Nel Como assente Ripa

sabato 17 settembre 2011 0 commenti


Il Como di mister Ernestino Ramella capolista inaspettato del raggruppamento A della Prima Divisione si appresta a ricevere il Sorrento tra il crescente entusiasmo dei propri tifosi. Dopo i milletrecento che mercoledì hanno assistito al vittorioso recupero con la Pro Vercelli, per domani nonostante sia previsto cattivo tempo sono attesi almeno in duemila.
La società lariana ieri ha ufficializzato l’ingaggio di due giocatori: il difensore Fabrice Som e l’attaccante Giampiero Romano, classe 1988, che era svincolato (lo scorso anno al Portogruaro).  I due non dovrebbero essere disponibili per l’incontro con il Sorrento.
Per la gara con i rossoneri mister Ramella dovrebbe avere finalmente a disposizione l’attaccante Robson Toledo, uno tra i giocatori più attesi. Sarà invece ancora assente l’ex rossonero Francesco Ripa.
Con il portoghese Diogo Tavares squalificato e Toledo che dovrebbe partire dalla panchina Ramella sembra essere intenzionato a schierare come centravanti uno tra Emanuele Bardelloni (60 %) e Alberto Filippini (60 %). Per il resto la formazione dovrebbe essere la stessa che ha battuto la Pro Vercelli, ovvero: Giambruno tra i pali; Diniz, Zullo, Urbano e Nieddu in difesa; Salvi e Lewandowski in mediana; Filippini, Lulli e Ciotola sulla trequarti; Bardelloni unica punta.

Leggi anche :
Due dubbi per Sarri

Share/Bookmark

Due dubbi per Sarri


Dopo la rifinitura svolta stamane al campo Italia, il Sorrento ha raggiunto l’aeroporto di Napoli dove ha preso il volo che lo condurrà a Milano. Poi dritti a Como, in pullman. L’allenatore Maurizio Sarri ha convocato 20 calciatori. Sono rimasti a casa Basso (ancora alle prese con il gomito infortunato) lo squalificato Croce (sarà assente anche con il Taranto) e i giovani Vollono, Pratticò e Breglia.
La formazione che domani scenderà in campo allo stadio Sinigaglia contro la capolista del campionato sembra essere decisa per almeno otto undicesimi. Sicuri di giocare, il portiere Rossi, gli esterni di difesa Vanin e Il recuperato Bonomi, i mediani Armellino e Camillucci, gli esterni Corsetti e Bondi e Carlini che dovrebbe giostrare da punta arretrata.
In difesa probabile l’innesto di Romeo al fianco di uno tra Terra (60%) e Nocentini (40%). Per il ruolo di prima punta corsa a tre tra Ciro Ginestra (40%) il rientrante Luca Scappini (40%) e Andrey Galabinov (30%), autore del gol del momentaneo 2-1 domenica in casa contro il Pavia.
La probabile formazione dovrebbe quindi essere la seguente: Sorrento (4-2-3-1): Rossi; Vanin, Terra, Romeo, Bonomi; Armellino, Camillucci; Corsetti, Carlini, Bondi, Ginestra. A disposizione: Chiodini, Nocentini, Di Nunzio, Sabato, Tognozzi, Niang, Greco, Scappini, Galabinov.
Dirigerà il signor Vincenzo Soricaro della sezione di Barletta. Gli assistenti saranno Alfonso D'Apice di Parma e Christian Ricci di Reggio Emilia.

Fonte: Solosorrento.it

Leggi anche :
Sarri, "il Sorrento si deve incattivire"

Share/Bookmark

Sarri, “il Sorrento si deve incattivire”

venerdì 16 settembre 2011 0 commenti


Quest’oggi come ogni venerdì lunga chiacchierata prepartira tra Sarri e la stampa accreditata. Una mezzora in cui il mister del Sorrento ha toccato numerosi temi, e che può essere ascoltata integralmente qui sotto.


Share/Bookmark

Andrenacci positivo all'EPO


Danilo Andrenacci, corridore della D'Angelo & Antenucci-Nippo, è risultato positivo a un test antidoping.
Secondo quanto comunicato dal Coni, nel primo campione analizzato dal laboratorio di Roma è stata rilevata la presenza di Eritropoietina Ricombinante. Il controllo è stato effettuato lo scorso 20 agosto a Fondo, in occasione del ventesimo Trofeo della Val di Non. Il Tna ha provveduto a sospendere l'atleta, in via cautelare, accogliendo la richiesta presentata dall'Ufficio della Procura Antidoping.

Share/Bookmark

Ecco la nuova classifica

Ecco la nuova classifica del girone A della Prima Divisione dopo i recuperi delle partite della prima giornata e la penalizzazione inflitta al Foligno per irregolarità amministrative.


Squadra Pt. Partite Reti
G V N P F S
Como 6 2 2 0 0 3 1
Taranto 5 2 2 0 0 4 0
Sorrento 4 2 1 2 0 5 2
Pisa 4 2 1 1 0 4 1
Carpi 3 2 1 0 1 6 3
Ternana 3 2 1 0 1 1 2
Avellino 3 2 1 0 1 2 3
Tritium 3 2 1 0 1 2 4
Monza 3 2 1 0 1 2 4
Viareggio 2 2 1 0 1 3 3
Pavia 2 2 0 2 0 3 3
Pro Vercelli 1 2 0 1 1 0 1
Foggia 1 2 0 1 1 1 2
Spal 1 2 0 1 1 1 2
Benevento 0 2 2 0 0 5 1
Lumezzane 0 2 0 0 2 0 6
Reggiana -1 2 0 1 1 2 3
Foligno -1 2 0 0 2 1 4



Taranto, Viareggio e Foligno: 1 punto di penalizzazione
Reggiana 2 punti di penalizzazione
Benevento 6 punti di penalizzazione

Share/Bookmark

Disciplinare: penalizzazione per il Foligno


Due punti di penalizzazione per Siracusa e Melfi, un punto per Foligno e Savona, tutti da scontarsi nella corrente stagione sportiva. Sono queste le decisioni adottate dalla Commissione Disciplinare, riunita oggi a Roma, a seguito dei deferimenti da parte del Procuratore federale su segnalazione della CO.VI.SO.C.

