Sorrento - Verona, da lunedì prevendita abbonati

sabato 21 maggio 2011 0 commenti

Dal pomeriggio di lunedì 23 maggio, è ufficialmente aperta la prevendita dei tagliandi validi per la semifinale di ritorno dei playoff con l'Hellas Verona, in programma domenica 5 giugno alle ore 16.00 allo stadio "Italia".
Nella prima fase, da lunedì 23 a mercoledì 25 maggio, la prevendita è aperta ai soli abbonati che avranno il diritto di prelazione per acquistare il biglietto indicato dal loro abbonamento.
Da giovedì 26 maggio si potranno acquistare liberamente i tagliandi di accesso alla gara.

La prevendita sarà prolungata anche per l'intera giornata di domenica fino all'inizio della gara, nei seguenti punti abilitati:

Caffè San Vincenzo, via degli Aranci, Sorrento;

Bar La Scala, corso Italia, Piano di Sorrento;

Sede sociale Sorrento calcio srl, corso Italia 145 (2° piano), Sorrento (fino a domenica alle 12.30)

Agenzia assicurativa di Anna Balsamo, Viale Nizza, 42, Sorrento (solo domenica dalle 13.00 alle 16.00)

Segreteria Stadio Italia (biglietti disponibili fino alle ore 12.30 di domenica)

Per i sostenitori locali, i biglietti, NUMERATI E NOMINATIVI, sono in distribuzione al costo di 13 euro (tribuna laterale Nord) e di 20 euro (tribuna Centrale), esclusi diritti di prevendita (1 euro).

Alla luce delle nuove disposizioni sull’accesso allo stadio Italia, bambini/e e ragazzi/e dai 6 ai 12 anni compiuti, accompagnati dai genitori, dovranno munirsi di tagliando di ingresso del costo di 2 euro (valevole per tutti i settori) e presentare al varco il codice fiscale o la tessera sanitaria.

All’atto dell’acquisto, bisognerà munirsi di documento di riconoscimento (uno spettatore può acquistare fino a quattro biglietti - compreso il suo - presentando i documenti di riconoscimento degli altri tre acquirenti).

Al varco, tutti i possessori di biglietti dovranno esibire un documento di riconoscimento.

Il Sorrento calcio Srl avvisa che domenica 5 giugno 2011, ore 16.00, in occasione della gara Sorrento - Hellas Verona i botteghini dello stadio Italia resteranno chiusi. Si invitano i tifosi a munirsi di tagliando d'ingresso esclusivamente in prevendita.

Share/Bookmark

Sfida all’Empoli

Domani mattina, domenica 22 maggio, alle ore 10.30, gli allievi nazionali del Sorrento affronteranno al Campo Italia l’Empoli nell’incontro di andata degli ottavi di finale del campionato nazionale di categoria.

Questi tutti gli accoppiamenti degli ottavi di finale in programma con gare d'andata e ritorno domenica 22 e 29 Maggio:

Parma - Torino
Milan - Bologna
Inter - Chievo V.
Sampdoria - Fiorentina
Sorrento - Empoli
Bari - Roma
Siena - Napoli
Spezia - Catania

Chi supera gli ottavi di finale si qualifica per la Final Eight di Chianciano Terme in programma dal 9 al 16 Giugno.

Share/Bookmark

VB Meta a Matera per gli interregionali U18

Sabato 21 e domenica 22 maggio al PalaSassi di Matera si gioca la fase interregionale dell’under 18 maschile di pallavolo che vede impegnati i padroni di casa del VolleyGroup Matera, il VB Meta United e la Mymamy Volley Reggio Calabria.

Questo il Programma dell’evento:
Campo di gioco: PalaSassi di Matera
 
Sabato 21 maggio 2011– ore 19.00
VolleyGroup Matera – Volley Reggio Calabria
 
Domenica 22 maggio 2011– ore 11.00
Vb Meta United Na – Volley Reggio Calabria
 
Domenica 22 maggio 2011– ore 17.30
VolleyGroup Matera – Vb Meta United Na
 
La squadra prima classificata di questo girone si qualifica per la Finale Nazionale in programma dal 9 al 12 giugno 2011 nella Zona dei Trulli e delle Grotte e precisamente ad Alberobello (BA), Castellana Grotte (BA) e Martina Franca (TA)
  

Share/Bookmark

Cinque alla riscossa

Si corre domani a Postiglione in provincia di Salerno la terza edizione della Granfondo dei Monti Alburni competizione ciclistica inserita nel calendario del Circuito del Sole. Il percorso di poco superiore ai 100 km presenta come asperità principale la salita di Campostrino lunga poco più di due chilometri ma una pendenza media superiore al 15%. Questa ascesa sarà affrontato dopo appena 25 km dalla partenza,  quasi tutti in discesa, e sarà seguita da un lungo tratto pianeggiante a cui farà seguito la seconda salita che porterà i concorrenti fino ai 950 metri di Corleto Monforte.
Dopo Corleto ci saranno più di trenta chilometri di discesa ed infine la salita finale verso il traguardo posto in Piazza Europa a Postiglione.
Il principale pretendente al successo è Antonio Borrelli esponente della Pasta Rummo Giannini Letizia già vincitore della gara nella passata edizione, che potrebbe approfittare dell’assenza di diversi avversari impegnati nella contemporanea Nove Colli di Cesenatico per fare il bis. Proveranno a cercare di impedirgli l’impresa gli esponenti del Velosport Sorrentino e quelli del TCS.
Raffaele Cinque dopo l’empasse di Alberobello dove fu tradito da una crisi di fame è fermamente intenzionato ad ottenere un risultato di prestigio che gli consenta di guadagnare posizioni nella graduatoria del Circuito del Sole e, spalleggiato da Francesco Castellano, cercherà di non perdere le ruote Borrelli nella parte iniziale per poi giocarsi il tutto sull’ascesa conclusiva.

Share/Bookmark

A Mino Raiola il Golden Goal 2011

venerdì 20 maggio 2011 0 commenti

Golden Goal 2011: dal 3 al 5 giugno il calcio italiano fa tappa a Sorrento.

Fervono i preparativi per la quarta edizione del Golden Goal, la kermesse organizzata dal’associazione Le Mani che premia i protagonisti della vita sportiva e calcistica italiana.
Nato da un’idea di Valter De Maggio l’appuntamento, patrocinato dal Comune di Sorrento, si terrà, come consuetudine, nella splendida cornice del Parco dei Principi di Sorrento dal 3 al 5 giugno 2011. Dirigenti, allenatori, calciatori, procuratori, giornalisti: il mondo del calcio, nella tre giorni della kermesse, organizzata da Vincenzo Iannucci, si trasferisce a Sorrento. La consegna dei riconoscimenti avverrà nel corso della serata di gala, che si svolgerà domenica 5 giugno al Tetro Armida.
Sedici, le categorie di premiati. Tra queste, c’è anche quella del Miglior Procuratore. Ad aggiudicarsi il riconoscimento, l’agente di Zlatan Ibrahimovic, Mario Balotelli e Mark Van Bommel, Mino Raiola. Gli altri vincitori saranno svelati il prossimo 26 maggio. È possibile ancora votare il campione preferito collegandosi al sito www.golden-goal.it.
Ricco ed articolato il programma dell’evento: incontri, dibattiti e tavole rotonde renderanno Sorrento l’osservatorio privilegiato del calcio internazionale. Di particolare interesse l’appuntamento dedicato ai quarant’anni de “90° minuto”, con la presenza degli storici inviati della fortunata trasmissione della Rai.
Numerosi gli interventi dedicati ai temi di grande attualità che giornalisti ed esponenti dello sport discuteranno in occasione dei forum e delle presentazioni di libri che, come ogni anno, impreziosiranno la manifestazione.
Particolare attenzione sarà data a Clamoroso al Cibali, il libro di Riccardo Cucchi, volto a celebrare i cinquant’anni di Tutto il calcio minuto per minuto. Di grande rilevanza, poi, il forum sui diritti tv e l’incontro con i “ragazzi di Bearzot”, con alcuni tra i Campioni del Mondo dell’82 presenti al Parco dei Principi.
Durante lo svolgimento del meeting, è previsto anche un esclusivo torneo di tennis vip e, per tutti gli appassionati sportivi, sarà possibile inoltre sfidare i campioni al Gladiagol, torneo di calcetto due contro due presso il Villaggio Golden Goal allestito, ancora una volta, in Piazza Angelina Lauro.



Share/Bookmark

Al via la Rolex Capri Sailing Week

A partire da martedì 24 fino a domenica 29 le barche invaderanno il Golfo di Napoli. Quest'anno programma ampliato con la Volcano Race.

