino (98),  Minicone, Veniero, Zarrella (99).

Giovanni Minieri (Area Comunicazione FC Sant'Agnello)

Di seguito le dichiarazioni rilasciate da mister Russo in conferenza stampa, raccolte dall'addetto stampa Giovanni Minieri:

Al Comunale di Viale dei Pini va in scena una sfida testa-coda tra due squadre che attraversano un ottimo momento di forma. Il Sant’Agnello di Giulio Russo è reduce da 3 risultati utili consecutivi e tra le mura amiche ha costruito un autentico fortino violato soltanto dalla Virtus Avellino pur considerando l’attenuante di una doppia inferiorità numerica. Dall’altra parte l’Audax Cervinara, una realtà importante del massimo campionato dilettantistico regionale che, dopo aver visto sfumare la Serie D sul filo di lana in quel di Selinunte, è pronta a contendere ad Agropoli e Valdiano lo scettro e la corona fino alla fine. Alla vigilia della gara, queste le parole del mister santanellese Giulio Russo in conferenza stampa pre-partita.  
Sfida contro la terza forza del campionato in un match sulla carta complicatissimo, ma la squadra ha già dimostrato di saper alzare l’asticella della concentrazione quando è necessario. Timore ma nessuna paura perché per la classifica è fondamentale provare a far punti contro qualsiasi avversario.
“Giochiamo in casa per cui il nostro obiettivo è a prescindere quello di mettere punti in cascina. Siamo consapevoli di affrontare una delle squadre più attrezzate nel nostro girone. Nella scorsa stagione, da neo-promossa, il Cervinara ha disputato un ottimo campionato vincendo i play-off del proprio raggruppamento fermandosi soltanto all’ultimo atto della fase nazionale sfiorando la Serie D. Quest’anno il club caudino vuole riconfermarsi avendo presentato ai blocchi di partenza un organico ritoccato in pochi elementi, la squadra ha automatismi perfetti per cui ci attende una battaglia da combattere all’ultimo sangue”.
Insieme all’Agropoli, il Cervinara è tra le poche squadre che prova a far risultato proponendo calcio. Ci saranno spazi a disposizione, ma allo stesso tempo bisognerà fare tantissima attenzione a non lasciarsi sorprendere.
“Siamo arrivati quasi alla fine del girone di andata, per cui restano poche squadre ancora da affrontare. Ho visto diversi filmati riguardanti il Cervinara, e devo ammettere che è tra le pochissime squadre inserite in questo girone che produce calcio. La ricerca del fraseggio viene messa al primo posto, disponendo di un ottimo attacco per questa categoria. Dovremo stare attentissimi alle loro incursioni e pronti a far male sfruttando le occasioni che ci concederanno”. 
1 sola vittoria nelle ultime 5 per l’Audax. Forse è il momento migliore per affrontare la squadra del mister Iuliano. Inoltre questo è un dato che mette in evidenza l’equilibrio che regna in un campionato nel quale basta una striscia di vittorie per fare un gran balzo in classifica.
“Sappiamo di affrontare una squadra forte e ben organizzata sotto il profilo tecnico-tattico. Ho caricato i miei ragazzi al massimo: dovremo essere cattivi e determinati su ogni pallone, perché dall’altra parte ci sarà una squadra più esperta per cui sarà fondamentale ridurre al minimo le disattenzioni per strappare un risultato prestigioso”. 
Le 12 reti del Cervinara hanno presentato sempre gli stessi 3 finalizzatori: come valuti questo dato e lo ritieni un piccolo vantaggio?
“Sicuramente è un dato da tenere in considerazione, perché se partiranno tutti dal primo minuto sappiamo che da soli porteranno sulle proprie spalle tutto il peso offensivo del Cervinara. La mia linea difensiva dovrà essere un muro invalicabile, sono molto fiducioso perché se i miei ragazzi sono attenti e concentrati rappresentano un valore aggiunto per l’intera squadra”.
L’approccio alla gara sarà fortissimo come dimostrano i tanti gol segnati nei primi 15 minuti, mentre il Cervinara è andato spesso in sofferenza difendendo a zona sulle palle inattive. 
Ho la fortuna di avere un ufficio stampa efficiente che mi raccoglie in maniera minuziosa i dati statistici di ogni avversario che andiamo ad affrontare nel week-end. Ho studiato il Cervinara in ogni sua sfaccettatura, poi ci vorrà grinta e feroce cattiveria agonistica sul campo per far punti. Se la squadra si esprimerà come la settimana scorsa a Nola, non c’è motivo di aver paura.  