Queste le altre decisioni che riguardano sia i dirigenti dei quattro club sopraccitati, sia altre società inadempienti:
 - Sambonifacese: inibizione di 20 giorni a carico di Maurizio Mazzon (Presidente del C.d.A. e Legale rappresentante della Società) e ammenda di € 6.667,00 a carico della Società;

- Neapolis: ammenda di € 800,00 ciascuno a carico di Fabrizio Bouché (Amministratore unico e Legale rappresentante p.t. della Società) e della FC Mugnano Neapolis;

- Foligno: inibizione di mesi 2 e giorni 20 a carico di Stefano Sfasciotti (all’epoca dei fatti Consigliere con poteri di Legale rappresentanza della Società Foligno Calcio) e ammenda di € 10.000,00 alla società;

- Melfi: inibizione di mesi 5 e giorni 10 per Giuseppe Maglione (all’epoca dei fatti contestati Presidente del C.d.A. e Legale rappresentante p.t. della Società) e ammenda di € 20.000,00 alla società;

- Siracusa: inibizione di mesi 2 e giorni 20 per Luigi Salvoldi (all’epoca dei fatti Amministratore Unico e Legale rappresentante p.t. della Società);

- Savona: per Andrea Pesce (all’epoca dei fatti contestati Presidente e Legale rappresentante della Società) mesi 4 di inibizione; per Michele Castiglia (all’epoca dei fatti contestati responsabile del controllo contabile della Società) mesi 3 di inibizione; ammenda di € 3.000,00 alla società.

Share/Bookmark

Sorrento, dodici reti alla berretti

giovedì 15 settembre 2011 0 commenti


Il Sorrento, in preparazione all’incontro di domenica prossima con il Como, ha disputato nel pomeriggio un partita amichevole con una formazione composta da ragazzi del proprio settore giovanile. Mister Sarri ha impiegato tutti gli effettivi a disposizione mandando in campo due distinte formazioni, una per ciascun tempo.
Nel primo tempo sono scesi in campo: Chiodini; Vanin, Romeo, Di Nunzio, Sabato; Camillucci, Tognozzi; Corsetti, Ginestra, Croce; Galabinov.
Nel secondo: Rossi; Vollono, Terra, Nocentini, Bonomi; Niang, Armellino; Greco, Carlini, Bondi; Scappini.
Simone Basso ancora alle prese con i postumi della lussazione del gomito riportata nell’amichevole con il Massa Lubrense si è allenato in disparte seguito dal preparatore Landolfi.
L’incontro è terminato con il punteggio di 12 a 0 in favore della prima squadra che ha realizzato sei reti per tempo. Galabinov, Carlini e Scappini hanno realizzato tre reti ciascuno.
Questa la successione dei gol: 21’ Galabinov, 33’ Romeo, 36’ Galabinov, 38’ Corsetti, 41’ Ginestra, 45’ Galabinov, 57’ Carlini, 63’ Carlini, 67’ Carlini, 70’ Scappini, 73’ Scappini, 80’ Scappini.
La partita è stata giocata con discreto impegno da entrambe le squadre. La prima squadra impegnata a segnare il maggior numero di reti possibili, i ragazzi che ce la mettevano tutta per impedirglielo. Nella prima frazione molto attivo Ginestra che prima che si sbloccassero le marcature ha impegnato più volte Pratticò con tiri da fuori. La prima rete è scaturita da un’incursione di Vanin sulla destra che ha servito Galabinov appostato al limite dell’area; l’attaccante si è aggiustato il pallone eludendo l’intervento del difensore e ha battuto Pratticò. La seconda rete è stata realizzata da Romeo con un colpo di testa su angolo di Ginestra. Poi Galabinov ha deviato in rete un cross di Camillucci dalla sinistra.
La quarta e la quinta rete sono arrivate a seguito di due tiri da fori area di Corsetti e Ginestra. Ha chiuso le marcature del primo tempo Galabinov approfittando di una ribattuta della difesa su azione da calcio d’angolo.
Nella ripresa si è assistito allo show di Carlini che ha messo lo zampino in cinque delle dei reti. La prima segnatura su cross di Bondi dalla sinistra. Poi ha lanciato a rete Scappini, il portiere è riuscito a ribattere la conclusione ma Carlini si è catapultato sul pallone realizzando la seconda rete. Per la terza ha fatto tutto da solo; è partito palla al piede dalla trequarti si è infilato tra le maglie della difesa e a battuto nuovamente il portiere Lombardo. Poi ha mandato nuovamente in rete Scappini che questa volta ha fatto centro.
La quinta rete della ripresa l’ha realizzata lo stesso Scappini di testa su cross dalla sinistra di Bonomi. Di Scappini anche la sesta che ha ribattuto in rete il pallone respinto dal portiere dopo l’ennesima incursione di Carlini.

Share/Bookmark

Meccanica Turbo Diesel sponsor della Berretti rossonera


Il Presidente del Sorrento Calcio Mario Gambardella ed il Presidente del settore giovanile Renato Gambardella hanno il piacere di comunicare che la squadra del Sorrento partecipante al campionato nazionale “Berretti” da oggi ha uno sponsor che porterà il proprio marchio sulle maglie rosso nere. Lo sponsor è " La Meccanica Turbo Diesel"  azienda fondata nel 1986 a Genova che è leader a livello nazionale ed internazionale nel settore della revisione, riparazione e fornitura di parti di ricambio per turbocompressori per motori diesel destinati al servizio dell’industria marittima e terrestre. La società del Sorrento calcio ringrazia la presidenza e tutta la dirigenza della società genovese per aver aderito alla sponsorizzazione. Si rammenta che quest'anno il settore giovanile del Sorrento ha al momento tre importanti sponsor: Piazza Italia (Scuola Calcio) - Caim (Allievi nazionali) - La Meccanica Turbo Diesel.

Share/Bookmark

Il Como balza in vetta

Con una rete al novantesimo del portoghese Diogo Tavares il Como ha sconfitto la Pro Vercelli nel recupero della prima giornata del campionato di Prima Divisione girone A. Il 4 settembre scorso la gara era stata sospesa e rinviata a metà del secondo tempo con i lariani in vantaggio per 2 a 1.
Per effetto delle penalizzazioni di Benevento e Taranto la formazione allenata da Ramella si porta al comando della classifica a punteggio pieno dopo due turni. La Pro Vercelli era in inferiorità numerica per l'espulsione del difensore Armenise. Dopo la rete è stato espulso anche Tavares per doppia ammonizione e quindi salterà l’incontro di domenica prossima con il Sorrento. Poi si è registrato anche un problema all'impianto di illuminazione dello stadio comasco. Gara sospesa e poi ripresa dopo alcuni minuti con alcune zone d'ombra. La Pro Vercelli nei minuti di recupero ha avuto anche la possibilità di pareggiare, ma al 95' Cancellotti ha colpito la traversa.