Fervono i preparativi nel backstage dello Yacht Club Capri per l'organizzazione della Rolex Capri Sailing Week. La regata, giunta alla settima edizione, che quest'anno si incrocerà con la Rolex Volcano Race 2011, raddoppiando lo spettacolo nelle acque intorno all'isola, porta in trasferta il nome di Capri grazie al gemellaggio che il Presidente dello Yacht Club Capri Massimo Massaccesi ha suggellato con lo Yacht Club di Gaeta, che già da quest'edizione si profila come un binomio forte e vincente.
Infatti lunedì a Gaeta al briefing e al welcome party della Rolex Volcano Race interverrà anche Massimo Massaccesi, così come alla partenza dei Maxi e Mini Maxi che prenderanno il via dalle acque di Gaeta per toccare le Isole Eolie di Vulcano e Filicudi per raggiungere poi Capri nella giornata finale dopo aver percorso le 400 miglia di distanza. I vincitori e tutti i team arriveranno a Capri sull'isola in tempo per partecipare al Rolex Party alla Canzone del Mare e alle premiazioni, che quest'anno vedranno, accanto al Presidente Massaccesi, il nuovo Ceo Rolex, Gian Riccardo Marini. Si profila quindi per l'isola azzurra una settimana in cui si fonderanno sport, mondanità, gare e panorami mozzafiato, con la skyline dell'isola vista dal mare.
È stata infatti inserita nel percorso, riservato alle classi che partecipano alla regata caprese, anche una breve “costiera” con il tradizionale giro dei Faraglioni. Prestigioso il nome della Presidente del Comitato di Regata, Maria Torrijo, che nel suo palmares vanta la partecipazione, in veste di giudice alla Coppa America. Ed ancora una volta alla sua esperienza è stato affidato il compito di tracciare i campi di regata, tecnicamente impeccabili, per garantire ai i partecipanti il più alto grado di competizione e spettacolo. E mentre a Gaeta, martedì 24 maggio alle 12 prenderà il via la Rolex Volcano Race, sull'isola azzurra nella Hall del Capri Palace alle ore 19.00 avrà luogo il briefing con tecnici, regatanti, armatori ed equipaggi.
A dare il benvenuto agli ospiti e fare gli onori di casa al welcome cocktail il vicepresidente dello Yacht Club Tonino Cacace, patron dell'hotel. E mentre nelle acque tra le Eolie e Capri a contendersi la vittoria della Rolex Volcano Race saranno gli equipaggi dei Maxi e Mini Maxi, e tra questi lo Skagerrak la storica barca di Raffaele Ranucci, nei campi di regata dell'isola azzurra si batteranno fino all'ultimo colpo di vento e di bolina i Comet 41 e 45, i Mylius 14E55, gli Swan 45, gli X50, gli NM38s e gli T34. E tra questi nomi famosi e storici per la vela italiana come l'imbarcazione Libertine, Campione del mondo ORC e vincitore della Giraglia e della Palermo-Montecarlo, e sul Mylius Frà Diavolo, Vincenzo Addessi, reduce dalla vittoria del Trofeo Punta Stendardo ed un altro nome storico, come quello di Leonardo Ferragamo sullo Swan45 Blue, e Scugnizza, dell'armatore napoletano Di Blasio, che ha appena vinto la 57ma regata della Tre Golfi. E anche quest'anno alla Rolex Capri Sailing Week non potevano mancare i colori del circolo isolano.
Lo Yacht Club di Capri di Capri parteciperà alla regata con una propria imbarcazione, il Comet 41S “Athanor - Egeria”, già campione nel 2009 a Capri, che vedrà al timone Marco Franco e a guidare l'equipaggio il direttore del circolo isolano Conny Vuotto. Un test importante in vista di un altro importante appuntamento che vede lo Yacht Club Capri, ed il suo equipaggio partecipare a settembre a Newport (USA) alla Invitational Cup organizzata dal New York Yacht Club.

Share/Bookmark

Emergenza Doping

Amatori traditi dal ciclismo drogato

«Andate a vedere tra gli amatori quello che succede...». Questo è stato il monito diffuso che ci ha spinti a ripartire con la nostra inchiesta “Emergenza doping”. E al termine di questa quinta tappa siamo arrivati al ciclismo amatoriale. Ad attenderci al velenoso traguardo, c’è quello che per sua esplicita richiesta chiameremo Marco. Omettiamo le sue generalità, in quanto si tratta di uno degli informatori chiave dei Nas di Firenze che lo indagarono tra i tanti ciclisti coinvolti nella famigerata inchiesta “Oil for drug”. La maggiore indagine effettuata sul doping nello sport fino ad oggi, avviata nel 2004 in seguito al decesso di un cicloamatore a Roma. Una delle tante morti sospette tra gli sportivi, su cui gravano le presunte responsabilità di un mondo, da cui Marco ha scelto di dissociarsi e di denunciare con coraggio. «Ma rischiando poi sulla mia pelle... Se non voglio che venga pubblicato il mio vero nome è perché ho subìto minacce di morte insieme a un agente dei Nas che ha condotto l’inchiesta “Oil for drug”».

Minacce di stampo malavitoso a quanto pare. Possibile che tutto questo accada nel pacifico e romantico mondo del ciclismo, per giunta amatoriale?
Sono arrivato al ciclismo a 28 anni, tardi. Prima facevo altri sport, perciò ignoravo un certo tipo di personaggi. Quando sono passato al ciclismo su strada ho fatto la conoscenza di un mondo assurdo, un’umanità impazzita che farebbe di tutto per vincere la gara della domenica.

Il maratoneta Roberto Barbi ha detto che nella sua disciplina l’80% degli amatori sono dopati, anche nel ciclismo siamo su quelle cifre?
Tra gli amatori qui si sale fino al 99,9%... L’ultimo arrivato si può stare certi che almeno un’anfetamina l’ha mandata giù. Il primo classificato si è fatto sicuramente di Epo. Ho conosciuto cicloamatori che prenderebbero anche il salnitro grattato dal muro... Gente che comincia a dicembre con Epo e Gh e poi passa all’efedrina in endovena, per concludere in “bellezza”, magari con lo “Stargate” che è roba che usano i veterinari per darlo ai cani malati.

E lei non ha mai preso tutta questa roba?
Io ho abusato di farmaci dal 2002 al 2003. Per cercare di stare al passo con il gruppo ho cominciato a prendere l’Epo, ma in dosi controllate, senza esagerare, per questo non conosco gli effetti collaterali pesanti che invece so che ha provato chi si è spinto oltre.

Effetti collaterali post-gara o malattie e morti causate dal doping?
Non sono un medico, però ho visto corridori con dei bubboni giganti dietro la schiena perché avevano preso tanto di quel nandrolone da fare schifo. Poi ci sono quelli che per colpa delle sostanze dopanti so che hanno avuto ictus, problemi cardiaci o gli hanno dovuto asportare un rene. Il massimo? Ciclisti che dopo una caduta non hanno potuto operarli perché avevano l’ematocrito a 60...

Un’ecatombe, ma come si arriva a rifornirsi delle sostanze?
Esiste un mercato nero, specie su Internet, in cui ti procuri qualsiasi cosa tu voglia assumere. Poi è un passaparola, nell’ambiente sanno tutti chi è il medico o il preparatore che può darti l’ “aiutone” maggiore. C’è anche una discreta massa di infermieri che razziano i magazzini degli ospedali o fanno finta che certe fiale nell’armadietto del reparto si sono rotte e invece le hanno già trafugate e vendute ai ciclisti.

Sempre Barbi ci ha detto che doparsi ha un costo molto alto, conferma?
Io so di gente che aveva ditte e negozi e che li ha chiusi perché si era indebitata per rifornirsi di doping. Alla fine diventi dipendente e compri le sostanze come i tossicodipendenti acquistano l’eroina o la cocaina. Non ti basta mai e intanto i soldi finiscono.

Ma perché si arriva a tanto?
L’indole umana è fragile e ti porta a cadere in questo grande inganno. Ti convinci che “così fan tutti” e che solo aiutandoti con i farmaci puoi essere vincente. Altrimenti arrivi ultimo e fai la figura del fesso. Oggi so che è molto meglio un ultimo posto da pulito vero.

Quanto si va più veloci in bicicletta con il doping in corpo?
Diciamo che la prestazione può essere migliorata del 10-15%. Però ora che corro senza prendere niente, posso assicurare che mi piazzo comunque tra i primi venti. Basta cambiare sistema di allenamento e curare l’alimentazione per essere competitivi lo stesso. Certo, se poi l’obiettivo è la vittoria, allora bisogna per forza ricorrere alla scorciatoia del doping.

Sta dicendo che vince sempre e solo chi si dopa nel ciclismo?
In una classica di Gran Fondo basta andare a scorrere la classifica d’arrivo per vedere che si trovano sempre i soliti nomi tra i primi dieci. Si tratta di ex professionisti o gente che è già stata squalificata perché trovata positiva, ma che continua a correre per 1.200 euro al mese, che non saranno molti, ma è comunque lo stipendio di un operaio che non ha tempo e possibilità di andare in bicicletta.