Share/Bookmark

Col Rovigliano, Atletico Sorrento pronto a riscattare la sconfitta di domenica scorsa

giovedì 9 novembre 2017 0 commenti

Dopo l’imprevista battuta di arresto di domenica scorsa – sconfitta casalinga per 1-0 con il Victoria Marra Scafati – l’Atletico Sorrento scenderà nuovamente in campo, per l’incontro della quarta giornata del Campionato di Seconda Categoria campana girone G, domenica prossima 12 novembre alle ore 16, presso il Campo Leopardi di Torre del Greco per affrontare la compagine del Real Rovigliano.
Martedì sera, alla ripresa degli allenamenti, le condizioni atmosferiche non erano delle migliori (eufemismo) ma come riporta il presidente Antonino Schisano sulla propria pagina facebook, tale era la voglia di prepararsi nel migliore dei modi alla prossima partita, nessuno si è tirato indietro:
Ieri sera, sotto una pioggia incessante, i ragazzi dell'Atletico Sorrento si sono allenati, con grinta e a testa bassa, hanno fatto capire con il loro atteggiamento che i risultati di queste tre partite non gli stanno bene, lasciando già alle spalle la brutta domenica trascorsa. 
Ci prepariamo per la quarta di campionato che vedrà i ragazzi guidati da mister Marcello Ferrara sul campo di Leopardi, contro il Rovigliano, domenica pomeriggio alle 16.
I numerosi infortunati stanno riprendendosi alla grande, pronti per scendere in campo e dimenticare questo avvio di campionato.
Forza ragazzi, sempre con la stessa passione e grinta che ci ha uniti e fatto arrivare a grandi risultati. 
#weareatleticosorrento

Share/Bookmark

Atletico Sorrento sconfitto in casa dal Victoria Marra

domenica 5 novembre 2017 0 commenti

Atletico Sorrento-Victoria Marra 0-1

Atletico Sorrento: Miccio, Rega, Arcucci, Schiazzano, Veropalumbo, Di Leva, Verde, Satariano, Mantice, Palomba, Bisogno. A disposizione: Armano, D’Esposito, Longobardi, De Rosa, Vanacore, Ferrara, Fausto. Allenatore: Ferrara. 
Victoria Marra: Battaglia, Barbati, Capozzi, Librera, Palladino, Casillo, Polo, Ascolese, Palladino, Cimitile, Carillo. A disposizione: Orisno, Balzano, Ferraioli, Russo, Cirillo R., Cirillo D., Collaro. Allenatore: Aquino.
Arbitro: Ciccarelli di Castellamare di Stabia.
Rete: 73’ Palladino (VM).
Ammoniti: Arcucci (S); Battaglia, Polo, Cimitile, Cirillo D., Collaro (VM). Espulso 95’ Battaglia (VM) per gomitata ad un avversario a gioco fermo.