Questo il tabellino del match:
Como – Pro Vercelli 1-0

Como: Giambruno; Diniz, Zullo, Urbano, Nieddu; Salvi, Lewandowski; Bardelloni, Lulli (19′ st Miello), Filippini (24′ st Ciotola); Tavares. A disp.: Conti, Ambrosini, Vicente, Doumbia. Allenatore: Ramella
Pro Vercelli: Valentini; Cancellotti, Modolo, Ranellucci, Armenise; Espinal (13′ st Marconi), Calvi, Rosso; Disabato (18′ st Bencivenga), Iemmello, Di Piazza (24′ st Fabiano). A disp.: Dan, Santoni, Masi, Malatesta. Allenatore: Braghin
Marcatore: 45′st Tavares
Ammoniti: Urbano, Bardelloni, Nieddu e Salvi del Como, Calvi, Modolo e Rosso della Pro Vercelli
Espulsi: Armenise della Pro Vercelli al 15′ st e Tavares del Como al 45′ st
Note: Spettatori: 1200 circa. Angoli: 7-1 per la Pro Vercelli

Share/Bookmark

Notturna per Benevento-Sorrento

mercoledì 14 settembre 2011 0 commenti


La Lega Pro ha reso noto che per le gare del Campionato di Prima Divisione della settima e della trentesima giornata (ovvero i turni infrasettimanali del 12 Ottobre 2011 e 4 Aprile 2012) l’orario d’inizio è fissato per le ore 20,30.
Il Sorrento quindi giocherà l’incontro esterno col Benevento al Santa Colomba del 12 ottobre e quello interno con la Ternana del 4 aprile 2012 (mercoledì santo) in notturna.

Share/Bookmark

Il Taranto scappa


Pugliesi a valanga sul Lumezzane

Si è da poco concluso il recupero dell’incontro della prima giornata del campionato di Prima Divisione girone A tra Lumezzane e Taranto.
Al comunale di Lumezzane vittoria degli ionici per 3-0. Dopo un primo tempo con poche emozioni l’equilibrio è stato rotto da un calcio di rigore concesso al Taranto dal signor Bindoni di Venezia al 13’ del secondo tempo, per un atterramento del brasiliano Lucas Chiaretti, da parte del portiere valgobbino Francesco Rossi. Rigore trasformato dal francese Julien Rantier. Secondo gol ad opera del brasiliano Chiaretti al 23’. Terzo di Desiderio Garufo al 33’.
Dopo questa vittoria il Taranto si porta al comando della classifica del girone con 5 punti, uno in più di Sorrento e Pisa, ma potrebbe essere scavalcato in serata dal Como che recupera a sua volta l’incontro con la Pro Vercelli. 

Share/Bookmark

Il calcio alla sbarra


Venerdì alle ore 19 Oliviero Beha al Conca Park

A cura dell’Associazione Amiche del Museo Correale, venerdì sera alle ore 19.00, presso l’Hotel Conca Park di Sorrento, verrà presentato il libro del giornalista Oliviero Beha, scritto insieme ad Andrea Di Caro «Il calcio alla sbarra».
Interverrà il presidente del Comitato regionale campano della Figc, Salvatore Colonna. Coordinerà l’incontro il giornalista Angelo Ciaravolo della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.
Che cosa è successo al calcio, in Italia come in Europa, negli ultimi trent’anni? Quali sporchi giochi vengono condotti dietro lo spettacolo dello sport più amato del mondo? Chi ne muove gli enormi interessi nascosti? Questa edizione aggiornata di Indagine sul calcio si arricchisce di una nuova introduzione firmata da Oliviero Beha, che parte da Scommettopoli raccontandone le leggende, le memorabili figure dimenticate e facendo luce sul circuito internazionale delle scommesse e sui legami tra calcio, mafia e politica. Vecchi bomber burattinai, funzionari corrotti, giocatori indebitati fino al collo, professionisti che minacciano i colleghi e portieri che somministrano di nascosto sonniferi ai compagni: il romanzo nero del calcio scritto con tutta la passione e lo sdegno di chi ama questo sport ma ne conosce a fondo i peggiori retroscena.
Oliviero Beha è editorialista del “Fatto quotidiano”, vicedirettore Rai e autore di trasmissioni televisive e radiofoniche di successo (Va’ pensiero, Radio Zorro, Radio a colori e Brontolo), di romanzi, testi teatrali, saggi e poesie tra cui l’ultima raccolta Meteko. Per BUR ha pubblicato Crescete & prostituitevi (2005) e Indagine sul calcio (2006).

Share/Bookmark

Como all'assalto del primato


Se batte la Pro Vercelli è capolista solitario

(Fonte: La Provincia di Como) L'idea è stuzzicante: Como in testa al girone A di Prima divisione. Il Como se stasera - inizio 20.30 - batte la Pro Vercelli nel recupero della prima giornata, va a 6 punti, primo da solo.  Ed è una bella prospettiva, che può valere poco dopo due giornate, ma è un dato importante. Era uno degli auspici di mister Ramella: buona partenza per "gasare" l'ambiente, i giocatori e per raggiungere prima possibile la salvezza. Che resta, in attesa di capire meglio i valori del campionato e del Como stesso, l'obiettivo stagionale.
Giù i prezzi su invito della Lega Pro, ci si aspetta un buon pubblico, nonostante la concomitanza con Inter-Trabzonspor di Champions, per sostenere una squadra che da qualche settimana sta facendo vedere cose buone. La bella figura nelle due amichevoli perse con Novara e Milan, la vittoria prima della sospensione per 2-1 con la Pro Vercelli, il successo di domenica a Foligno sono indizi concreti sulla crescita di una squadra che sta cercando di trovare automatismi e coesione.

L’incontro Como-Pro Vercelli può essere seguito in streaming audio collegandosi al sito di CiaoComoRadio http://www.ciaocomoradio.it/player/