Tutto questo succede anche nel ciclismo giovanile?
Domenica scorsa ho assistito a una gara di Juniores in cui ho visto dei ragazzi russi fare dei numeri a velocità pazzesche per la loro età. Sono scene ricorrenti, ma nessuno li controlla.

Ma se le squalifiche per doping nel ciclismo sono all’ordine del giorno...
Sì ma beccano sempre i soliti, i più deboli, per cercare di tenere fuori dai guai i “pesci grossi”. Ma è lo stesso che fanno nel calcio dove ogni tanto vanno a pescare il giocatore di secondo piano per far vedere che sono attenti e che l’antidoping funziona a meraviglia.

Pensa il contrario?
Io so solo che il Coni, a quelle 5-6 persone che ho denunciato ai Nas e che hanno avuto un processo penale, non ha fatto assolutamente nulla. Alcuni di loro addirittura sono stati indagati e trovati colpevoli in successive inchieste importanti sui professionisti.

Il ciclismo è davvero lo sport più compromesso?
Quello che circola nel ciclismo è solo la metà delle sostanze che vengono utilizzate nelle palestre, quindi sarebbe il caso di andare in profondità in tutte le discipline e possibilmente farlo prima che capitino delle tragedie come quella che ha originato l’inchiesta da cui è partita anche la mia vicenda personale.

Pentito di essersi esposto così tanto?
Assolutamente no. L’ho fatto soprattutto per i giovani che si avvicinano al ciclismo. Li invito di cuore a non cadere in tentazione e a cercare di essere più forti dell’attrattiva del doping che illude di risolvere la vita e invece non fa altro che creare problemi, a volte irrisolvibili.

Fonte: Massimiliano Castellani www.avvenire.it

Share/Bookmark

Boom di partecipanti al Memorial Battistini

Nuovo boom di adesioni allo slalom Città di Campobasso, Memorial Gianluca Battistini che nel prossimo weekend spegnerà la candelina numero diciannove. Dopo i numeri importanti dello scorso anno, anche nel 2011 la manifestazione targata Aci Campobasso-Molise Racing e Tecno Motor Racing Team ha fatto il bis portando in Molise driver provenienti da ogni parte della penisola. Tanti i driver presenti alla kermesse tricolore che sabato e domenica accenderà l’entusiasmo degli appassionati e degli addetti ai lavori, pronti ad accorrere numerosi lungo la Gildonese. Oltre ai molisani che saranno presenti nella gara di casa, su tutti i campioni italiani della specialità Fabio Emanuele e Martina Iacampo, spiccano i nomi di Vinaccia, Frioni, Castellano (pronti a combattere per la vittoria) oltre che del campione italiano in carica Polini, presente a Campobasso sulla fida A112 e pronto a lottare per mettere in cassaforte punti pesanti in chiave futura. A parte i nomi succitati, nutrite saranno anche le altre classi con piloti di buona caratura che renderanno la manifestazione campobassana di grande spessore. Se da un lato le adesioni sono state numerose, è stato importante e molto prezioso il lavoro svolto dai ragazzi di contrada Mascione che hanno allestito in maniera impeccabile il percorso di gara curandone ogni minimo dettaglio. Del resto se per un altro anno il Memorial Gianluca Battistini è stato inserito nel calendario del campionato italiano slalom e il tracciato è considerato uno dei più belli della penisola, un motivo ci sarà.
 La grande due giorni dedicata ai motori comincerà nella giornata di sabato con le verifiche tecniche e sportive che ci saranno presso la concessionaria Vitale Motor sabato pomeriggio. Domenica, poi, si farà sul serio con la gara che prenderà il via alle 12,30 dopo la manche di ricognizione.

Share/Bookmark

Hellas Verona - Sorrento prevendita al Bar La Scala

Dalla giornata di mercoledì, sono disponibili presso i punti vendita del circuito Ticket One, i biglietti per la gara d'andata della semifinale dei playoff promozione, del Girone A  della Prima Divisione in programma domenica 29 maggio allo stadio Marcantonio Bentegodi (ore 16).
Da sabato 21 maggio per i tifosi rossoneri, la prevendita sarà attivata anche presso il Bar La Scala di Piano di Sorrento, sino a sabato 28 maggio alle ore 19.00.
Si ricorda che per l'acquisto del tagliando della gara che ha un costo di 13 euro (12 €+1€ diritto di prevendita), valevole per il settore ospiti del "Bentegodi" è necessaria la Tessera del Tifoso.

Share/Bookmark

Piano in festa per Hamsik e Maggio

Entusiasmo alle stelle, ieri pomeriggio, a Piano di Sorrento, per l'arrivo di Marek Hamsik e Chistian Maggio. I due calciatori azzurri sono intervenuti presso la sede del negozio Dooa Store al Corso Italia per promuovere la nuova linea di abbigliamento di uno degli sponsor istituzionali del Napoli. Accolti dal titolare Vanni Carretta, i due azzurri hanno posato per foto ricordo con i tanti tifosi in festa. I due azzurri hanno firmato tanti autografi e posato per le foto ricordo dei circa 300 tifosi accorsi per applaudire i due calciatori azzurri. Ultimo atto della loro escursione in costiera, il taglio di una torta con la Champions League, il Vesuvio e il logo del Napoli.

Share/Bookmark

Qui Verona “Meglio giocare a Sorrento”

Continua la disinformazione dei siti vicini all’Hellas Verona che da giorni stanno portando avanti una campagna di stampa diffamatoria contro il campo Italia. Ecco l’ultimo articolo della serie pubblicato dal sito tggialloblu.it. Non sapendo più cosa scrivere, adesso sostengono che è meglio giocare sul terreno irregolare del campo Italia piuttosto che rischiare di giocare al San Paolo di Napoli o al Vestuti di Salerno. In attesa di leggere un articolo in cui chiederanno di giocare entrambe le partite al Bentegodi con un arbitro scelto da loro, gustatevi questo:



Meglio giocare a Sorrento. È il motivo che ha spinto il Verona a non presentare ricorsi per giocare in campo neutro la gara di ritorno delle semifinali dei playoff. L'incartamento raccolto dai professionisti messi al lavoro dalla società gialloblù sarebbe con tutta probabilità bastato per uno spostamento di sede della partita, muri troppo vicino al campo di gioco, rimbalzo della palla irregolare sul sintetico a parte, la Lega avrebbe avuto tutto l'interesse di avere un incasso migliore facendo giocare il match in uno stadio più grande. Ma alla fine il Verona ha preferito non procedere per una serie di motivi, di convenienza e di "politica" sportiva. Primo tra tutti, il fatto che se non si fosse giocato all'"Italia", campo su cui il Sorrento gioca solo grazie ad una speciale deroga, si sarebbe giocato o a Napoli o a Salerno, in stadi tradizionalmente "avversi" dove il pubblico contro sarebbe stato molto di più dei tremila e spiccioli che può contenere il piccolo impianto campano. E l'ambiente sarebbe stato ancora più caldo. 
C'è poi il fattore Mandorlini, che ha avuto peso in casa dell'Hellas. Il tecnico gialloblù, persa 2-0 la partita di ritorno dello scorso aprile, ha sempre fatto capire di voler tornare a Sorrento a prendersi una rivincita. Una convinzione che l'allenatore si è dimostrato in grado di trasmettere alla squadra.
Verona che in maniera indiretta ma con adeguata scelta di tempo ha fatto invece arrivare in Lega il messaggio di essere l'unica società in regola a disputarsi nel girone A il secondo posto per la serie B. Anche nei suoi momenti personali più difficili, e ne ha avuti, il presidente Martinelli non ha mai sgarrato di un giorno nel pagare gli stipendi, i contributi, l'Irpef, rispettare quelle regole federali che altri non hanno rispettato. Il Sorrento da un anno gioca su un campo irregolare, che ha portato ai campani un grande vantaggio nelle partite in casa (13 vittorie su 17 partite e solo 2 sconfitte l'ultima a classifica definita domenica scorsa contro la Cremonese). Alessandria e Salernitana sono due società in coma, ad un passo dal fallimento, tenute in vita solo in prospettiva degli eventuali diritti che arriverebbero dalla promozione. Entrambe le società sono arrivate alla fine del campionato senza pagare gli stipendi, ma a gennaio nessuno ne ha bloccato il mercato. Entrambe le società sono approdate ai playoff accumulando nuove penalizzazioni che solo le assurde regole del calcio italiano vogliono da scontarsi nel prossimo campionato, che per quanto si è capito potrebbe addirittura non vederle più al via. Promozione che il Verona e Giovanni Martinelli meritano nei bilanci e che vogliono conquistarsi, senza sconti, anche sul campo.


Share/Bookmark

Hellas Verona-Sorrento, già venduti 2800 tagliandi

giovedì 19 maggio 2011 0 commenti

La Lega Italiana Calcio Professionistico ha reso noti i primi dati relativi alla prevendita dei biglietti per Hellas Verona-Sorrento, gara di andata della semifinale playoff promozione del Girone A della Prima Divisione, in programma domenica 29 maggio allo stadio Marcantonio Bentegodi di Verona con inizio alle ore 16.00.
Alle ore 20 di giovedì 19 maggio erano stati acquistati già 2.800 tagliandi, di questi ben 2.000 sono di Curva Sud. 