Risultato a sorpresa al Campo Italia dove l’Atletico Sorrento è stato sconfitto per 1-0 dal Victoria Marra Scafati in un incontro pesantemente condizionato dal forte vento. In quelle condizioni era praticamente impossibile controllare il pallone in modo efficace. Pallone che a volte sembrava animato da qualche folletto dispettoso che gli faceva cambiare traiettoria mandando a vuoto il giocatore che stava per colpirlo. Una scena comica che si è ripetuta tantissime volte durante i 90 minuti di gioco. 
Vento che ha messo lo zampino anche nell’azione del gol del Victoria Marra. Sul lancio in profondità di Ferraioli il portiere rossonero Miccio è uscito incontro al pallone valutando di poter anticipare il numero nove ospite Palladino ma una folata di vento ha modificato la traiettoria del pallone permettendo a Palladino (che forse era pure in fuorigioco) di anticipare Miccio e uccellarlo con un pallonetto. A quel puntosi era già al 73’ e fino ad allora avevamo registrato sul nostro taccuino solo tre conclusioni degne di nota. La prima sul fischio di chiusura del primo tempo quando Carillo (Victoria Marra) aveva calciato in porta dal limite dell’area spedendo il pallone poco la traversa della porta difesa da Miccio. Le altre due, di Francesco De Rosa, al 51’ e 72’ con conclusioni dal limite dell’area che venivano entrambe bloccate a terra dal portiere ospite Battaglia. In tutte e tre le occasioni era andata sempre al tiro la squadra col vento alle spalle.
Subita la rete i rossoneri si riversavano in massa all’attacco nel tentativo di acciuffare almeno il pareggio riuscendo ad impensierire Battaglia solo al 79’ al termine di un’azione personale di De Rosa conclusa con un tiro dal limite che il portiere riusciva a deviare in corner distendendosi in tuffo alla propria destra, ed al 89’ con un tiro da lontano di Marcello Ferrara reso insidioso da una folata di vento. In questa occasione il pallone sfuggiva al tentativo di presa di Battaglia ma per sua fortuna terminava a fondocampo sfiorando il palo alla sua destra. 
Al 95’ lo stesso Battaglia commetteva un fallo a gioco fermo su Mantice e veniva espulso. Al suo posto andava tra i pali Russo ma il calcio di punizione tirato direttamente in porta da posizione defilata da De Rosa non centrava la porta e la Victoria Marra poteva così festeggiare una inaspettata vittoria sul campo di una delle maggiori candidate al salto di categoria.
Per i ragazzi dell’Atletico Sorrento una sconfitta che deve servire da lezione per il futuro.    

Share/Bookmark

L’orchestra della Folgore le suona all’Andria

sabato 4 novembre 2017 1 commenti

Bella e convincente vittoria della SNAV Folgore Massa che perso per infortunio dopo pochi punti dall’inizio del match il suo miglior attaccante Giuseppe Scialò e perso il primo set 27-25 è riuscita ad aggiudicarsi il secondo set in volata per 25-23 per poi dilagare nel terzo (25-16) e quarto parziale (25-21) facendo suo un incontro che, per come si è svolto, potrebbe rivelarsi fondamentale per il prosieguo del torneo.
Folgore Massa che è scesa in campo con l’ormai abituale formazione tipo che prevede Gianpio Aprea in regia, Giuseppe Scialò opposto, Paul Ferenciac e Alessio Ferrini schiacciatori di banda, Fabio Cuccaro e Michele Deserio centrali e Fabio Denza libero.
Inizio di primo set favorevole alla Folgore che si porta subito avanti 9-4. A questo punto però Giuseppe Scialò accusa nuovamente il riacutizzarsi del dolore al tallone destro e chiede di essere sostituito. Al suo posto entra il giovane pugliese Elio Cormio nativo di Molfetta. In palestra c’erano parecchi familiari venuti ad ammirarlo ma che probabilmente non immaginavano di vederlo in campo per quasi tutto l’incontro. L’improvvisa perdita dell’attaccante di maggior peso costa cara alla Folgore che viene prima raggiunta (14-14) e poi superata dall’Andria che approfitta pure di alcune sviste arbitrali per compiere la  sua rimonta. Aprea e compagni provano a reagire e si riportano in partita ma alla fine cedono il set per 27-25.
Il secondo set inizia con un piccolo break dell’Andria (3-1) che la Folgore riesce subito ad annullare per poi allungare a sua volta (9-7). Man mano che si avanti nel set i ragazzi della Folgore acquistano maggiore consapevolezza delle proprie possibilità e giocano con sempre maggior sicurezza e sfrontatezza mettendo in netta difficoltà i padroni di casa. Sul 20-15 per la Folgore il set sembra già archiviato ma basta un turno di battuta per riaprirlo (20-20). Nel momento più difficile del match la Folgore riesce a tirarsi su conquistando il set in volata con il punteggio di 25-23 grazie a due battute sbagliate dell’Andria e al break decisivo di Ferenciac sul 23-22.
Ristabilita la parità i ragazzi della Folgore si liberano di tutte le paure che li opprimevano e riescono finalmente ad esprimersi liberamente con una prestazione corale degna di una grande orchestra sinfonica. Ferrini, Ferenciac, Cormio, Cuccaro, Aprea, Deserio, Denza ma anche Amitrano e Miccio danno tutti il proprio contributo alla conquista dei tre punti ben diretti dalla panchina da mister Nicola Esposito. Il terzo set va in archivio con il punteggio di 25-16. Nel quarto si va al match ball sul 24-17 salvo poi permettere all’Andria di annullarne 4 prima di soccombere definitivamente 25-21. 
Al tirar delle somme il successo è più che meritato, anche se quel passaggio a vuoto prolungato accusato sul finire del secondo set sarebbe potuto costare molto caro ma la reazione che ne è seguita potrebbe rilevarsi fondamentale per gli incontri a venire avendo contribuito ad accrescere sensibilmente l’autostima della squadra che vincendo si è resa conto di poter competere contro avversari di un certo peso anche senza l’apporto del suo miglior attaccante che speriamo di rivedere presto in campo nella sua forma migliore. A quel punto chi potrà fermare questa Folgore?