Share/Bookmark

Campo Italia: Antonetti chiede lumi al comune

martedì 13 settembre 2011 0 commenti


(Fonte:Politicainpenisola.it) – Con una nota trasmetta al Sindaco di Sorrento Giuseppe Cuomo e agli Assessori Mariano Pontecorvo (LL.PP.) e Michele Bernardo (Patrimonio e Bilancio) e ai relativi responsabili degli Uffici comunali, il responsabile dell’Italia dei Valori Giovanni Antonetti ha formalizzato una richiesta di “chiarimenti tecnici sullo stato attuale della progettazione dell’ampliamento dell’impianto sportivo comunale calcistico Stadio-Italia”. Ecco la nota di Antonetti. Premesso che:
 a) la società sportiva Sorrento Calcio, dopo una serie di stagioni agonistiche entusiasmanti, culminate nell’annata 2010-2011 con il raggiungimento dei play-off per la promozione nella categoria serie B-WIN, è una realtà sportiva presente ed importante per la Città di Sorrento;
 b) la passione calcistica coinvolge tanti cittadini della nostra città, oltre che tifosi provenienti dall’intera Penisola Sorrentina;
 c) l’entusiasmo e la passione intorno alla nostra squadra cittadina, mal si concilia con le scelte e l’atteggiamento tenuto dall’attuale Amministrazione Comunale rispetto alla decisione, divenuta ormai necessaria ed impellente, dell’adeguamento dell’attuale impianto sportivo denominato “Stadio Italia” alle normative della Federazione Italiana Gioco Calcio; come inconfutabilmente dimostrato dalla seguente elencazione cronologica,
 - marzo 2010, l’attuale Sindaco, durante la campagna elettorale, incontrò una delegazione di sportivi a cui promise che, pochi mesi dopo, sarebbero iniziati i lavori di adeguamento del campo: nessuna riscontro;
 - novembre 2010, sempre l’attuale primo cittadino, lanciò l’idea di costruire a Piano di Sorrento uno stadio intercomunale di 10mila posti: non realizzabile in quanto non compatibile con le normative edilizie ed urbanistiche della Penisola Sorrentina nell’area indicata;
 - gennaio 2011, in prima persona il Sindaco, alcuni consiglieri ed i tecnici comunali, tutti odierni destinatari della presente missiva, formarono il cosiddetto tavolo di lavoro permanente per gestire le problematiche dell’impianto con roboanti dichiarazione del sindaco che testualmente diceva “Un intervento, questo, attuabile attraverso alcune modifiche al progetto già vagliato dalla Soprintendenza, che comprende la realizzazione di una nuova tribuna centrale e di un parcheggio sotto la tribuna nord; Con l’incontro di oggi si inaugura un percorso che vede uniti il Sorrento Calcio, ormai proiettato verso lusinghieri e auspicabili risultati, e l’amministrazione municipale, sia come maggioranza che come opposizione, per lavorare insieme al raggiungimento di obiettivi comuni. Un nuovo incontro sarà convocato a breve”: ad oggi, il silenzio più totale;
 d) con Determina n. 286 del 18 marzo 2011, a firma del Dirigente del IV Dipartimento e pubblicata sull’Albo Pretorio on line del Comune di Sorrento in data 22 marzo 2011, avente ad oggetto “Conferimento di incarico tecnico professionale per l’adeguamento del campo sportivo Italia alle norme della Federazione Italiana Gioco Calcio (F.I.G.C.)”, veniva:
 - affidato ad architetto esterno all’amministrazione comunale l’incarico di redigere lo studio di fattibilità per l’adeguamento del campo sportivo “Italia” alle norme della F.I.G.C.;
 - stabilito il compenso in euro 5.000,00;
 - stabilito, quale termine entro cui consegnare il lavoro, il 31 marzo 11;
 e) a tutt’oggi non si conosce né l’esito di detto studio di fattibilità né la presa in carico dello stesso da parte dei Dipartimenti Comunali interessati;
 f) con nota del 14 ottobre 2010 (Prot. n. 36.447), avente ad oggetto “Segnalazioni e richiesta di chiarimenti in merito al contratto di affitto della struttura comunale sportiva in via Califano, adiacente allo stadio Italia”, il sottoscritto chiedeva all’Amministrazione Comunale lo stato gestionale della struttura adibita a campetti di tennis e calcetto in via Califano, e tempestiva perveniva la risposta dell’Assessore al Patrimonio, Michele Bernardo, che con nota del 19 ottobre 2010 (Prot. n. 37.125) dichiarava che “La Giunta Municipale con proprio atto n. 146 del 05/10 c.a. ha dato mandato di procedere alla gara per l’affidamento della struttura in oggetto”; risulta quindi incomprensibile, al sottoscritto, come possano eseguirsi lavori di ampliamento dello “Stadio Italia”, se la stessa amministrazione dichiara di voler riaffidare la gestione dei campi da tennis adiacenti, visto che proprio in quella zona è previsto l’allargamento della tribuna centrale;
 g) pur comprendendosi le difficoltà tecniche dell’opera, e la contrarietà al progetto di limitrofe struttura turistiche e/o ricettive, è urgente, rispettoso e coerente dare una risposta concreta, reale e non fumosa a tutti i tifosi ed appassionati del Sorrento Calcio, senza creare in loro vane aspettative, puntualmente disattese.
 Tanto esposto ed enunciato, chiedo formalmente
 agli Uffici ed Organi indicati in epigrafe, per quanto di rispettiva spettanza e competenza, di
 1) conoscere
 - gli esiti dell’incarico affidato con Determina n. 286 del 18 marzo 2011, relativo allo studio di fattibilità dell’opera di ampliamento dello “Stadio Italia”;
 - se detto progetto è stato approvato dal competente Dirigente del IV Dipartimento, e successivamente sottoposto all’esame delle Commissioni Edilizie Comunali competenti;
 - se lo stesso progetto è stato sottoposto, in via formale, all’esame della Soprintendenza per i Beni Ambientali ed Architettonici per Napoli e Provincia,
 2) rendere note e conoscibili, pubblicamente, le informazioni suddette relative allo stato attuale dei lavori di ampliamento dello “Stadio Italia”, mediante informazione diretta, a tutti i cittadini e tifosi, da parte del Sindaco stesso prima dell’inizio di una delle prossime gare casalinghe del Sorrento Calcio.
 Appellandomi al senso civico dell’Amministrazione del Comune di Sorrento, ed al rispetto nei confronti di tutti i tifosi appassionati alla squadra cittadina, resto in attesa di pronto riscontro.

Share/Bookmark

Como-Sorrento a Soricaro di Barletta


L’incontro della terza giornata del campionato di Prima Divisione girone A Como-Sorrento in programma allo Stadio Sinigaglia di Como domenica 18 settembre 2011 con inizio alle ore 15 sarà diretto dal signor Vincenzo Soricaro della sezione di Barletta. Gli assistenti saranno Alfonso D'Apice di Parma e Christian Ricci di Reggio Emilia.
Il signor Soricaro nato a Trani il 30 giugno del 1980 (32 anni) è un dirigente delle Poste Italiane ed è al quarto anno in Lega Pro.
Finora ha diretto 15 partite in Prima divisione e 30 in Seconda. In totale quindi 45 incontri, facendo registrare 20 vittorie delle ospitanti (44.44%), 12 pareggi (26.67%) e 13 vittorie delle viaggianti (28.89%). 13 i rigori decretati. 19 gli espulsi.
In precedenza Vincenzo Soricaro ha arbitrato due incontri dei rossoneri entrambi al campo Italia: Sorrento-Marcianise 1-1 del 14 dicembre 2008 e Sorrento-Monza  0-2 del 18 ottobre 2009 (dopo quell’incontro ci fu l’esonero di Simonelli).
Un solo precedente riguardo al Como: Hellas Verona-Como 0-2 del 29 agosto 2010    