Share/Bookmark

Gegè Rossi talismano rossonero

Il portiere del Sorrento Generoso Rossi vanta un record singolare; nelle tre occasioni in cui ha giocato nel campionato di C1, che adesso si chiama Prima Divisione, ha sempre ottenuto la promozione in serie B.
Gegè esordì in C1 a diciannove anni nella stagione 1998-99 vestendo la maglia del Savoia del presidente Moxedano e di mister Osvaldo Iaconi conquistando subito la maglia di titolare. In quel campionato la squadra oplontina fu promossa in serie B attraverso i playoff dopo essersi classificata al quinto posto nella regular season.
I bianchi di Torre Annunziata in semifinale affrontarono il Palermo che si aveva concluso il campionato in seconda posizione alle spalle della Fermana e lo batterono con il punteggio di una rete a zero sia all’andata giocata al San Paolo di Napoli sia al ritorno allo Stadio della Favorita.
Nell’altra semifinale la Juve Stabia superò il Giulianova. Dopo essere state sconfitte per tre a due in Abruzzo le vespe vinsero il confronto di ritorno per due a zero.
La finale in partita unica si giocò al Partenio di Avellino il 13 giugno 99 e vide la vittoria del Savoia per due reti a zero. Gegè disputò una buona partita ottenendo il primo successo della sua carriera.
L’anno successivo Rossi passò a difendere la porta del Crotone e la squadra calabrese si rese protagonista di una cavalcata trionfale ottenendo la promozione diretta con il primo posto nel girone B, totalizzando 69 punti contro i 62 dell’Ancona.
La carriera di Rossi proseguì poi sui campi di A e B con Bari, Venezia, Lecce, Siena e Triestina vestendo anche la maglie della nazionale under.
Nel 2008 fu ingaggiato dal Gallipoli tornando in Prima Divisione. Terza partecipazione e terza vittoria con i giallorossi pugliesi che riuscirono a precedere tutti con un gran finale di campionato approdando in serie B direttamente con 66 punti contro i 64 del Benevento e i 59 del Crotone che poi fu promosso in cadetteria attraverso i playoff.
Nonostante l’ottimo campionato disputato l’anno seguente Rossi non fu riconfermato dal Gallipoli e rimase fermo fino a gennaio accettando poi di firmare per il Sorrento. Purtroppo, alcuni problemi di salute non permisero a Gegè di scendere in campo.
Gambardella e Simonelli però sapevano di avere per le mani un grande portiere e un grande uomo e hanno atteso con pazienza che ritrovasse la condizione per consegnarli la maglia di titolare della porta del Sorrento.
Rossi è diventato subito uno dei leader dello spogliatoio rossonero, instaurando anche un ottimo rapporto con la tifoseria. Quando nell’ultima di campionato Simonelli lo ha lasciato fuori per dare spazio a Casadei e per evitare che potesse ricevere un’ammonizione che essendo Gegè in diffida avrebbe fatto scattare l’automatica squalifica per una giornata impedendogli di scendere in campo nella prima partita dei playoff, lui è andato in mezzo agli ultras a tifare per i propri compagni facendosi fotografare accanto a tutti quelli che glielo hanno chiesto.
Adesso è pronto a riprendere il posto in squadra per guidare i compagni alla conquista della serie B confermando ancora una volta che con lui in porta la promozione è sicura al 100%.

Share/Bookmark

Presentata la Gran Fondo del Volturno

Ha preso il via ufficialmente stamane la quarta edizione della Gran Fondo del Volturno, la manifestazione ciclistica organizzata dall’associazione Centoeventi in collaborazione con i quotidiani Corriere di Caserta e Cronache di Napoli. Nella cornice di Piazza Campania, al Centro Commerciale Campania di Marcianise, si è svolta la conferenza di presentazione della manifestazione. 
A fare gli onori di casa il vicepresidente vicario dell’Ussi (Unione Stampa Sportiva Italiana) e giornalista della Rai Gianfranco Coppola. “È con grande soddisfazione che presento questa manifestazione perché il ciclismo è ormai l’unico sport che a costo zero permette agli appassionati di vedere e parlare con i campioni”.
Ospite d’onore il presidente del consiglio regionale della Campania Paolo Romano. "La Gran Fondo del Volturno è un bellissimo evento che si svolge in un territorio incantevole. Le istituzioni devono appoggiare le manifestazioni che creano i presupposti per far decollare i territori".
La corsa toccherà gran parte dei Comuni del Matese e avrà come luogo di partenza e arrivo la città di Piedimonte Matese.
“Per noi – spiega il sindaco Vincenzo Cappello – è una grande opportunità di crescita. Abbiamo organizzato diversi eventi collegati alla corsa”. Quindi l’intervento del sindaco di Alvignano Angelo Di Costanzo: “Di anno in anno ci sono sempre più persone che assistono a quest’evento che è importante per il territorio”. Poi il presidente della Comunità Montana Fabrizio Pepe: “Il Matese è la perla della Campania, uno scenario eccezionale”. Quindi tocca al presidente del Coni di Caserta Michele De Simone: “Il ciclismo è una festa per i cittadini e sono certo che quest’evento, alla quarta edizione, crescerà ancora di più”, a seguire il presidente provinciale dell’Us Acli Aldo Lellis: “Qui si coniugano sport e natura e gli amanti delle due ruote sono i primi ad apprezzare le bellezze naturalistiche”. A conclusione l’intervento del direttore di Corriere di Caserta e Cronache di Napoli Domenico Palmiero: “Siamo giunti alla quarta edizione di una manifestazione con cui abbiamo voluto dare il nostro contributo alla crescita sociale del nostro territorio”. L’appuntamento è per domenica 29 maggio a Piedimonte Matere per la quarta Gran Fondo del Volturno.

Share/Bookmark

Verona, al lavoro aspettando il Sorrento

mercoledì 18 maggio 2011 0 commenti

Dopo due giorni di riposo l'Hellas Verona torna al lavoro in vista del primo impegno nei playoff, il 29 maggio, in casa con il Sorrento. Oggi i gialloblù si sono allenati in palestra e sul campo a Sandrà, con il solo Napoli tenuto precauzionalmente a riposo, mentre Berrettoni si è sottoposto a terapie. Domani e venerdì seduta pomeridiana, sabato mattutina e poi due giorni di libertà prima di concentrarsi unicamente sul prossimo avversario, che affrontera la squadra di Mandorlini in favore di classifica. Contro i campani sarà assente Pichlmann, appiedato per un turno dal giudice sportivo.

Share/Bookmark

E Giulietta versò lacrime napulitane

Da Verona, il lamentatoio-preventivo di Mandorlini: Stadio Italia irregolare

Questione di stile. Ma anche di strategia. Dalle colonne della Gazzetta dello Sport di stamani, mister Mandorlinisurriscalda il clima che si sviluppa sull’asse Verona-Sorrento, lasciandosi andare ad una pretestuosa rimostranza sulle dimensioni del terreno di gioco dello stadio Italia.
 Un «incubo» per il tecnico ravennate, già bandiera dell’Inter di Trapattoni, che con il club scaligero dovrà scendere in campo nell’impianto di via Califano per il return match della semifinale play off, che si disputerà il 5 giugno. Si tratta per lo più di un film con un copione già scritto, che innesca una polemica ridondante, inconcludente e nauseante. Che inizia anche un po’ a stancare.
Se da un lato, infatti, bisogna assolutamente ammettere che le condizioni generali della struttura sportiva della Città del Tasso «offendono» oltremodo la tradizione di un territorio incantevole, conosciuto e riconosciuto in tutto il mondo per l’amenità e la bellezza dei luoghi e la squisita ospitalità della gente, dall’altro non va assolutamente dimenticato che lo stadio «Italia» è legittimato, senza il ricorso a deroghe di sorta, dalle autorità sportive e di sicurezza, ad ospitare le gare del campionato di Prima divisione. Non è un regalo concesso per chissà quali virtù e raccomandazioni, ma solo la logica conseguenza dell’ottemperanza di una serie di parametri che ha fatto scattare, nell’estate 2010, il quinto «via libera» consecutivo ad un torneo di Lega pro. Cinque stagioni caratterizzate, inoltre, dall’assoluta mancanza di intemperanze sugli spalti, di problemi logistici sul rettangolo di gioco, di disordini sul fronte della sicurezza, anche quando le tifoserie ospiti erano particolarmente numerose. Non è un dettaglio da poco, ma la dimostrazione concreta che la regolarità dello stadio Italia è garantita, collaudata e consolidata su tutti i fronti.
Se mister Mandorlini dubita delle dimensioni del rettangolo di gioco dell’Italia, poteva denunciarlo da subito, senza aspettare l’impegno dei play off. Sarebbe stato un modo per allontanare le illazioni di una polemica innescata ad arte, confezionata su misura per produrre un piagnisteo-preventivo degno delle migliori sceneggiate partenopee di «meroliana-memoria». È una questione di stile.
Lo stesso stile (impeccabile) adottato dal club rossonero di patron Mario Gambardella che, nella gara d’andata della regular season disputato a Verona (terminata 1-1), non osò frignare per le condizioni (quelle sì al limite della regolarità) dell’orto del Bentegodi, dove a rotolare sembrava un cavolfiore e non una sfera di cuoio.
E poi c’è anche una questione di strategia. Le dichiarazioni di Mandorlini innescano una gara parallela, decisamente impari, che verte sulle pressioni mediatiche e ambientali tra Verona e Sorrento. Verona è una grande piazza, nobile decaduta del calcio ai massimi livelli: sotto il profilo del blasone e del seguito di tifosi, ha pochi eguali in Lega pro. Ma il Sorrento non deve cadere nella tentazione di misurarsi su fattori extracalcistici: l’ambiente e la squadra devono assolutamente ignorare ogni elemento che possa trasformare la marcia di avvicinamento ad un appuntamento sportivo in «caciara». La migliore risposta è sul campo e sugli spalti, dove calciatori e tifosi saranno chiamati, ognuno secondo rispettivi ruoli e competenze, a dare il massimo. Indipendentemente dall’avversario.