Prima di concludere permettetemi di ringraziare a nome di tutti voi Fabrizio Ruggiero e Carlo Toscano per la bellissima diretta facebook che ci ha permesso di seguire tutto l'incontro comodamente seduti nelle nostre postazioni.

Share/Bookmark

Verso Nola-Sant'Agnello: I convocati di Giulio Russo

Al termine dell’allenamento di rifinitura tenutosi questa mattina sul sintetico di Viale dei Pini, il mister biancazzurro Giulio Russo ha diramato la lista dei convocati per la gara tra Nola e Sant’Agnello. Il match,  valevole per la nona giornata del Campionato Regionale di Eccellenza – Girone B, è in programma domenica 5 novembre alle ore 11:30 presso lo Stadio Sporting Club di Nola

ELENCO CONVOCATI:

PORTIERI:  Stinga, Zurino (99).
DIFENSORI: Aiello (99), Buonomo, Cascone (99), Esposito R., Ferro (99), Palladino, Perna (99).
CENTROCAMPISTI: D’Esposito (2000), Ferrara (2000), Gargiulo V., Nocerino (98), Serrapica, Vanacore.
ATTACCANTI: Lauro (2000), Marino (98),  Minicone, Veniero, Zarrella (99).


Giovanni Minieri (Area Comunicazione FC Sant'Agnello)

Share/Bookmark

ATLETICO SORRENTO SUPERSTAR … Ingaggiati Solimene e Circiello

Antonino Schisano presidente dell’Atletico Sorrento è più che mai intenzionate a trasformare la propria “creatura” nella reginetta del campionato di Seconda Categoria. Per raggiungere il suo obiettivo non si accontenta di un organico che già tutti gli esperti giudicano come uno dei migliori della categoria ma continua a sondare il mercato per aggiungere ulteriori elementi che possano contribuire ad elevare ulteriormente il tasso tecnico della squadra. Da alcuni giorni ci aveva preannunciato che stava per piazzare due  grossi colpi di mercato e puntualmente stamattina è arrivato un doppio botto che farà sicuramente molto rumore nell’ambiente calcistico sorrentino. L’Atletico Sorrento ha infatti tesserato due “pezzi da novanta” del calibro di Michele Solimene e Luca Circiello. 
Michele Solimene, attaccante classe 1979, non ha bisogno di presentazione tale è la sua notorietà. Per descriverlo a quei pochi che non lo conoscono basta fare la lista delle squadre con cui ha giocato: Juve Stabia, Sorrento Calcio, Isernia, Savoia, Turris, Pomigliano, Vico Equense, Sant’Antonio Abate, Bacoli Sibilla Flegrea, Viribus Unitis, Pimonte e Real Vico. Con la maglia rossonera del Sorrento ha disputato cinque campionati contribuendo attivamente alla doppia promozione dalla D alla C1 collezionando complessivamente 128 presenze ed 11 reti. Il suo quindi è un ritorno a casa che farà sicuramente piacere ai supporters rossoneri.
Altro pezzo da novanta è Luca Circiello, centrocampista d’incredibile duttilità classe 1991, che si è lasciato convincere a scendere per la prima volta sui campi della Seconda Categoria dopo una carriera spesa interamente tra Serie D (soprattutto) ed Eccellenza con le maglie di Sant’Antonio Abate, Nuvla San Felice e Vico Equense. 

Share/Bookmark

DISCLAIMER - Penisola Sport è un blog d’informazione senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento. La testata ambisce ad essere una piena espressione dell'art. 21 della costituzione italiana. Pur essendo normalmente aggiornato più volte quotidianamente, non ha una periodicità predefinita e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'autore si riserva, tuttavia, la facoltà di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contrario al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.