Questi gli arbitri degli altri incontri del girone A:
Avellino - Tritium: Daniele Bindoni di Venezia (Colella-Schembri)
Benevento - Reggiana: Francesco Paolo Saia di Palermo (Favia-Palazzo)
Carpi - Lumezzane: Stefano D'angelo di Ascoli Piceno (Lunardon-Giampetruzzi)
Monza - Pro Vercelli 1892: Guido Operato di Isernia (Boz-Botosso)
Pisa - Foggia: Gianluca Aureliano di Bologna (Croce-Sgheiz)
Spal - Viareggio: Amerigo Aloisi di Avezzano (Pentangelo-Messina)
Taranto - Pavia: Simone Aversano di Treviso (Genovese-De Troia)
Ternana - Foligno: Andrea Coccia di San Benedetto del Tronto (Valeriani-Pennacchio)

Share/Bookmark

Tutti arruolabili tranne Croce


Dopo il lunedì di riposo che ha fatto seguito all’incontro Sorrento-Pavia nel pomeriggio di oggi sono ripresi gli allenamenti della prima squadra del Sorrento in vista dell’incontro Como-Sorrento di domenica 18 settembre valido per la terza giornata di campionato di prima divisione girone A.
A disposizione di Sarri c’erano tutti i 25 giocatori. Regolarmene in campo quindi anche Romeo, Scappini e Basso che la scorsa settimana avevano lavorato a parte. Romeo ha anche scontato l’ultimo turno di squalifica residuo della passata stagione. L’unico dei tre che a prima vista sembra non essere ancora fisicamente a posto è Daniele Basso che mostra di possedere una scarsa mobilità del braccio sinistro.
Presente anche Bonomi, uscito dal campo nel corso dell’incontro con il Pavia per un taglio allo zigomo sinistro che ha richiesto l’apposizione di sei punti di sutura.
L’ allenamento è stato dedicato quasi interamente ad esercizi atletici. Il pallone è comparso solo verso la fine della seduta per alcuni esercizi di perfezionamento della tecnica individuale.
L’ultima parte dell’allenamento è stata svolta solo da chi non ha giocato contro il Pavia o è entrato nel corso della ripresa.

Nella lista degli squalificati per il prossimo turno diramata quest’oggi dal Giudice Sportivo della Lega Pro non figura nessun giocatore del Sorrento. L’unico appiedato sarà quindi Daniele Croce che deve scontare ancora due giornate di squalifica residuo della passata stagione.
Per quanto riguarda il Como il punto della situazione potrà essere fatto solo dopo la disputa del recupero della prima giornata Como-Pro Vercelli in programma domani pomeriggio (ore 15) allo stadio Sinigaglia.

Share/Bookmark

Viareggio rischia sconfitta a tavolino


Fonte: NoiTv.it

Un bel successo per 3 a 2 che rischia di essere vanificato diventando la classica vittoria di Pirro. In queste ore il Carpi sul proprio sito ufficiale ha infatti comunicato di aver presentato un preannuncio di reclamo in relazione alla posizione ritenuta irregolare di un giocatore del'Esperia Viareggio. Ricordiamo che gli emiliani erano stati sconfitti domenica al Pini.
Il giocatore cui fa riferimento il Carpi sarebbe il difensore Luigi Monopoli, prelevato dal Bari, che doveva scontare tre giornate di squalifica con il campionato Primavera. Due le avrebbe scontate, ed una no, quindi il Viareggio rischia di perdere la partita a tavolino. Davvero una brutta tegola per la squadra bianconera qualora dovesse concretizzarsi.

Share/Bookmark

Pitrolo cosa dici?


Scorrendo le pagine di Tuttolegapro.com apprendiamo che il vicepresidente della Lega Pro Archimede Pitrolo ospite alla trasmissione "Csiamo su Odeon", in onda ogni lunedì alle 23 sul canale 177 di Odeon per rispondere alle critiche dell´allenatore del Sorrento Maurizio Sarri ("Non è possibile giocare alle 15 a settembre, così si mette a rischio la salute dei giocatori"), ha tirato fuori a sua volta una polemica sui campi in sintetico: "Qualcuno si lamenta del caldo, vorrei dire a questi allenatori che se le squadre giocassero sui campi in erba, i giocatori accuserebbero meno caldo. La nostra opinione sui campi in sintetico? Li dobbiamo accettare, da regolamento non possono essere vietati".
A nostro avviso la risposta data da Pitrolo è poco attinente e semmai dimostra che quando non si hanno argomenti per difendersi da un’accusa si cerca sempre di spostare il discorso su di un altro argomento.
Pitrolo è anche poco informato, se lo fosse saprebbe che Maurizio Sarri non ama i campi in sintetico e che il giorno della presentazione alla stampa sorrentina disse che tra un campo in erba ed uno in sintetico c’è la stessa differenza che passa tra una donna e una bambola gonfiabile.
Dare la colpa del caldo al campo in sintetico è una balla colossale che si commenta da se. Lo andasse a chiedere a quelli che domenica sono scesi in campo sugli altri della Lega Pro in erba naturale alle tre del pomeriggio (attenzione stiamo parlando delle 14 solari) se faceva caldo oppure no.
Riguardo al sintetico, personalmente, aspetto la prima domenica in cui saremo costretti a giocare in una palude per rimandare la risposta al vicepresidente Pitrolo. Lo scorso anno tra Gubbio, Verona, Salerno e Pagani abbiamo giocato almeno quattro incontri ai limiti della regolarità. A Gubbio ci siamo dovuti andare due volte perché la prima al posto del campo c’era una risaia.
Quest’anno, e siamo ancora a settembre, in Prima Divisione hanno dovuto rinviare già tre incontri per impraticabilità di campo.

Share/Bookmark

Tritium-Ternana 2-0. Il Sorrento conserva la vetta

lunedì 12 settembre 2011 0 commenti


L’incontro della seconda giornata del girone A della Prima Divisione tra Tritium e Ternana, non disputato ieri per la concomitanza con il Gran Premio d'Italia di Formula 1 è stato recuperato questo pomeriggio (calcio d'inizio alle ore 16.30) allo stadio "Brianteo" di Monza ed è terminato con la vittoria dei padroni di casa per 2-0.
Le reti sono state siglate al 49' da capitan Dionisi, il quale ha trasformato il penalty fischiato dal direttore di gara dopo che Bortolotto era stato atterrato in area da Stendardo e al 67' da Floriano, che in azione personale, prima si è bevuto due uomini rossoverdi, poi è entrato in area e con un tiro angolato ha spiazzato Ambrosi.
Sorrento e Pisa conservano la vetta del girone con quattro punti in attesa dei due recuperi della prima giornata Lumezzane-Taranto e Como-Pro Vercelli che saranno giocati mercoledì 14.