Share/Bookmark

Domenica 22 lo slalom Città di Campobasso

La grande due giorni di motori per l’edizione numero 19 dello slalom Città di Campobasso, Memorial Gianluca Battistini si avvicina. La manifestazione motoristica firmata come di consueto da Aci Campobasso, Molise Racing e Tecno-Motor Racing Team, in calendario per il 21 e 22 maggio, sarà ancora una volta valida per il campionato italiano di specialità.
Quella del capoluogo molisano sarà la terza gara in calendario del tricolore e non più la quarta (come inizialmente previsto) in considerazione dell’annullamento del sesto slalom Casalborgone Aramengo. Questo accrescerà sicuramente l’attenzione generale nei confronti della kermesse. E arriveranno piloti da ogni parte della penisola, pronti a darsi battaglia a colpi di acceleratore per mettere in cassaforte punti pesanti nella corsa al titolo tricolore.
La kermesse tricolore è stata presentata ieri mattina nel corso di una conferenza stampa organizzata nei locali della Concessionaria Vitale Motor a Campobasso a cui hanno preso parte anche i campioni italiani della specialità Martina Iacampo e Fabio Emanuele in compagnia di Luigi Iacampo, da sempre in prima linea nell’organizzazione della gara.
Il percorso di gara come di consueto sarà ricavato lungo la Gildonese. Le verifiche tecniche e sportive ci saranno sabato pomeriggio presso la concessionaria Vitale Motor dove domenica si svolgerà la premiazione della corsa a partire dalle ore 19. La macchina organizzativa è a lavoro per mettere su un evento di assoluto valore e per accogliere nel modo migliori i tanti piloti provenienti da ogni parte d'Italia. Nutrito sarà il plotone di molisani, pronti come di consueto a fare la parte del leone nell'appuntamento di casa. Tanti saranno anche i big che si giocheranno un posto al sole e cercheranno di mettere in cassaforte punti pesanti per il tricolore slalom.
Tra i pretendenti al successo anche i piloti della scuderia Autosport Sorrento guidati da Luigi Vinaccia che è anche il vincitore dell’edizione 2010 in cui ha preceduto sul podio il laziale Roberto Frioni e il molisano Fabio Emanuele. La battaglia fra i tre si ripeterà quasi sicuramente anche nel 2011.
Grazie all’autotassazione della Molise Racing lo slalom Città di Campobasso sarà ripreso dall’alto con un elicottero, cosa che non accade nemmeno al campionato italiano rally.

Share/Bookmark

Chi è la favorita dei playoff nel girone A?

Chi arriva meglio ai playoff tra Sorrento, Alessandria, Salernitana e Verona?

Ad undici giorni dalle semifinali è la domanda che un po’ tutti si pongono per trovare la favorita alla promozione in serie B. In base ai numeri di un campionato intero il Sorrento dovrebbe avere qualcosa in più ma ha un Paulinho in meno, e non è poco.
Il capocannoniere del girone A con 24 goal spera di recuperare per la semifinale di ritorno del 5 giugno allo stadio “Italia”.
Proprio il fattore campo, con il manto in erba sintetica più stretto di ben 8 metri rispetto a quasi tutti gli altri, è un vantaggio importante per la squadra di Simonelli che non a caso tra le mura amiche ha quasi sempre vinto (13 successi su 17 partite).
Il Verona però può contare su un pubblico di gran lunga superiore rispetto a quello del Sorrento, fattore che potrebbe influenzare la gara di andata del 29 maggio al “Bentegodi”.
 Inoltre gli scaligeri sono reduci da una rimonta imponente che, dopo il cambio in panchina tra Giannini e Mandorlini, li ha portati dai playout ai playoff. In base ai numeri di metà campionato invece, e veniamo all’altra semifinale, la favorita è la Salernitana che nel girone di ritorno ha fatto meglio di tutti con 34 punti.
 La squadra di Breda arriva in crescendo all’appuntamento con i playoff anche dal punto di vista fisico, altro dettaglio da tenere presente quando il caldo comincia a farsi sentire.
Breda è stato bravo a trasformare un potenziale problema, quello dell’abbondanza di giocatori, in un’arma in più. La Salernitana ha a disposizione un parco attaccanti da fare invidia a qualsiasi squadra. Attenzione però all’Alessandria che punta molto sulla solidità difensiva.
 I grigi hanno incassato appena 28 goal in 34 partite (migliore difesa del torneo) e in casa hanno perso solo una volta. Gli scontri diretti nella stagione regolare vedrebbero una finale tra Alessandria e Sorrento ma i playoff hanno sempre avuto una storia a sé.

Share/Bookmark

Tutti in campo tranne Manco

Oggi, dopo due giorni di riposo, è ripresa la preparazione del Sorrento in vista della fase più importante della stagione, quella dei playoff per la promozione in serie B.
Al campo Italia erano presenti tutti gli effettivi della rosa rossonera ad eccezione di Gaetano Manco che è rimasto a riposo in quanto risente ancora della contrattura al polpaccio che lo ha costretto ad uscire anzitempo dal campo durante l’incontro con la Cremonese. La situazione comunque non desta preoccupazione e probabilmente l’attaccante napoletano riprenderà ad allenarsi con il gruppo già a partire da domani.
Sono scesi regolarmente in campo con il resto del gruppo sia il brasiliano Paulinho che il senegalese Niang che hanno svolto senza alcun problema tutta la parte atletica dell’allenamento per poi rientrare in palestra quando si è passati a quella dedicata alla tattica.
La seduta di allenamento si è conclusa con la consueta esercitazione undici contro undici su un campo dalle dimensioni ridotte.
La preparazione dei rossoneri proseguirà domani con il consueto allenamento pomeridiano del giovedì.

È iniziata intanto la vendita dei biglietti del settore ospiti dello stadio Bentegodi per l’incontro di andata della semifinale playoff Hellas Verona - Sorrento in programma domenica 29 maggio con inizio alle ore 16. I tagliandi possono essere acquistati presso i punti vendita del circuito Ticket One al prezzo di 12 euro più diritto di prevendita (1 euro).
A Sorrento i tagliandi sono in vendita presso Crazy Disco, Via degli Aranci 31/H Sorrento (tel 081 8072114)

Share/Bookmark

Tutti in piscina, in 629 a Modugno per i Nazionali Propaganda

martedì 17 maggio 2011 0 commenti

Il 14 e 15 maggio si è disputata per la prima volta in Puglia, presso le piscine Comunali di Modugno, la manifestazione nazionale “Tutti in piscina”, riservata ai tesserati Propaganda nati dal 1992 al 2003. Grande la partecipazione con ben 629 iscritti (per 1294 presenze/gara) in rappresentanza di 51 società provenienti da Abruzzo, Basilicata, Campania, Lazio, Marche, Molise, Sicilia e Puglia. Impeccabile l’organizzazione a cura della Federnuoto in collaborazione con il Comitato FIN Puglia e con la società ospitante.
La gara si è svolta in un clima stemperato da pressioni competitive tipiche dell’attività agonistica nel pieno rispetto delle indicazioni e delle finalità del settore Propaganda della FIN, il cui intento è strettamente legato all’educazione e formazione tecnico-sportiva del giovane nuotatore, e non tanto al riscontro cronometrico. Certo, nel caso di manifestazioni nazionali, il confine tra attività Propaganda e attività Agonistica è talmente sottile che quasi non se ne coglie la differenza, basti dare un’occhiata ai tempi degli atleti saliti sul podio per rendersi conto del tasso tecnico, tutt’altro che amatoriale, dei nuotatori in gara.
Il Nuoto Club Penisola Sorrentina ha preso parte alla manifestazione con 22 miniatleti sui 30 che avevano acquisito il diritto a partecipare. Anche se quest’anno il livello tecnico si è alzato in maniera impressionante i piccoli nuotatori sorrentini si sono comportati in maniera egregia, migliorando quasi tutti i propri primati personali.
Per quanto riguarda i piazzamenti da podio: Di Maio Christian Philip ha vinto l’argento nei 50 stile libero e il bronzo nei 50 delfino nella categoria 2001, mentre Maria Teresa Fontana ha vinto  l’argento di nei 50 delfino nella Categoria 2001.
Ecco l’elenco di tutti i partecipanti alla manifestazione: Di Maio Christian Philip, Miccio Eugenio, Milano Gennaro, Cucurullo Luca, Marrone Riccardo, Sorrentino Giovanni, Volpe Niccolò, D’Orso Rosa, Imperati Carla, D’Orso Enrico, Imperati Leonardi, Vanacore Aldo, Laudano Arianna, Imperati Vincenzo, Magliano Francesco, Guida Margherita, Mastellone Sara, Minieri Luigi, Mastellone Erminio, Cocurullo Francesca, Fontana Maria Teresa, Parlato Alice.

Share/Bookmark

Il 18 maggio la presentazione della Gran Fondo del Volturno

Si terrà mercoledì 18 Maggio 2011 la conferenza stampa di presentazione della quarta edizione della “Gran Fondo del Volturno”, quest’anno targata “Distilleria Petrone”, in programma domenica 29 Maggio a Piedimonte Matese, in provincia di Caserta. L’appuntamento è fissato al centro commerciale Campania di Marcianise alle ore 11.30, in “Piazza Campania”. La kermesse è organizzata dall’associazione “Centoeventi”, in collaborazione con i quotidiani Corriere di Caserta e Cronache di Napoli. Saranno presenti oltre al direttore del Corriere di Caserta e di Cronache di Napoli, Domenico Palmiero, il presidente del consiglio regionale Paolo Romano, il presidente della Provincia di Caserta Domenico Zinzi, il sindaco di Piedimonte Matese Vincenzo Cappello, il sindaco di Alvignano Angelo Di Costanzo, il presidente della Comunità Montana del Matese Fabrizio Pepe, il presidente del Parco del Matese Pino Falco, il giornalista della Rai Gianfranco Coppola, il presidente provinciale del Coni Michele De Simone e il presidente provinciale dell’Acli Aldo De Lellis. Dopo il successo delle tre precedenti edizioni, che hanno visto la partecipazione di centinaia di corridori provenienti da tutta Italia, la Gran Fondo del Volturno tende a diventare sempre più un appuntamento fisso per gli appassionati della “due ruote”, che potranno cimentarsi in una gara molto appassionante e nello stesso tempo godersi il panorama e gli splendidi scenari del Matese, una terra che offre una natura incontaminata come in pochi altri posti è possibile trovare. Partendo dal centro di Piedimonte Matese, la carovana ciclistica attraverserà una ventina di comuni della zona, affronterà il “Gran premio della montagna” a Miralago al termine di una salita lunga circa 15 chilometri, molto impegnativa ma accessibile a tutti. Si passerà davanti al lago del Matese, da sempre meta di turisti, e davanti al lago di Gallo Matese, per dirigersi verso i paesi che fanno della storia il loro punto di forza, come Alife, dove è possibile ammirare le mura romane. L’arrivo è previsto sempre al centro di Piedimonte Matese, per poi fare ritorno nel luogo di ritrovo della manifestazione, l’Istituto Salesiani Don Bosco, dove la festa continuerà con un pasta party preparato dall’istituto Alberghiero “V. Cappello” di Piedimonte Matese, aperto a tutti i partecipanti, e le premiazioni di tutti gli atleti che si saranno distinti nel corso della gara. Alla gara di 125 chilometri potranno partecipare tutti gli atleti tesserati F.C.I., U.D.A.C.E., U.I.S.P., A.C.L.I. e Enti di promozione sportiva e cicloamatori in regola con la Federazione di appartenenza per l'anno 2011, appartenenti a tutte le categorie, di ambo i sessi in età dai 15 anni in su.

Share/Bookmark

In bus a Verona con 10 euro

Per la partita di andata della semifinale dei playoff promozione della Prima Divisione tra Hellas Verona e Sorrento in programma domenica 29 maggio alle ore 16 allo stadio Marcantonio Bentegodi di Verona i tifosi rossoneri organizzano dei Bus che partiranno da Piazza Lauro alle ore 05.00 al prezzo simbolico di € 10.
Si consiglia di aderire il più presto possibile in quanto sarà possibile prenotarsi fino ad esaurimento dei posti disponibili.
I bus sono messi a disposizione gratuitamente dal Comune e dalla Società.
Gli Ultras Sorrento ring raziono coloro che hanno permesso di organizzare questa trasferta in pullman. I 10 euro serviranno per preparare una maestosa coreografia per la partita di ritorno.

Per informazioni e prenotazioni contattare:

Andrea 3396942914
Antonio 3382910176
Franco 3667058177 

Share/Bookmark

Hellas Verona-Sorrento, biglietti in vendita da domani

Tagliandi disponibili presso i circuiti Index/Best Union e Ticket One. Prezzi definiti dalla Lega Italiana Calcio Professionistico, ente organizzatore dell'evento

L’Hellas Verona rende noto che saranno disponibili dalla giornata di mercoledì, presso i punti vendita dei circuiti Index/Best Union e Ticket One, i biglietti per la gara d'andata della semifinale play-off, in programma domenica 29 maggio (ore 16) allo stadio Bentegodi. Nel giorno della partita è possibile l'acquisto presso l'Hellas Verona Ticket Point (parcheggio A), a partire dalle 11 fino al fischio d'inizio.
Prima Fase - Prelazione: fino alle 13 di sabato 21 maggio, riservata a chi ha sottoscritto un abbonamento per il campionato 2010/2011. Fino alla scadenza indicata si può procedere alla riconferma del proprio settore. Il nome riportato sull'abbonamento deve coincidere con l'utilizzatore del biglietto; la tessera stagionale e di conseguenza il diritto di prelazione non sono cedibili a terzi.
Seconda Fase - Vendita libera: dalle 13 di sabato 21 alle 19 di sabato 28 maggio.

Under 14: è possibile ritirare gratuitamente un pass d'accesso all'impianto sportivo presso l'Hellas Verona Ticket Point nel giorno della gara. Opzione prevista per tutti i settori, eccezion fatta per Curva Nord e Curva Sud, dove non sono previste riduzioni.

Questi i prezzi dei tagliandi, definiti dalla Lega Italiana Calcio Professionistico:

Poltronissime € 30,00
Poltrone € 20,00
Tribuna Superiore Ovest € 15,00
Curva Sud € 12,00
Curva Nord (settore ospiti) € 12,00

La Lega Pro ha quantificato in 1€ i diritti di prevendita.

Share/Bookmark

Sulle Rotte dei Borbone a Grande Vento

Il Trofeo velico di altura Sulle Rotte dei Borbone va a Grande Vento, l’imbarcazione della lega navale di Castellammare di Stabia dell’armatore Emilio Somma. Sessanta equipaggi hanno gareggiato nello specchio d'acqua del Miglio d'oro per la regata velica d'altura Sulle Rotte dei Borbone organizzata dal Circolo Nautico di Torre del Greco e inserita negli appuntamenti degli Itinerari Vesuviani, valida anche quale sesta prova del campionato primaverile velico di altura Vele di levante.
La regata ha toccato le zone di Torre di Bassano, Porto di Torre del Greco, Pietrarsa e l'approdo borbonico della Favorita ad Ercolano ma a causa del vento debole il percorso è stato ridotto. Solo tre le imbarcazioni che sono riuscite a tagliare il traguardo entro i tempi massimi. Alle spalle di  Grande Vento si è piazzata Greyhound dell’armatore Francescopaolo De Luca del Circolo Nautico di Torre del Greco, seguita da Work in Progress di Renato De Santis del Circolo Nautico Torre Annunziata.
Sulle Rotte dei Borbone è un progetto della Fondazione Ente Ville Vesuviane con l'organizzazione sportiva del Circolo Nautico di Torre del Greco e la collaborazione della Provincia ed è una regata valida come sesta prova del Campionato primaverile Vele di Levante.
"Contribuire alla realizzazione di un evento prestigioso come questo - spiega Gianluigi Ascione, vicepresidente del Circolo Nautico di Torre del Greco e delegato Fiv per l'altura - significa ancora una volta valorizzare la risorsa mare, le bellezze dell'area del Miglio d'Oro ed incentivare la sana pratica sportiva". “La fruizione dei Beni Culturali - aggiunge l'architetto Paolo Romanello, direttore generale della Fondazione Ente Ville Vesuviane - può essere valorizzata e promossa in tanti modi, questo del gemellaggio con lo sport, non solo è originalissimo, ma costituisce ormai una bella e consolidata tradizione".
Mercoledì 25 maggio nella splendida cornice della Villa Campolieto di Ercolano si terrà la cerimonia di premiazione della regata con la presentazione del progetto per l'ambiente e la tutela del mare Sailing Tour 2011.