Share/Bookmark

Oggi in campo Tritium e Ternana


L’incontro della seconda giornata del girone A della Prima Divisione Tritium-Ternana si giocherà oggi pomeriggio allo Stadio Brianteo di Monza con inizio alle ore 16.30.
Lo spostamento di data ed orario è dovuto alla concomitanza con il Gran Premio d’Italia di Formula Uno in programma ieri a Monza.  
Queste le probabili formazioni:
Tritium: Pansera; Possenti, Teso, Dionisi, Riva; Vecchio, Malgrati, Monacizzo; Bortolotto Enrico, Sinato, Floriano.
Ternana: Ambrosi; Pisacane, Stendardo, De Giosa; Bernardi, Arrigoni, Miglietta, Gotti; Nolè, Docente, Sinigaglia.
La radiocronaca del match sarà trasmessa da Radio Galileo http://www.radiogalileo.it/static_site/index-1.html
a partire dalle ore 16.

Share/Bookmark

Sorrento-Pavia 2-2 (Highlights)

Qui gli highlights dell'incontro Sorrento-Pavia 2-2 reti di Ginestra (rigore), Falco, Galabinov e D'Errico. Il filmato è quello trasmesso dal Tg3 regionale campano di domenica sera.

Share/Bookmark

Sorrento Pavia 2-2 (Sala Stampa)


Queste le principali dichiarazioni rilasciate in sala stampa dai protagonisti dell’incontro tra il Sorrento e il Pavia. La registrazione integrale di ciascun intervento può essere ascoltata cliccando sui player al termine dell’articolo.
Sarri (allenatore Sorrento) - Non ci è andata bene. Abbiamo sofferto in alcuni momenti della partita però al tirar delle somme abbiamo sbagliato un rigore, abbiamo preso un palo e abbiamo sbagliato una doppia colossale occasione da rete al 93’ con Carlini.
Sapevamo che la partita sarebbe stata così, loro per caratteristiche in questo momento sono pericolosissimi. Tra due mesi forse non riusciranno più a fare le stese cose, ma noi li abbiamo incontrati ora e dobbiamo accettare il pari e pensare alla prossima partita.
Sul 2 a 1 avrei voluto mettere Tognozzi al posto di Ginestra e giocare con tre mediani, ma il pallone è rimasto in gioco e loro hanno fatto gol.
Per finire Sarri torna a dire la sua sull’orario a cui si è giocato. Andare in campo alle 15, di questi tempi, è un attentato alla salute dei giocatori. Se si aspetta la morte di qualche ragazzo per poi prendere provvedimenti lo dicano chiaramente. C’erano oltre 30 gradi all’ombra e con la superficie artificiale la temperatura aumentava ulteriormente. Credo che in panchina esposti al sole si sia arrivati oltre i 50 gradi.
Galabinov (attaccante Sorrento) - Questa partita meritavamo sicuramente di vincerla purtroppo non siamo stati fortunati. Sono contento per il gol realizzato dopo pochi minuti che ero entrato in campo. Vanin ha fatto una grande azione e mi ha dato una palla perfetta da mettere in rete. Sono stato aiutato anche dal movimento di  Ginestra che l’ha fatta scorrere e quando mi è arrivata ho tirato senza nemmeno vedere dove era la porta.
Domenicali (allenatore Pavia) - Abbiamo fatto un ottima partita venendocela a giocare a viso aperto. Alla fine ne è uscito fuori un 2 a 2 che penso sia giusto e meritato. La mia squadra ha fatto molto bene sul campo del Sorrento che è attrezzato per la vittoria finale. Il rigore sbagliato da Ginestra ha influito moltissimo sul risultato finale. Se fossimo andati sul due a zero sarebbe stato molto più difficile raddrizzare la gara.

Ascolta Sarri (allenatore Sorrento)

Ascolta Galabinov (attaccante Sorrento)

Ascolta Domenicali (allenatore Pavia)

Share/Bookmark

Grande successo per il Trofeo De Martino

domenica 11 settembre 2011 0 commenti


Il Trofeo Eduardo De Martino compie con questa edizione 2011 il suo ventitreesimo compleanno, ma gli anni non si fanno sentire e l’entusiasmo dei partecipanti e degli organizzatori, sembrano quelli dei primi anni; ottimo successo di partecipazione in mare, con 30 imbarcazioni provenienti da tutta la Campania, ed in banchina, con un pubblico di appassionati che hanno animato il porto di Sorrento lungo il molo e la spiaggia sottostante l’Hotel Vittoria. Il grande protagonista della consueta due giorni di regate a Sorrento, è stato comunque il vento, dolce da ovest nella giornata di sabato ed un forte ponente nella regata della domenica, che ha permesso a questi “gioielli del mare” di sfilare lungo la costa sorrentina. Il Trofeo Eduardo De Martino, che si aggiudica in base ad un combinato punteggio di prestazioni agonistiche e di esame di omologia ed autenticità, è stato assegnato, ex aequo, all’imbarcazione Tampasia, dell’armatore Scarselli di Castellammare di Stabia (vincitore però per maggiore anzianità dell’anno di costruzione) ed al monotipo Aquila, di Rodolfo Izzo, entrambe vincitrici anche nelle prove di regata, rispettivamente nelle classi Crociera e Regata; nella classe vela latina, quest’anno numerosissima con 16 imbarcazioni, ha vinto, nella sezione gozzi, il velocissimo scafo sorrentino Santa Rosa del Comandante Giancarlo Antonetti, già vincitore quest’anno del Trofeo delle Tre Torri a Pisciotta, e nella sezione lance, il Salvatore del timoniere- armatore Michele Russo; lo splendido gozzo Santa Maria del Lauro, vanto della marineria metese (che in regata ha imbarcato un randista proveniente addirittura dal Regno Unito) e costruito dal maestro d’ascia Michele Cafiero, si è aggiudicato la prestigiosa prova di omologia ed autenticità, mentre nella classe dinghy, vittoria per “Fara”, dinghy 14een feets dell’ammiragliato inglese, oggi in dotazione all’associazione “Asso Vel’a Tarchia”. Da segnalare, quest’anno, la presenza delle migliori testimonianze della cantieristica in penisola sorrentina, con la partecipazione dei maestri d’ascia Michele Cafiero, di Meta, Cataldo ed Antonino Aprea, del borgo di Marina Grande a Sorrento, con il gozzo a vela latina “Farama”, e di Giovanni Cammarano, proveniente da Pisciotta con il gozzo Sangiovese; le flotte più numerose, quella metese, proveniente dal “Circolo Nautico Marina di Alimuri” e dall’associazione “Amici del Mare”, e sorrentina, con l’Asso vel’a Tarchia, hanno accolto le imbarcazioni provenenti dai circoli nautici di Pisciotta e Salerno, dalle sezioni della Lega Navale di Castellammare di Stabia e Torre del Greco, dai circoli nautico Riviera Massa e Portosalvo Girolamo Vitolo, dai borghi marinari di Marina Grande e Marina della Lobra; presente, in rada, anche l’imponente brigantino a palo della lunghezza di 70 metri “Sea Cloud II”, che ha di fatto preso la scena all’Amerigo Vespucci, ancora in navigazione, ma che comunque ha inviato il saluto formale del suo Comandante. Bella e frizzante la premiazione, cui ha partecipato, tra gli altri, per il Comune di Sorrento l’entusiasta assessore Michele Bernardo, che ha speso parole di elogio per la passione ed il “cuore” degli organizzatori di questa splendida manifestazione velico-culturale sorrentina che, con sobrietà, semplicità e amore per il mare porta lustro e notorietà alla città di Sorrento, e costituisce un patrimonio da tutelare e preservare.