Emanuela Sorrentino (addetto stampa Circolo Nautico Torre del Greco)

Share/Bookmark

Cinque tradito da una crisi di fame

lunedì 16 maggio 2011 0 commenti

Dopo la vittoria di Subiaco e l’inebriante partecipazione alla tappa campana del Giro in qualità di inviato del nostro sito, Raffaele Cinque è tornato in gara nella Gran fondo di Alberobello-Murge portando a casa un ventiquattresimo posto che gli permette di compiere un leggero passo in avanti nella classifica di categoria del Circuito del Sole.
Ad un certo punto della corsa poco prima di affrontare la temuta salita dello Zoo Safari di Fasano le prospettive erano ancora migliori infatti il gruppetto di cui faceva parte Cinque era riuscito a riportarsi sulla testa della corsa raggiungendo il sestetto al comando composto da Balzano Luigi (Team Calcagni Cavaliere Black Panthers), Trotta Domenico (Sirino Cycling Team) Ciccarese Fabio (Gsc Grottagle), D’Aniello Antonio (Cercaziende.it Cycling Team) Buono Vito ed Elettrico Tommaso (Team System).
Il sogno però durava solo pochi chilometri. Infatti appena affrontata la salita in seguito all’allungo di Tommaso Elettrico e Antonio D’Aniello il gruppetto di testa si rompeva nuovamente e Raffaele Cinque accusava una improvvisa crisi di fame che lo portava a perdere contatto e a farsi successivamente raggiungere e superare dai più immediati inseguitori.
Fortunatamente il sopraggiungere dell’ammiraglia guidata dal padre Pietro gli permetteva di mettere nel serbatoio una dose di zuccheri ad efficacia immediata che gli consentivano di salvare almeno in parte la giornata conquistando il ventiquattresimo posto a 9’36” Elettrico che nei chilometri finali era riuscito a staccare anche l’ex professionista napoletano Antonio D’Aniello concludendo la gara in solitaria a braccia levate.
Dietro i primi due la volata del gruppo inseguitore vedeva prevalere Geronimo Nicola (Autotrasporti Convertini), su Luigi Balzano, Gaetano Colletta, Armando Marzano, Vito Buono, Antonio Borrelli, Salvatore Solina, Giuseppe Navedoro, Stefano Miniello, Fabio Ciccarese e Onofrio Mozzillo gli stessi da cui si era staccato Cinque causa la crisi di fame.

Share/Bookmark

Allievi battuto il Palermo ai rigori. Ora arriva l’Empoli

Nella gara di ritorno dei sedicesimi di finale del campionato nazionale allievi il Sorrento dopo aver pareggiato all’andata per uno a uno e dopo che i tempi regolamentari si erano conclusi con lo stesso risultato maturato in terra siciliana è riuscita a battere il Palermo 6-5 ai calci di rigore, I rossoneri, così, volano agli ottavi di finale dove trovano ad attenderli l’Empoli che si è sbarazzato della Lazio.

Sorrento - Palermo 6-5 d.c.r. (1-1)
Sorrento (4-4-2): Lombardo; Romano, Raiola (dal 37' s.t. Cappiello), Siniscalchi (dal 1's.t.s. Di Franco), Terminiello; Costabile, Cuomo (dal 20' s.t. Federico), Raffone (dal 34' s.t. Iovino), Siano (dal 37' s.t. Nicolai); Somma (dal 13' s.t. Rubicondo), Gargiulo. A disposizione: Balestrieri. Allenatore: Antonio Raiola.
Palermo (4-3-3): Patania; Accardo, Monteleone D. Vitale, Viscuso; Corniglia (dal 1' s.t. Grippi), Compagno, Sanseverino; Bollino, Di Stefano (dal 20' s.t. D'Angelo), Zerbo. A disposizione: Barcellona, Alongi, Sirigu, Monteleone E. Migliore. Allenatore: Rosario Compagno.
Arbitro: Carmine Di Ruberto di Nocera Inferiore (Genovese/Laudonio)
Marcatori: 28' p.t. Gargiulo (S), 27' s.t. Viscuso (P). Sequenza rigori: D'Angelo (P) gol, Costabile (S) gol, Compagno (P) parato, Iovino (S) gol, Bollino (P) gol, Rubicondo (S) gol, Viscuso (P) gol, Federico (S) gol, Corniglia (P) gol, Gargiulo (S) gol.
Ammoniti: Raiola (S), Compagno (P), Costabile (S), Cappiello (S), Sanseverino (P), Gargiulo (S)

Share/Bookmark

Coppa delle 2 Costiere (highlights primi tre arrivati)


Ecco gli highlights dei primi tre classificati alla Coppa delle 2 Costiere di Autoslalom che si è corsa sabato 14 maggio sui tre chilometri del Nastro Azzurro che da Colli San Pietro portano, attraverso Colli di Fontanelle, a Picco Sant’Angelo, organizzata dal Rombo Team Napoli, e valida per la Coppa CSAI Slalom 5a zona, e il Campionato Regionale Campania Slalom 2011. Ai primi tre posti tre piloti del team Autosport Sorrento: Luigi Vinaccia, Salvatore Castellano e Sebastiano Castellano. 

Share/Bookmark

A Vinaccia la Coppa delle 2 Costiere

La venticinquesima edizione della Coppa delle Due Costiere, classica gara di Slalom che si corre sui tre chilometri del Nastro Azzurro che da Colli San Pietro portano, attraverso Colli di Fontanelle, a Picco Sant’Angelo, organizzata dal Rombo Team Napoli, e valida per la Coppa CSAI Slalom 5a zona, e il Campionato Regionale Campania Slalom 2011 ha visto trionfare per la decima volta nella sua storia Luigi Vinaccia.
Il campione di Sant’Agata sui due Golfi dopo aver risolto i problemi di assetto che gli avevano impedito di esprimersi al meglio con la sua Osella Pa9/90-Alfa Romeo nelle prime uscite stagionali è riuscito a bissare il successo ottenuto la domenica precedendo nello Slalom di Torrice, precedendo nuovamente i fratelli Castellano anche loro appartenenti alla scuderia locale Autosport Sorrento Racing. Il podio della Coppa delle Due Costiere è stato lo stesso di Torrice con Salvatore Castellano in seconda posizione e il fratello Sebastiano in terza.
A causa dei numerosi incidenti che si sono verificati la gara si è svolta in due sole manches. Al termine della prima salita la graduatoria era comandata da Vinaccia (Osella Pa9/90-Alfa Romeo) che distanziava di quattro secondi il massese Massimiliano De Simone sceso in gara con una Radical SR4-Suzuki 1500 del Team Autosport Technology. La terza e quarta posizione era occupata da Salvatore e Sebastiano Castellano distanziati di meno di un secondo da De Simone. Più indietro Gianluca Miccio e Pietro Trenga, ambedue su Radical SR4-Suzuki 1300 e Daniele Vanacore, (Radical SR4-Suzuki 1500).
Nella seconda manche Vinaccia abbassava ulteriormente il proprio limite di circa due secondi e i fratelli Castellano facevano ancora meglio. Salvatore riusciva a migliorarsi di oltre cinque secondi stabilendo un tempo di soli 8/10 superiore a quello di Vinaccia. Sebastiano invece stabiliva un tempo di 141,91 scavalcando De Simone che si migliorava pure lui ma non riusciva a far meglio di 142,06. Miccio e Trenga non riuscivano a migliorarsi restando in quinta e sesta posizione lontani più di otto secondi dal quarto.
Un vero exploit era realizzato da Franco Gargiulo in gara con una Peugeot 106-Suzuki che riusciva a far meglio di Daniele Vanacore portandogli via la settima posizione. La top ten era chiusa da Francesco De Gregorio (Fiat 126 Yamaha) in nona posizione e Antonino Esposito (Renault 5 GT turbo) in decima.

Share/Bookmark

Sorrento - Cremonese 2-3 (highlights)

Ecco gli highlights dell'incontro Sorrento-Cremonese giocatosi ieri al Campo Italia che è terminato con la vittoria dei grigiorossi per tre reti a due.
Questa la successione delle reti:  4' Vitofrancesco (C), 19' Joelson (C), 33' Esposito (S), 50’ Corsetti (S), 57’ Vitofrancesco (C).
...

Share/Bookmark

Verona - Sorrento in diretta tv

La Lega Pro ha reso noto che la semifinale di andata dei playoff promozione del Girone A della Prima Divisione tra Verona e Sorrento in programma domenica 29 maggio (ore 16) allo stadio Marcantonio Bentegodi sarà trasmessa in diretta tv su tutto il territorio nazionale dal canale Raisport 1 visibile in chiaro sia sul Digitale Terrestre che sulla piattaforma satellitare Hot Bird (Sky). 

Share/Bookmark

Sorrento - Cremonese 2-3 parla Simonelli

Nel dopopartita di Sorrento - Cremonese, l’allenatore rossonero Gianni Simonelli si è intrattenuto brevemente con la stampa rilasciando alcune dichiarazioni che possono essere ascoltate integralmente cliccando sull’icona con il triangolino presente nella parte sinistra dei box in fondo alla pagina.










Share/Bookmark

Sorrento ai playoff col Verona

domenica 15 maggio 2011 0 commenti

Con la disputa della trentaquattresima giornata si è conclusa la regular season del torneo di Prima divisione. Con il Gubbio già in B da una giornata e il Sorrento sicuro della seconda posizione rimanevano da definire le posizioni dal terzo al quinto posto.
L’Alessandria ha vinto (1-0 rete di Croce) a Bassano  assicurandosi il terzo posto. La Salernitana  ha battuto il Gubbio 2-1: 55' Fava (S), 73' Gomez (G), 83' Montella (S) confermandosi in quarta posizione. Il Verona ha pareggiato (0-0) con il Pergocrema conservando la quinta posizione.
Secondo il regolamento dei playoff il Sorrento secondo classificato dovrà affrontare la squadra quinta classificata vale a dire il Verona. Nell’altra semifinale si affronteranno invece Alessandria e Salernitana che sono terminate in terza e quarta posizione.
Le partite di andata delle semifinali playoff della Prima Divisione di Lega Pro si terranno sul campo delle squadre peggio piazzate al termine della regular season secondo il seguente calendario (inizio ore 16):

Semifinali
 Gare di Andata: 29 Maggio 2011 Salernitana-Alessandria e Verona-Sorrento
 Gare di Ritorno:  5 Giugno 2011 Alessandria-Salernitana e Sorrento-Verona

Finale
 Gara di Andata: 12 Giugno 2011
 Gara di Ritorno: 19 Giugno 2011

Secondo questo calendario il Sorrento giocherà la prima gara con il Verona al Bentegodi domenica 29 maggio alle ore 16. Il ritorno al campo Italia ci sarà domenica 5 giugno.
Per il passaggio in finale vale il seguente regolamento. A conclusione delle due gare di semifinale, in caso di parità di punteggio, per determinare la squadra vincente si terrà conto della differenza reti; in caso di ulteriore parità verrà considerata vincente la squadra in migliore posizione di classifica al termine del campionato.
Le squadre vincenti disputeranno la finale anche essa con una gara di andata e una di ritorno in programma il 12 ed il 19 giugno con inizio sempre alle ore 16.
La gara di andata verrà disputata sul campo della squadra in peggior posizione di classifica al termine del Campionato. A conclusione delle due gare, in caso di parità di  punteggio, dopo la gara di ritorno, per determinare la squadra vincente si terrà conto della differenza reti; verificandosi ulteriore parità verranno disputati due tempi supplementari di quindici minuti ciascuno. Nel caso permanga parità dopo i tempi supplementari, verrà considerata vincente la squadra in migliore posizione di classifica al termine del campionato.
La squadra vincitrice si intenderà classificata al secondo posto del girone ed acquisirà, conseguentemente, il titolo sportivo per richiedere l’ammissione al campionato di Serie B.

Share/Bookmark

Vota il miglior rossonero in Sorrento - Cremonese


Casadei
Terra
Lo Monaco
Di Nunzio
Camorani
Esposito
Armellino
Sabato
Manco
Bonvissuto
Corsetti
Vanin
Nicodemo
Togni


  
pollcode.com free polls

Share/Bookmark

Cremonese corsara. Ai playoff troviamo il Verona

SORRENTO - CREMONESE 2-3

Sorrento (3-4-3): Casadei; Terra (61’ Vanin), Lo Monaco, Di Nunzio; Camorani, Armellino (61’ Nicodemo), Esposito, Sabato; Manco (74’ Togni), Bonvissuto, Corsetti. A disposizione: Pratticò, Ferrara, Schena, Breglia.  Allenatore: Simonelli.
Cremonese (4-3-3): Bianchi; Sales, Cattaneo, Cremonesi, Favalli (66’ Gambaretti); Vitofrancesco, Stefani, Nizzetto (81’ Lucenti); Toledo, Colacone, Joelson (63’ Scaglia). A disposizione: Galli, Bini, Gasparetto, Coda.  Allenatore: Montorfano.
Arbitro: Ceccarelli di Terni. Assistenti: Fazio e Bottegoni.
Marcatori: 4' Vitofrancesco (C), 19' Joelson (C), 33' Esposito (S), 50’ Corsetti (S), 57’ Vitofrancesco (C).

La regular season del Sorrento finisce con una sconfitta interna indolore con la Cremonese. Simonelli come previsto tiene fuori i giocatori in diffida affidandosi al 3-4-3 con Bonvissuto a fare da boa sostenuto da Manco e Corsetti. L’incontro non ha nessuna importanza per la classifica ma il Sorrento ha davanti a se il mese più importante della propria storia ed è quindi pienamente giustificabile la decisione di tirare il fiato.
Nella Cremonese ci sono alcuni elementi che vogliono mettersi in luce e che quindi ce la mettono tutta per dimostrare le proprie doti. Uno di questi è Vitofrancesco che si dice possa interessare anche al Sorrento. Il ragazzo foggiano non si tira indietro e promuove un’azione tambureggiante a cui cerca di opporsi Casadei che devia la prima conclusione ma niente può sulla seconda che porta in vantaggio i grigiorossi.
Il Sorrento cerca di mettere in pratica il nuovo modulo di gioco ma prima che riesca a trovare le giuste distanze la Cremonese colpisce ancora con Joelson. Sotto di due reti i rossoneri reagiscono ma si trovano di fronte ad una difesa compatta rafforzata. Manco tenta di sfondare dalla fascia sinistra ma viene atterrato. Alla battuta va Esposito che batte direttamente in porta. Il pallone carambola sulla spalla di un difensore e supera Bianchi con una traiettoria imparabile.
Il primo tempo si chiude con il Sorrento in attacco senza registrare però altre occasioni da rete. Ad inizio ripresa Simonelli apporta alcune variazioni allo schema di gioco spostando Camorani in posizione centrale di playmaker con Manco largo a destra e Corsetti che affianca Bonvissuto.
Al 5’ Camorani tenta di mandare alla conclusione Esposito ma questi appena entrato in area viene atterrato da Favalli e l’arbitro concede il calcio di rigore. Il tiro di Bonvissuto viene intercettato da Bianchi ma Corsetti è pronto a ribattere in rete riportando le squadre in parità.
Il Sorrento prende coraggio e cerca di ottenere la rete del vantaggio ma viene punito da una ripartenza di Toledo che va via lungo la fascia destra e una volta giunto quasi a fondo campo scarica all’indietro per l’accorrente Vitofrancesco che dal limite dell’area piazza una botta terrificante che supera per la terza volta Casadei.
A questo punto Simonelli cerca di riequilibrare il risultato mandando in campo Nicodemo e Vanin al posto di Terra e Armellino e successivamente Togni al posto dell’infortunato Manco. Il Sorrento riesce però ad ottenere solo dei tiri dalle bandierine mancando regolarmente l’ultimo passaggio. Non va a buon fine neanche una punizione di Togni che dai sedici metri manda il pallone poco oltre la traversa e l’incontro si conclude con il successo degli ospiti.   
A fine gara i tifosi del Sorrento hanno consegnato delle coppe ricordo al Presidente Mario Gambardella, ai Vice Presidenti Attilio Gambardella, Paolo Durante e Franco Ronzi, al Direttore Generale Diodato Scala, al Direttore Generale Marketing e Comunicazione e al Dirigente Addetto all'arbitro Antonino Pane, per gli importanti risultati conseguiti dalla squadra nel corso di questa stagione.
Nel primo turno delle semifinali playoff in programma domenica 29 maggio alle ore 16, il Sorrento andrà a far visita al Verona, mentre la Salernitana ospiterà l’Alessandria. Ritorno il 5 giugno a campi invertiti.
La  Paganese pur vittoriosa sul Sudtirol retrocede in seconda divisione, mentre le altre due retrocesse usciranno dai playout dove il Sudtirol incontrerà il Ravenna e il Monza se la vedrà con il Pergocrema. 

Share/Bookmark

DISCLAIMER - Penisola Sport è un blog d’informazione senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento. La testata ambisce ad essere una piena espressione dell'art. 21 della costituzione italiana. Pur essendo normalmente aggiornato più volte quotidianamente, non ha una periodicità predefinita e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'autore si riserva, tuttavia, la facoltà di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contrario al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.