Share/Bookmark

Vota il miglior rossonero in Sorrento-Pavia

Dopo la prima giornata (Monza-Sorrento) che ha visto il successo del bomber Ginestra (43%) che ha preceduto Carlini e Armellino (entrambi al 13%), siete chiamati a votare il migliore in campo per l'incontro interno con il Pavia terminato 2-2.
Ecco la lista dei 14 rossoneri mandati in campo da Sarri. A voi la scelta del migliore.
Rossi
Vanin
Nocentini
Terra
Bonomi
Camillucci
Armellino
Corsetti
Carlini
Bondi
Ginestra
Galabinov
Sabato
Tognozzi

  
pollcode.com free polls 

Qui sotto l'elenco dei vincitori del concorso partita per partita

Prima giornata: Monza-Sorrento 0-3 Ciro Ginestra 

Share/Bookmark

A Sorrento striscione per la liberazione di Gianmaria Cesaro


Oggi pomeriggio al Campo Italia di Sorrento prima del fischio di inizio della gara di campionato fra il Sorrento ed il Pavia, le due squadre hanno mostrato al pubblico uno striscione rosso nero lungo 10 metri con la scritta "LIBERO GIANMARIA CESARO DALLE MANI DEI PIRATI".
L’iniziativa promossa dal Vice Presidente rossonero Gaetano Mastellone con l'autorizzazione del Presidente Mario Gambardella e del Presidente della Lega di Prima Divisione Mario Macalli, aveva lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica e il governo sul dramma che sta vivendo la famiglia del giovane marinaio di Piano di Sorrento prigioniero dei pirati dall’8 febbraio scorso insieme agli altri 21 componenti dell’equipaggio della petroliera “Savina Caylyn” al largo della costa somala. Attraverso lo sport si desidera lanciare un forte messaggio di solidarietà e vicinanza verso Gianmaria e verso i marinai rapiti.




Share/Bookmark

Occasione sprecata


Sorrento-Pavia 2-2 Rossoneri due volte avanti, due volte ripresi.

Sorrento: Rossi, Vanin, Terra, Nocentini, Bonomi (74' Sabato), Camillucci (79' Tognozzi), Armellino, Corsetti (69' Galabinov), Carlini, Bondi, Ginestra. A disposizione: Chiodini, Di Nunzio, Greco, Niang. Allenatore: Sarri.
Pavia: Facchin, Gheller, Romeo, Fissore, Meregalli, Puccio, Carotti, Meza Colli (76' Bufalino), Falco, D'Errico (82' Verruschi), Rodriguez (88' Veronese). In panchina: Cacchioli, Capogrosso, Caidi, Dall'Oglio. Allenatore: Domenicali.
Arbitro: Federico La Penna di Roma 1.
Marcatori: 45' rig. Ginestra (S), 66' Falco (P), 76' Galabinov (S), 79' D'Errico (P).
Ammoniti Gheller, Fissore, Rodriguez (P), Bonomi e Corsetti (S). Angoli 10-4.

Dopo la vittoria sul Monza il Sorrento vorrebbe proseguire la striscia vincente ma come pronosticato da Sarri venerdì sulla sua strada ci sono il caldo e il Pavia che si riconferma come la bestia nera dei rossoneri. Il Sorrento parte subito per imporre il suo gioco ma si trova di fronte una  squadra ben organizzata che concede pochi spazi ed è molto pericolosa con i due esterni Falco e D’Errico. Bondi e Corsetti peccano spesso di precisione così per accendere Ginestra c’è bisogno dell’estro di Carlini, che alla fine sarà il migliore in campo per i suoi. Nel primo quarto d’ora da registrare solo due tiri dalla distanza, uno per parte, di Ginestra e Puccio entrambi fuori misura. La prima conclusione nello specchio è del Pavia con un colpo di testa di Meza Colli parato senza problemi da Rossi. Poi mentre il Sorrento fa incetta di calci d’angolo collezionare ben 9 senza graffiare e il Pavia a rendersi pericoloso in due occasioni con Rodriguez costringendo Rossi agli straordinari.
Quando ormai il primo tempo sta per concludersi Carlini approfitta di liscio del Romeo pavese e si catapulta in area dove è fermato fallosamente da Gheller che già ammonito viene graziato dall’arbitro. Ginestra dal dischetto non sbaglia e porta in vantaggio il Sorrento in vantaggio.
Il secondo tempo inizia bene per il Sorrento che va vicino al raddoppio con un calcio di punizione dai 25 metri, di Bondi che sfiora il palo alla sinistra di Facchin. Tre minuti la difesa pavese si fa trovare scoperta, Carlini lancia Corsetti verso la rete e Meregalli lo atterra provocando un altro rigore contro il Pavia. Anche questa volta l’arbitro non ammonisce l’autore del fallo. Sul dischetto nuovamente Ginestra che cerca di sorprendere Facchin cambiando angolo. Il portiere ospite non si lascia ingannare e respinge sia il tiro sia la ribattuta dello stesso Ginestra.
Nonostante il rigore sbagliato la partita sembra essere saldamente in mano al Sorrento che potrebbe raddoppiare con un tiro da fuori di Armellino che scheggia il palo a Facchin battuto. Quando manco te lo aspetti arriva invece il pareggio pavese. Falco sfugge per l’ennesima volta a Bonomi, entra in area dal vertice destro e indovina un tiro a giro che termina la sua corsa all’incrocio dei pali alla destra di Rossi. Passano due minuti e Falco fa ammattire nuovamente Bonomi costringendo Rossi ad un’uscita avventurosa per sventare il pericolo.
Per  riacciuffare il risultato Sarri toglie Corsetti e manda dentro Galabinov spostando Carlini sulla fascia destra. Poco dopo Bonomi è costretto a uscire in barella e al suo posto entra Sabato. Il Sorrento riprende ad attaccare e si porta avanti anche Vanin che entra in area palla al piede arriva fin sulla linea di fondo ed appoggia in mezzo per Galabinov che fa secco Facchin di piatto.
Partita chiusa? Nemmeno per sogno. Incredibilmente il Pavia riesce a sorpendere impreparata la difesa rossonera. Il solito Falco parte dalla sua metà campo da posizione centrale e punta la porta senza essere affrontato servendo un pallone d’oro all’accorrente D'Errico che batte Rossi per la seconda volta.
Sarri si gioca l’ultima carta con Tognozzi al posto dello stanco Camillucci. Il nuovo entrato però mostra di non essere al meglio della condizione. La partita così si spegne, ma a ravvivarla ci pensa il solito Carlini che buca la difesa ospite e si presenta a tu per tu con Facchin. Il portiere riesce a chiudergli lo specchio con un uscita disperata ma il pallone termina nuovamente sui piedi dell’attaccante rossonero che conclude di un soffio  alto. 

Share/Bookmark

Pavia bestia nera


Sorrento-Pavia 2-2. Rossoneri due volte avanti, due volte ripresi

Sorrento: Rossi, Vanin, Terra, Nocentini, Bonomi (74' Sabato), Camillucci (79' Tognozzi), Armellino, Corsetti (69' Galabinov), Carlini, Bondi, Ginestra. A disposizione: Chiodini, Di Nunzio, Greco, Niang. Allenatore: Sarri.
Pavia: Facchin, Gheller, Romeo, Fissore, Meregalli, Puccio, Carotti, Meza Colli (76' Bufalino), Falco, D'Errico (82' Verruschi), Rodriguez (88' Veronese). In panchina: Cacchioli, Capogrosso, Caidi, Dall'Oglio. Allenatore: Domenicali.
Arbitro: Federico La Penna di Roma 1.
Marcatori: 45' rig. Ginestra (S), 66' Falco (P), 76' Galabinov (S), 79' D'Errico (P).
Ammoniti Gheller, Fissore, Rodriguez (P), Bonomi e Corsetti (S). Angoli 10-4.

SEGUE SERVIZIO

Share/Bookmark

11 settembre 2001 per non dimenticare


Le vittime degli attentati furono 2974, esclusi i diciannove dirottatori: 246 su quattro aeroplani (88 sul volo American Airlines 11, 59 sul volo United Airlines 175, 59 sull'American Airlines 77 e 40 sul volo United 93; non ci fu alcun superstite), 2603 a New York e 125 al Pentagono. Altre 24 persone sono ancora elencate tra i dispersi. Tutte le vittime erano civili a parte 55 militari uccisi al Pentagono. Furono più di 90 i paesi che persero cittadini negli attacchi al World Trade Center. Il NIST ha stimato che circa 17.400 civili erano presenti nel complesso del World Trade Center al momento degli attacchi, mentre i dati sui turisti elaborati dalla Port Authority of New York and New Jersey (l'"Autorità portuale di New York e del New Jersey") suggeriscono una presenza media di 14.154 persone sulle Torri Gemelle alle 8:45 del mattino. La gran parte delle persone al di sotto delle zone di impatto evacuarono in sicurezza gli edifici, come pure 18 persone che si trovavano nella zona di impatto della torre meridionale; Al contrario, 1366 delle vittime si trovavano nella zona di impatto o nei piani superiori della torre settentrionale; secondo il Rapporto della Commissione, centinaia furono le vittime causate dall'impatto, mentre le restanti rimasero intrappolate e morirono a seguito del collasso della torre. Quasi 600 persone furono invece uccise dall'impatto o morirono intrappolate ai piani superiori nella torre meridionale. Almeno 200 persone saltarono dalle torri in fiamme e morirono, come raffigurato nella emblematica foto The Falling Man ("L'uomo che cade"), precipitando su strade e tetti degli edifici vicini a centinaia di metri più in basso. Alcune persone che si trovavano nelle torri al di sopra dei punti di impatto salirono fino ai tetti degli edifici sperando di essere salvati dagli elicotteri, ma le porte di accesso ai tetti erano chiuse; inoltre, non vi era alcun piano di salvataggio con elicotteri e, quella mattina dell'11 settembre, il fumo denso e l'elevato calore degli incendi avrebbe impedito agli elicotteri di effettuare manovre di soccorso. Le vittime tra i soccorritori furono 411. Il New York City Fire Department (i vigili del fuoco di New York) perse 341 vigili del fuoco e 2 paramedici; il New York City Police Department (la polizia di New York) perse 23 agenti, il Port Authority Police Department (la polizia portuale) 37. I servizi di emergenza medica privata persero altri 8 tecnici e paramedici. La Cantor Fitzgerald L.P., una banca di investimenti i cui uffici si trovavano ai piani 101–105 del WTC 1, perse 658 impiegati, più di qualunque altra azienda. La Marsh Inc., i cui uffici si trovavano immediatamente sotto quelli della Cantor Fitzgerald ai piani 93–101 (dove avvenne l'impatto del volo 11), perse 295 impiegati, mentre 175 furono le vittime tra i dipendenti dellaAon Corporation. Dopo New York, lo stato che ebbe più vittime fu il New Jersey, con la città di Hoboken a registrare il maggior numero di morti. È stato possibile identificare i resti di sole 1600 delle vittime del World Trade Center; gli uffici medici raccolsero anche «circa 10.000 frammenti di ossa e tessuti non identificati, che non possono essere collegati alla lista dei decessi». Altri resti di ossa furono trovati ancora nel 2006, mentre gli operai approntavano il Deutsche Bank Building per la demolizione. La morte per malattie ai polmoni di alcune altre persone è stata fatta risalire alla respirazione delle polveri contenenti centinaia di composti tossici (quali amianto, mercurio, piombo, ecc.) causate dal collasso del World Trade Center. La gravità dell'inquinamento ambientale derivante da tali polveri - che investirono tutta la punta sud dell'isola di Manhattan - fu resa nota al grande pubblico solo a distanza di circa quattro anni dall'evento: sino ad allora le agenzie governative statunitensi avevano sottovalutato o nascosto il rischio ambientale, forse allo scopo di non causare ulteriore panico e di rendere più spediti i soccorsi, lo sgombero delle macerie, il ripristino delle normali attività della città così gravemente ferita.

Share/Bookmark

DISCLAIMER - Penisola Sport è un blog d’informazione senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento. La testata ambisce ad essere una piena espressione dell'art. 21 della costituzione italiana. Pur essendo normalmente aggiornato più volte quotidianamente, non ha una periodicità predefinita e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'autore si riserva, tuttavia, la facoltà di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contrario al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.